SUPER GREEN PASS / SICILIA E SARDEGNA VIETATE AI NON VACCINATI, E’ CAOS  

Condividi questo articolo

Italia senza isole.

E’ l’ultimo dei paradossi usciti dall’incredibile cilindro del Super Green Pass inventato dal Monarca Mario Draghi & C.

Il lasciapassare vaccinale, infatti, è rigorosamente richiesto a tutti coloro i quali, italiani a tutti gli effetti, soprattutto siciliani, sardi e calabresi, of course, osano imbarcarsi per raggiungere la terra promessa.

E oggi, fattualmente, irraggiungibile se non si è muniti del miracoloso Green Pass in edizione Super, l’ultima trovata dell’esecutivo.

Colossali i disagi soprattutto a Villa San Giovanni, dove si ammassano centinaia di persone (creando a questo punto la calca ad hoc per la diffusione di omicron) semplicemente per esercitare l’elementare diritto di imbarco.

Altro che il Muro di Berlino d’un tempo!

Chi infatti desidera prendere il solito traghetto per motivi familiari o di lavoro, di studio oppure di salute, si vede negare la traversata, ormai in questi giorni un miraggio per molti, rispediti al mittente.

Preoccupano soprattutto i motivi di salute (tanti malati costretti ancora oggi ai viaggi della speranza, dalla Sicilia verso i più attrezzati ospedali del centro nord) dei quali – di tutta evidenza – il governo se ne fotte: visto cosa ha già combinato con la scellerata gestione della pandemia. In pole position la folle (e solo oggi bocciata dal TAR del Lazio) ordinanza del ministero della Salute a base di “Tachipirina e vigile attesa” che ha fatto una strage da 120 mila morti, vite spezzate perché è stato negato il più elementare diritto alle cure, ai farmaci, alle terapie che avrebbero potuto evitare il decesso.

Cateno De Luca

Ma torniamo alle migliaia di disperati ai quali viene vietato lo sbarco in Sicilia.

Il sindaco di Messina, Cateno De Luca, anni fa salito alla ribalta delle cronache per alcune folkloristiche prese di posizione, stavolta ha deciso di fare sul serio: se il governo non ritira il provvedimento, blocchiamo lo Stretto, preannuncia.

Nel frattempo, si sta rimboccando le maniche per organizzare dei trasbordi su imbarcazioni private: proprio come i migranti che cercano di arrivare sul continente a bordo di pescherecci e ogni mezzo di fortuna allestito dai trafficanti di esseri umani.

Possibile che il governo non veda, non senta, non parli e non adotti un provvedimento d’urgenza per tamponare una simile emergenza?

Condividi questo articolo

Lascia un commento