E noi dovremmo fidarci della «scienza» dell’industria farmaceutica?

Condividi questo articolo

Il capo eterno del NIAID statunitense, Tony Fauci, ha ripetutamente chiesto al pubblico di «fidarsi della scienza» mentre sposta la propria opinione scientifica da una posizione all’altra. Ciò che non viene mai menzionato nei media mainstream in Occidente o quasi in qualsiasi parte del mondo è il record scientifico dei principali giganti farmaceutici globali di vaccini. In breve, è abissale e allarmante all’estremo. Questo da solo dovrebbe proibire ai governi di spingere iniezioni sperimentali radicali non testate sulle loro popolazioni senza test approfonditi a lungo termine su animali e altri per garantire la loro sicurezza. 

 

 

Lo scorso aprile, mentre il programma di vaccinazione degli Stati Uniti era in piena attività, il capo consigliere per il COVID di Biden, l’ottantenne Fauci, capo del National Institute of Allergy and Infectious Disease (NIAID) dal 1984, ha annunciato che i Centri statunitensi per il Controllo delle Malattie (CDC) e la Food and Drug Administration (FDA) avevano deciso di ordinare una «pausa» sulla somministrazione del vaccino Johnson & Johnson (Janssen) per esaminare le segnalazioni di coaguli di sangue. Si è scoperto che c’erano sei casi di coaguli di sangue segnalati di circa sette milioni che poi avevano avuto l’iniezione anti-COVID J&J.

 

Fauci nelle sue osservazioni alla stampa ha dichiarato: «una delle cose che, penso, ed è una cosa molto buona del nostro sistema, è che siamo governati dalla scienza, e da nessun’altra considerazione».

 

Ci sono buone ragioni per mettere in questione Fauci.

 

Ciò avrebbe dovuto rassicurare le persone sul fatto che le autorità erano estremamente attente con i farmaci sperimentali per il COVID che, dopo tutto, non sono mai stati testati in massa sugli esseri umani prima e hanno ottenuto solo «l’autorizzazione all’uso di emergenza», l’approvazione provvisoria della FDA. La FDA ha rapidamente revocato la pausa poiché J&J ha accettato di stampare che il suo vaccino potrebbe causare coaguli di sangue.

 

Tuttavia, allo stesso tempo, i produttori di vaccini rivali, Pfizer e Moderna, entrambi utilizzando un trattamento genetico ipersperimentale noto come mRNA, non sono stati sospesi dalla «scienza» nonostante il fatto che centinaia di migliaia di allarmanti reazioni gravi legate al vaccino, compresi i dati ufficiali di diverse migliaia di decessi per entrambi, erano stati registrati dalla banca dati CDC, VAERS (Vaccine Adverse Event Reporting System).

9.125 decessi segnalati dalla fine di dicembre a causa delle vaccinazioni COVID-19. Mai nella storia un numero di morti così alto è stato associato a nessun vaccino, eppure i media tacciono in modo assordante su questo

 

Secondo il CDC tali eventi «avversi», post-vaccino, includono anafilassi, trombosi con sindrome trombocitopenica, sindrome di Guillain-Barre, miocardite, pericardite e morte.

 

Per la settimana del 16 luglio il VAERS del CDC ha riportato un allarmante numero di 9.125 decessi segnalati dalla fine di dicembre a causa delle vaccinazioni COVID-19. Mai nella storia un numero di morti così alto è stato associato a nessun vaccino, eppure i media tacciono in modo assordante su questo.

 

 

Il loro triste primato scientifico

La formulazione di Fauci è precisa e volutamente manipolativa. Suggerisce che esiste qualcosa di fisso che possiamo chiamare «la scienza», come qualche dogma religioso vaticano, mentre il vero metodo scientifico è quello del continuo mettere in discussione, ribaltare le ipotesi passate con quelle appena provate, aggiustarsi.

 

Tuttavia, quando si tratta di «scienza», la manciata di giganti produttori di vaccini, a volte noti come Big Pharma, un cartello non dissimile da quello delle grandi petrolifere, ha precedenti di frodi, deliberatamente falsificati dei propri test, nonché diffusa corruzione di medici e funzionari medici per promuovere i loro vari farmaci nonostante i risultati di «scienza» che contraddicono le loro affermazioni di sicurezza.

 

Uno sguardo ai maggiori colossi farmaceutici mondiali è istruttivo.

 

 

J&J

Iniziamo con la Johnson & Johnson Company del New Jersey.

 

Il 21 luglio 2021 J&J e altri tre piccoli produttori di farmaci hanno accettato di pagare l’incredibile cifra di 26 miliardi di dollari di danni a un gruppo di stati degli Stati Uniti per il loro ruolo nel causare l’epidemia di oppioidi in America. Di questi J&J pagherà 5 miliardi di dollari.

 

Il 21 luglio 2021 J&J e altri tre piccoli produttori di farmaci hanno accettato di pagare l’incredibile cifra di 26 miliardi di dollari di danni a un gruppo di stati degli Stati Uniti per il loro ruolo nel causare l’epidemia di oppioidi in America

Il CDC stima che l’uso degli oppioidi che creano dipendenza come antidolorifici abbia causato almeno 500.000 morti tra il 1999 e il 2019. Johnson & Johnson è accusato di spingere gli antidolorifici mortali verso un uso eccessivo e di minimizzare i loro rischi di dipendenza. Hanno imparato la lezione.

 

La stessa J&J è impegnato in un’enorme battaglia legale per aver usato consapevolmente un agente cancerogeno nel suo famoso borotalco. Un’indagine Reuters del 2018 ha scoperto che J&J sapeva da decenni che l’amianto, un noto cancerogeno, si nascondeva nel borotalco e in altri prodotti cosmetici a base di talco. Secondo quanto riferito, la società sta valutando di dividere legalmente la sua divisione di talco per bambini in una piccola società separata che dichiarerebbe bancarotta per evitare ingenti pagamenti.

 

I due produttori globali di vaccini contro il COVID che hanno di gran lunga il mercato più grande fino ad oggi sono i due promossi personalmente da Fauci. Questi provengono da Pfizer in alleanza con la piccola azienda tedesca BioNTech sotto il nome di Comirnaty e dalla biotech statunitense Moderna.

 

 

Pfizer

Pfizer, uno dei maggiori produttori di vaccini al mondo per vendite, è stata fondata nel 1849 negli Stati Uniti. Ha precedenti penali di frode, corruzione, falsificazione e danni accertati.

 

«Pfizer è stata un “criminale recidivo”, costantemente impegnato in pratiche di marketing illegali e corrotte, corrompendo medici e sopprimendo i risultati negativi dei test

Uno studio canadese del 2010 ha osservato: «Pfizer è stata un “criminale recidivo”, costantemente impegnato in pratiche di marketing illegali e corrotte, corrompendo medici e sopprimendo i risultati negativi dei test». Ciò è grave.

 

Si noti che Pfizer deve ancora rendere pubblici i dettagli dei suoi studi sui vaccini COVIDper un esame esterno.

 

L’elenco dei crimini della Pfizer si è allungato dal 2010. Attualmente è impegnata in cause legali relative alle accuse che il suo farmaco Zantac per il bruciore di stomaco è contaminato da una sostanza che causa il cancro.

 

Inoltre, Pfizer ha ricevuto la più grande multa per droga nella storia degli Stati Uniti nel 2009 come parte di un patteggiamento da 2,3 miliardi di dollari per la promozione errata di farmaci Bextra e Celebrex e il pagamento di tangenti ai medici compiacenti.

 

Pfizer si è dichiarato colpevole del reato di commercializzazione di quattro farmaci tra cui Bextra «con l’intento di frodare o fuorviare». Sono stati costretti a ritirare il loro antidolorifico per l’artrite Bextra negli Stati Uniti e nell’UE per aver causato infarti, ictus e gravi malattie della pelle.

 

Chiaramente in una mossa per aumentare le entrate, Pfizer ha pagato illegalmente tangenti ai medici per l’uso «off-label» di più di uno dei suoi farmaci che ha provocato il ferimento o la morte dei pazienti. Tra questi c’erano Bextra (valdecoxib); Geodon (ziprasidone HCl), un antipsicotico atipico; Zyvox (linezolid), un antibiotico; Lyrica (pregabalin), un farmaco per le convulsioni; il suo famoso Viagra (sildenafil), un farmaco per la disfunzione erettile; e Lipitor (atorvastatina), un farmaco per il colesterolo.

 

In un altro processo giudiziario, le filiali di Pfizer sono state costrette a pagare 142 milioni di dollari a rilasciare documenti aziendali che dimostravano che stava commercializzando illegalmente gabapentin per uso off-label.

 

«I dati rivelati in una serie di azioni legali statunitensi indicano che il farmaco è stato promosso dalla compagnia farmaceutica come trattamento per il dolore, l’emicrania e il disturbo bipolare, anche se non era efficace nel trattamento di queste condizioni ed era effettivamente tossico in alcuni casi, secondo la Therapeutics Initiative, un gruppo di ricerca indipendente sui farmaci presso l’Università della British Columbia. Le prove hanno costretto l’azienda a rilasciare tutti i suoi studi sul farmaco, compresi quelli che ha tenuto nascosti».

 

Nel 2004 Warner-Lambert, sussidiaria di Pfizer, è stata costretta a pagare 430 milioni di dollari per risolvere accuse penali e responsabilità civile derivanti dalle sue pratiche di marketing fraudolente in relazione a Neurontin, il suo marchio per il farmaco gabapentin.

 

Originariamente sviluppato per il trattamento dell’epilessia, Neurontin è stato illegalmente promosso off-label per il trattamento del dolore neurologico, e in particolare per l’emicrania e il disturbo bipolare, anche se non era efficace nel trattamento di queste condizioni ed era addirittura tossico in alcuni casi. Neurontin per usi non approvati ha costituito circa il 90% dei 2,7 miliardi di dollari di vendite nel 2003.

 

Un articolo del New York Times ha rivelato nel 2010 che Pfizer «… ha pagato circa 20 milioni di dollari a 4.500 medici e altri professionisti medici negli Stati Uniti per aver consultato e parlato per suo conto negli ultimi sei mesi del 2009». Ha pagato altri 15,3 milioni di dollari a 250 centri medici accademici e altri gruppi di ricerca per studi clinici.

 

Nella pratica legale degli Stati Uniti è raro che i dirigenti aziendali che compiono effettivamente gli atti criminali vengano perseguiti. Il risultato è che in questo ambiente cinico le multe giudiziarie possono essere trattate come «costi aziendali»

Nella pratica legale degli Stati Uniti è raro che i dirigenti aziendali che compiono effettivamente gli atti criminali vengano perseguiti. Il risultato è che in questo ambiente cinico le multe giudiziarie possono essere trattate come «costi aziendali». In otto anni di ripetute violazioni fino al 2009, Pfizer ha accumulato poco meno di 3 miliardi di dollari in multe e sanzioni civili, circa un terzo dei ricavi netti di un anno.

 

Nel 2020, mentre il suo vaccino contro il COVID era in fase di sviluppo, Pfizer ha pagato 13.150.000 dollariper fare pressioni sul Congresso e sui funzionari di Washington, tra gli altri.

 

Degno di nota è anche il fatto che la Fondazione Bill e Melinda Gates possiedono azioni sia di Pfizer che del loro partner nel principale vaccino contro l’mRNA, BioNTech in Germania.

 

 

Moderna

Il terzo produttore di vaccini per il covid oggi con l’autorizzazione all’uso di emergenza della FDA (EUA) è Moderna di Cambridge, nel Massachusetts.

 

Deve ancora essere citato in giudizio per pratiche illegali a differenza di J&J o Pfizer. Ma questo fatto è probabile solo perché prima del suo EUA per il suo vaccino sperimentale mRNA, nei suoi dieci anni di esistenza dal 2010 non era riuscito a ottenere l’approvazione della FDA per commercializzare un singolo farmaco, nonostante i ripetuti tentativi falliti.

 

Tuttavia Moderna ha un’insegna al neon rossa che recita «conflitto di interessi» che dovrebbe far riflettere.

Degno di nota è anche il fatto che la Fondazione Bill e Melinda Gates possiedono azioni sia di Pfizer che del loro partner nel principale vaccino contro l’mRNA, BioNTech in Germania

 

Moderna e NIAID di Fauci hanno collaborato allo sviluppo di vaccini utilizzando la piattaforma mRNA di Moderna e NIAID di Fauci sui coronavirus, incluso il MERS, almeno da novembre 2015.

 

Il 13 gennaio 2020, prima del primo caso di un presunto «nuovo coronavirus» di Wuhan rilevato negli Stati Uniti, il NIAID di Fauci e Moderna avevano firmato un accordo di cooperazione aggiornato che li descriveva come comproprietari di un coronavirus a base di mRNA e ccome finalizzatori di una sequenza per l’mRNA-1273, il vaccino ora in fase di somministrazione a milioni per presumibilmente evitare il nuovo coronavirus.

 

Ciò significa che il NIAID di Fauci e forse Fauci personalmente (è consentito negli Stati Uniti) avrebbero raccolto enormi benefici finanziari dall’approvazione di emergenza del colpo di Moderna, tuttavia Fauci non ha mai ammesso pubblicamente il conflitto quando era consigliere di Trump per il coronavirus, né come Biden.

 

Dieci giorni dopo, il 23 gennaio 2020, Moderna ha annunciato di aver ricevuto finanziamenti da CEPI, un fondo per i vaccini creato dalla fondazione di Bill Gates insieme a Davos WEF, tra gli altri, per sviluppare un vaccino mRNA per il virus di Wuhan.

 

Moderna è stata creata da un venture capitalist, Noubar Afeyan insieme al professore di Harvard Timothy A. Springer e altri.

 

Nel 2011 Afeyan ha reclutato l’uomo d’affari francese ed ex dirigente di Eli Lilly Stephane Bancel come CEO della nuova Moderna. Nonostante non abbia una laurea in medicina o scienze né alcuna esperienza nella gestione di un’operazione di sviluppo di farmaci, Bancel si dichiara co-titolare di un centinaio di brevetti di Moderna legati ai diversi vaccini.

 

A partire dal 2013 la piccola Moderna ha ricevuto sovvenzioni dal Pentagono per sviluppare la sua tecnologia mRNA. A partire dal 2020, appena prima di ricevere l’autorizzazione all’uso di emergenza dalla FDA del governo degli Stati Uniti, l’89% delle entrate di Moderna proveniva da sovvenzioni del governo degli Stati Uniti. Questa non è certo un’azienda esperta, ma tiene nelle sue mani il destino di milioni di persone. Come dice Fauci, “Fidati della scienza”.

 

Il NIAID di Fauci e forse Fauci personalmente (è consentito negli Stati Uniti) avrebbero raccolto enormi benefici finanziari dall’approvazione di emergenza del colpo di Moderna, tuttavia Fauci non ha mai ammesso pubblicamente il conflitto quando era consigliere di Trump per il coronavirus, né come Biden

Nel febbraio 2016, un editoriale della rivista Nature ha criticato Moderna per non aver pubblicato alcun documento sottoposto a revisione paritaria sulla sua tecnologia, a differenza della maggior parte delle altre aziende biotecnologiche emergenti e consolidate. L’azienda rimane ultra-segreta.

 

Nello stesso anno, 2016 Moderna ha ricevuto 20 milioni di dollari dalla Gates Foundation per lo sviluppo di vaccini utilizzando l’mRNA.

 

Fino alla ricezione dell’approvazione EUA per il suo prodotto COVID mRNA nel dicembre 2020, Moderna aveva registrato solo perdite dalla sua fondazione. Poi, curiosamente, a seguito di un incontro personale del marzo 2020 con l’allora presidente Trump, in cui Bancel disse al presidente che Moderna avrebbe potuto preparare un vaccino nel giro di pochi mesi, la fortuna di Moderna è cambiata.

 

Il 15 maggio, Trump ha annunciato la creazione dell’Operazione Warp Seed per lanciare un vaccino contro il COVID-19 entro dicembre.  Il capo del gruppo presidenziale era un veterano di 30 anni di ricerca e sviluppo della grande azienda farmaceutica britannica GSK, Moncef Slaoui.

 

Nel 2017 Slaoui si era dimesso da GSK ed era entrato a far parte del consiglio di amministrazione nientemeno che di Moderna. Sotto Warp Speed ​​di Slaoui, circa 22 miliardi di dollari di denaro dei contribuenti statunitensi sono stati lanciati a diversi produttori di vaccini. Moderna era un destinatario privilegiato, uno sfacciato conflitto di interessi ma a nessuno sembrava importare.

 

Nello stesso anno, 2016 Moderna ha ricevuto 20 milioni di dollari dalla Gates Foundation per lo sviluppo di vaccini utilizzando l’mRNA

Slaoui ha incanalato circa 2 miliardi di dollari in fondi governativi alla sua vecchia società, Moderna, per sviluppare il vaccino covid mRNA. Solo sotto la critica pubblica Slaoui ha venduto le sue azioni a Moderna, guadagnando milioni dal ruolo di Moderna come candidato leader per il vaccino contro il COVID. Poco dopo le dimissioni alla fine della presidenza Trump, Slaoui è stato licenziato da una società consociata della sua vecchia ditta GSK  in seguito all’accusa di molestie sessuali nei confronti di una impeigata.

 

Nel febbraio 2020 il segretario alla sanità e ai servizi umani di Trump, Alex Azar, ha invocato il Public Readiness and Emergency Preparedness Act (PREP) per esentare Moderna, Pfizer, J&J e qualsiasi futuro produttore di COVID da qualsiasi responsabilità derivante da danni o morte causati dai loro vaccini per il coronavirus di Wuhan.

 

La protezione legale dura fino al 2024. Se i vaccini sono così buoni e sicuri, perché è necessaria una misura del genere? Azar era l’ex capo del gigante americano della droga Eli Lilly.

 

Ci sono alcune serie domande che devono essere sollevate apertamente riguardo ai produttori di vaccini che ora stanno spingendo formulazioni sperimentali di bioingegneria altamente controverse in esperimenti su esseri umani.

 

FONTE

articolo di

William F. Engdahl

 

tradotto e pubblicato da RENOVATIO 21

 

  1. William Engdahlè consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica.È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento