Non abbiamo mai visto lesioni da vaccino su questa scala: perché le agenzie di regolamentazione nascondono i segnali di sicurezza dei vaccini COVID?

Condividi questo articolo

Non abbiamo mai visto lesioni da vaccino su questa scala: perché le agenzie di regolamentazione nascondono i segnali di sicurezza dei vaccini COVID?

In meno di un anno, più di 500.000 lesioni da vaccino post-COVID sono state segnalate al VAERS – quasi un terzo di tutte le segnalazioni accumulate nell’intero arco di vita del sistema di tre decenni – ma le agenzie di regolamentazione rimangono in silenzio.

 

È essenziale “ottenere un monitoraggio corretto della sicurezza” esaminando “intensamente” e “robustamente” gli eventi avversi a seguito dei vaccini sperimentali.

The Defender sta subendo la censura su molti canali social. Assicurati di rimanere in contatto con le notizie che contano iscrivendoti alle nostre notizie principali del giorno. È gratis.

 

Pochi mesi prima che i primi vaccini COVID-19 ricevessero l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) alla fine del 2020, un esperto globale di sicurezza dei vaccini ha avvertito che le circostanze affrettate rendevano essenziale “ottenere [il monitoraggio della sicurezza] nel modo giusto” “intensamente” e “robustamente” scrutare gli eventi avversi a seguito del lancio sperimentale.

 

Come ha affermato questo esperto, “Distribuire qualsiasi nuovo vaccino basato su dati provenienti da studi clinici accelerati in una popolazione senza un sistema di monitoraggio della sicurezza funzionante in atto è avventato e irresponsabile, dati gli strumenti disponibili”.

 

Inoltre, ha aggiunto, qualsiasi investimento necessario per rafforzare il monitoraggio della sicurezza sarebbe “poco costoso rispetto” ai massicci finanziamenti stanziati per lo sviluppo e l’aumento del vaccino contro il COVID-19.

 

In teoria, gli Stati Uniti hanno messo in atto un sistema nazionale di monitoraggio della sicurezza dei vaccini dal 1990 – il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) – destinato a funzionare come un “sistema di allerta precoce”.

 

VAERS e la sua controparte della Food and Drug Administration (FDA) statunitense FAERS (FDA Adverse Event Reporting System) costituiscono le principali fonti di dati su cui le autorità di regolamentazione si affidano quando ritirano farmaci o vaccini dal mercato per motivi di sicurezza.

 

Non solo VAERS non è mai stato all’altezza delle sue promesse, ma non ci sono dubbi che i suoi evidenti fallimenti siano in gran parte, e maligni, di progettazione.

 

Gli informatori sono i benvenuti! Aiuta l’umanità – Condividi in modo sicuro la corruzione COVID-19

Ad esempio, quando uno studio commissionato dal governo ha evidenziato le inadeguatezze del VAERS nel 2010 – stimando che oltre il 99% delle reazioni avverse al vaccino non sarebbero state segnalate e che una su 39 dosi di vaccino somministrate era collegata a eventi avversi confermati nei foglietti illustrativi del vaccino – i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ha semplicemente chiuso il progetto.

 

Ora, in meno di un anno, più di mezzo milione di segnalazioni di lesioni si sono riversate nel VAERS a seguito di colpi sperimentali di COVID, tra cui migliaia di morti. Eppure un assordante silenzio normativo ha salutato questo volume record di reazioni avverse, che rappresenta quasi un terzo di tutte le segnalazioni accumulate dal VAERS durante i suoi tre decenni di vita.

 

Com’è possibile l’assenza di campanelli d’allarme del “sistema di preallarme”? In un recente commento, “Definizione dei segnali di sicurezza dei vaccini”, uno statistico esperto ha suggerito che non solo gli ammonimenti degli esperti di sicurezza per ottenere il monitoraggio della sicurezza dei vaccini COVID “giusto” non siano stati ascoltati, ma il CDC e altre agenzie di sanità pubblica hanno adottato misure per nascondere intenzionalmente segnali di sicurezza.

 

È tutto nell’algoritmo

 

I vari articoli dello statistico Mathew Crawford hanno un umile scopo: “disporre gli strumenti per pensare a problemi difficili” di cui sospetta “molte persone sono molto confuse”.

 

In materia di segnali di sicurezza del vaccino COVID, Crawford svolge un prezioso servizio esaminando con competenza le “Procedure operative standard per COVID-19” del VAERS, che, osserva, CDC ha pubblicato “senza troppe clamore” il 29 gennaio.

 

Nello specifico, Crawford analizza uno strumento chiave di data mining delineato da CDC nel documento del 29 gennaio. Lo strumento, chiamato “rapporto di segnalazione proporzionale” (PRR), valuta un vaccino rispetto a un altro, confrontando “la proporzione di uno specifico AE [evento avverso] a seguito di un vaccino specifico rispetto alla proporzione dello stesso AE dopo la ricezione di un altro vaccino”.

 

Finora, tutto bene, tranne che piuttosto che fare il lavoro che si dichiara, il PRR sembra essere sorprendentemente impermeabile ai segnali di sicurezza.

 

Anche per coloro che non hanno un background statistico, la conclusione di fondo di Crawford non potrebbe essere più chiara:

 

“[O] ne vaccino che uccide e paralizza 20 o 50 o 1.000 volte di più di un vaccino molto sicuro mostrerà lo stesso PRR … e nessun segnale di sicurezza sarà identificato dal CDC. In base alla progettazione … [E] anche se prendo una cella … e ne inserisco un numero enorme come 1500, non c’è ancora alcun segnale di sicurezza secondo le definizioni CDC. [enfasi nell’originale]

 

Come sottolinea Crawford, questi innegabili schemi matematici non possono fare a meno di sollevare sospetti che la funzione PRR sia progettata per “stabilire un’illusione di sicurezza” e fornire “una ragione per ignorare i veri segni di pericolo”.

 

 

FONTE

THE DEFENDER

 

TRATTO DA 

Condividi questo articolo

Lascia un commento