Fauci sui non vaccinati, smentito da Malone

Condividi questo articolo

Il dottor Anthony Fauci ha affermato che la continua diffusione di COVID tra i non vaccinati potrebbe portare a un decorso più grave della malattia.

Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), ha detto agli spettatori di Meet the Press della NBC:

«Come abbiamo sempre detto, questa è fondamentalmente una pandemia tra i non vaccinati. Si è dimostrato vero… Uno dei problemi… è che non vuoi che le persone si ammalino, vengano ricoverate in ospedale e muoiano. Ciò sta accadendo ora prevalentemente – in modo preponderante– tra i non vaccinati».

«Tony Fauci non è un epidemiologo», ha affermato Malone. «Non ha un MPH [Master in sanità pubblica]. Non è qualificato. Moderna è il primo vaccino mai uscito dal NIAID che si è solo avvicinato alla licenza»

Fauci ha detto agli spettatori che i vaccini «agiscono abbastanza bene contro la variante Delta, in particolare nel proteggere da forme gravi». Ma se «dai al virus la possibilità di continuare a cambiare», ha continuato, «potremmo ottenere una variante peggiore e questo avrà un impatto non solo sui non vaccinati, ma inciderà anche sui vaccinati perché quella variante potrebbe eludere la protezione del vaccino».

 

Alcuni esperti non sono d’accordo.

In un’intervista rilasciata a The Defender, il dottor Robert Malone, inventore dei vaccini mRNA e DNA, esperto mondiale di tecnologie RNA e medico formato ad Harvard, ha affermato che esiste un’agenda per la vaccinazione universale che non è scientificamente valida.

 

Malone ha detto:

«Hanno completamente fallito nello sviluppo di un vaccino contro l’AIDS. Non sono riusciti a sviluppare un vaccino per la West Nile né un vaccino per il virus Zika. Ogni volta che c’è un’epidemia, Fauci si presenta al Congresso e chiede un sacco di soldi per creare un vaccino e questa è la sua prima grande vittoria. Sembra che si siano intestarditi che il vaccino sia l’unica soluzione».

«Hanno completamente fallito nello sviluppo di un vaccino contro l’AIDS. Non sono riusciti a sviluppare un vaccino per la West Nile né un vaccino per il virus Zika»

Secondo Malone, Fauci ha implementato la «nobile bugia». La nobile bugia è che dobbiamo raggiungere l’immunità di gregge per la ripresa economica e ridurre al minimo la morte e la disabilità, che questi vaccini genici sono l’unica via disponibile per l’immunità di gregge e che sono perfettamente sicuri.

Ognuna di queste affermazioni è palesemente falsa, ha affermato Malone.

La crisi delle infezioni dopo il vaccino è arrivata davvero al culmine quando il Washington Post ha ottenuto e divulgato una presentazione dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), ha detto Malone.

 

Secondo i dati del CDC, a maggio il 15% dei ricoverati in ospedale per COVID era completamente vaccinato. Il numero era solo del 3,1% ad aprile.

Malone ha affermato che i dati del CDC chiariscono che, anche se fossimo tutti completamente vaccinati e mascherati, nella migliore delle ipotesi possiamo rallentare la diffusione del Delta ma non possiamo arrestarla.

 

Malone, che crede che la morte e la disabilità giustifichino ancora la vaccinazione nelle popolazioni ad alto rischio, sottoscrive la teoria del Dr. Geert Vanden Bossche secondo cui le continue campagne di vaccinazione di massa agevoleranno la formazione di nuove varianti virali più infettive.

Ogni volta che c’è un’epidemia, Fauci si presenta al Congresso e chiede un sacco di soldi per creare un vaccino e questa è la sua prima grande vittoria. Sembra che si siano intestarditi che il vaccino sia l’unica soluzione»

«Geert Vanden Bossche – sono d’accordo con il fatto», ha detto Malone, «che non dovremmo vaccinare tutti perché genereremmo solo mutanti in fuga».

Vanden Bossche è un virologo ed esperto di vaccini che ha lavorato con GSK Biologicals, Novartis Vaccines, Solvay Biologicals, il team Global Health Discovery della Bill & Melinda Gates Foundation a Seattle e Global Alliance for Vaccines and Immunization a Ginevra.

A marzo, Vanden Bossche ha dichiarato:

«Non c’è dubbio che le continue campagne di vaccinazione di massa consentiranno a nuove varianti virali più infettive di diventare sempre più dominanti e alla fine si tradurranno in una drammatica inclinazione nei nuovi casi nonostante i maggiori tassi di copertura vaccinale. Non c’è dubbio nemmeno che questa situazione porterà presto alla completa resistenza delle varianti circolanti agli attuali vaccini».

 

Lo scienziato proseguiva dicendo:

«La combinazione di lockdown e di un’estrema pressione selettiva sul virus indotta dall’intenso programma globale di vaccinazione di massa potrebbe ridurre il numero di casi, ricoveri e decessi a breve termine, ma alla fine indurrebbe la creazione di più varianti pericolose – fenomeno noto come “fuga immunitaria”».

«Non c’è dubbio che le continue campagne di vaccinazione di massa consentiranno a nuove varianti virali più infettive di diventare sempre più dominanti e alla fine si tradurranno in una drammatica inclinazione nei nuovi casi nonostante i maggiori tassi di copertura vaccinale. Non c’è dubbio nemmeno che questa situazione porterà presto alla completa resistenza delle varianti circolanti agli attuali vaccini»

Ciò indurrà le aziende di vaccini a perfezionare ulteriormente i vaccini che andranno ad aumentare la pressione sulla selezione, producendo varianti sempre più trasmissibili e potenzialmente letali.

 

 

Aumentano i casi di positività dopo i vaccini negli Stati Uniti

Gli ultimi numeri di casi di positività dopo il vaccino diffusi dal CDC, a partire dal 2 agosto, mostrano 7.525 persone completamente vaccinate con casi di infezione dopo il vaccino COVID. Di questi, 7.525 persone, 7.101 sono state ricoverate in ospedale e 1.507 persone sono morte.

Si ha un caso di reinfezione quando una persona risulta positiva al COVID dopo aver completato il ciclo di vaccinazione. Una persona è considerata completamente vaccinata due settimane dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino Pfizer o Moderna , o due settimane dopo aver ricevuto il vaccino monodose Johnson & Johnson (J&J).

 

A maggio, il CDC ha rivisto il sistema per la segnalazione di casi di positività dopo il vaccino, affermando che avrebbe conteggiato solo quei casi che hanno portato al ricovero in ospedale o la morte. In precedenza, l’agenzia aveva incluso nel conteggio chiunque fosse risultato positivo al COVID.

Secondo il CDC, il sistema di sorveglianza per i casi di reinfezione è passivo e si basa su segnalazioni volontarie da parte dei dipartimenti sanitari statali, quindi potrebbero non essere complete. Inoltre, alcuni casi di positività dopo il vaccino non verranno identificati a causa della mancanza di test. Ciò è particolarmente vero nei casi di malattia asintomatica o lieve, ha affermato il CDC.

L’Autorità sanitaria dell’Oregon ha ​pubblicato​ i dati sul vaccino contro il COVID il 6 agosto, registrando un totale di 4.196 casi di positività dopo il vaccino fino al 31 luglio. A luglio, ci sono stati 12.514 casi totali di COVID in Oregon di cui uno (19%) in una persona completamente vaccinata, secondo l’Oregon Health Authority.

Circa 1 caso grave su 10 di COVID che ha richiesto il ricovero in ospedale o che ha provocato la morte si è verificato in individui che sono stati vaccinati. Su 55 decessi correlati al COVID, il 9% si è verificato in soggetti vaccinati.

 

Secondo il Dipartimento dei servizi sanitari dell’Arizona, l’11% dei nuovi casi di COVID a luglio sono stati casi di positività dopo il vaccino , un aumento dal 5% a maggio e all’8% a giugno. Il dipartimento della sanità dello stato ha affermato che l’efficacia di Pfizer e Moderna è di circa il 90%, quindi i numeri non sono inaspettati anche se la percentuale di casi è in aumento.

 

Nuovi dati del Dipartimento di sanità pubblica del Massachusetts (DPH) hanno mostrato che 100 persone che erano state completamente vaccinate sono morte di COVID entro la fine di luglio. In circa tre quarti dei casi di positività dopo il vaccino, i pazienti hanno riferito di avere patologie pregresse, ha detto DPH. L’età media dei deceduti era di 82,5 anni.

 

Secondo uno studio del CDC del 6 agosto, 469 positivi al COVID sono stati identificati tra i residenti della contea di Barnstable, nel Massachusetts, con 436 casi (74%) che si sono verificati in persone completamente vaccinate.

 

Il Dipartimento della Salute della Louisiana (LDH) ha rilasciato dati tenuti segreti per mesi su quali vaccini COVID hanno prodotto la maggior parte dei casi di positività dopo il vaccino, ha riferito WBRZ.

 

I dati rilasciati venerdì da LDH dopo una serie di richieste dall’Unità Investigativa WBRZ hanno mostrato che tra le persone completamente vaccinate con infezioni post-vaccino e che hanno avuto gravi esiti di salute come ospedalizzazione o morte, il 41% ha ricevuto Moderna, il 52% ha ricevuto Pfizer e il 6% ha ricevuto il vaccino COVID di Johnson & Johnson.

 

LDH ha ribadito che nella sua dichiarazione: «Il numero di persone che hanno ricevuto alcun vaccino non è uguale… [tanti fattori nei dati] offuscano ulteriormente qualsiasi conclusione che si possa trarre da questi numeri».

 

Tra il 22 e il 28 luglio, il 10% dei nuovi casi quella settimana sono stati casi di positività post-vaccino. Nello stesso periodo, il 16% dei decessi si è verificato in persone vaccinate.

Delle 422 persone ricoverate negli ospedali di Baton Rouge al 6 agosto, 59 erano completamente vaccinate.

 

FONTE

articolo  di

Megan Redshaw

per Children’s Health Defense.

pubblicato da Renovatio 21

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento