La Trilateral guida il golpe dei banchieri USA

Condividi questo articolo

Fino a poco tempo fa credevo come molti che Jimmy Carter non fosse il tipico politico. Distinguendosi dalla vasta gamma di venduti e parassiti dell’establishment, l’ex presidente è spesso apparso come la sola voce della ragione nell’establishment americano che denuncia le ingiustizie dell’esercito americano, i torti della lobby sionista e la natura autodistruttiva del oligarchia americana. Sicuramente un uomo che parla così candidamente non può essere cattivo.

 

Mentre credo che Carter abbia probabilmente buone intenzioni, credo anche che l’uomo sia probabilmente altrettanto all’oscuro oggi come lo era quando è stato usato come un burattino da quelle forze ora identificate come il Deep State internazionale che ha preso possesso della politica estera e interna americana durante sua presidenza 1977-1981.

 

Sotto il regno di Carter, un’organizzazione nata dall’influenza combinata del Council on Foreign Relations e del Gruppo Bilderberg ha conquistato l’America sotto il nome di Commissione Trilaterale e ha ribaltato gli ultimi resti di impulsi antimperiali lasciati dalla visione fornita dai Presidenti Franklin Roosevelt e John Kennedy, convertendo l’America nel caso disperato autodistruttivo che abbiamo imparato a conoscere come oggi.

Sotto il regno di Carter, un’organizzazione nata dall’influenza combinata del Council on Foreign Relations e del Gruppo Bilderberg ha conquistato l’America sotto il nome di Commissione Trilaterale

 

Dato che quelle riforme della Trilaterale erano così onnicomprensive e toccavano questioni di politica economica, di creazione di schiavitù del debito estero, di finanziamento del terrorismo ed energia verde, vale la pena condurre una breve valutazione di come ciò sia avvenuto, osservando anche alcuni degli attori chiave che lo ha reso possibile.

 

 

La Commissione Trilaterale prende il sopravvento

Mentre James Carter è diventato il 39° presidente degli Stati Uniti nel 1977, la Commissione Trilaterale è stata effettivamente creata nel 1973 sotto il capo nominale di David Rockefeller III (presidente della Chase Manhattan Bank) e una cricca di finanzieri internazionali e ideologi di mentalità imperialistica che credevano religiosamente nell’utopia dottrina della governance globale sotto un’etica padrone-schiavo. L’idea di consolidare tre zone di potere globali (Nord America, Europa occidentale e Giappone) durante l’apice della Guerra Fredda sotto una struttura di comando unificata è stato il motivo alla base della creazione di questo think tank in quel momento.

 

Una figura di spicco della Commissione Trilaterale che in seguito divenne consigliere per la sicurezza nazionale di Carter si chiamava Zbigniew Brzezinski che si riferiva a questo programma come all’«era tecnotronica» che descrisse nel 1970 come un’età che implicava «l’apparizione graduale di una società più controllata. Una tale società sarebbe dominata da un’élite, libera dai valori tradizionali». 

Zbigniew Brzezinski  descrisse nel 1970 un’età che implicava «l’apparizione graduale di una società più controllata. Una tale società sarebbe dominata da un’élite, libera dai valori tradizionali»

 

Chi rappresenterebbero questi specialisti? Nel suo Between Two Ages, Brzezinski ha affermato molto chiaramente: «Lo stato-nazione come unità fondamentale della vita organizzata dell’uomo ha cessato di essere la principale forza creativa: le banche internazionali e le multinazionali agiscono e pianificano in termini che sono lontani in anticipo sui concetti politici di stato-nazione».

 

Il senatore Barry Goldwater ha chiamato questa bestia straniera che trasforma l’America nella sua autobiografia del 1979 With no apologies  dicendo: «La Commissione Trilaterale è internazionale (…) è destinata a essere il veicolo per il consolidamento multinazionale degli interessi commerciali e bancari prendendo il controllo del governo politico degli Stati Uniti. La Commissione Trilaterale rappresenta uno sforzo abile e coordinato per prendere il controllo e consolidare i quattro centri di potere: politico, monetario, intellettuale ed ecclesiastico».

 

Un’altra figura politica americana che allora combatteva questo virus straniero era il candidato presidenziale Lyndon LaRouche che scrisse profeticamente  iLa rapida fine della Democrazia della Commissione Trilaterale il 4 agosto 1981 affermando: «Il piano è combinare il crollo del sistema finanziario degli Stati Uniti e la maggior parte dell’Europa occidentale con altri paesi per creare uno scenario di “gestione della crisi globale” su scala più ampia e catastrofica… la crisi finanziaria deve essere utilizzata per sottoporre gli Stati Uniti, tra le altre nazioni, a una dittatura per decreto del FMI».

«La Commissione Trilaterale è internazionale… è destinata a essere il veicolo per il consolidamento multinazionale degli interessi commerciali e bancari prendendo il controllo del governo politico degli Stati Uniti» Barry Goldwater.

 

 

La Trilateral

 

Sotto la guida di Brzezinski, un terzo dei membri della Commissione Trilaterale furono nominati ai vertici del gabinetto sotto Carter.

 

I membri degni di nota qui degni di nota includono Walter Mondale (Vice Presidente), Harold Brown (Segretario alla Difesa), Cyrus Vance (Segretario di Stato), Michael Blumenthal (Segretario del Tesoro), James Schlesinger (Energy Czar), Paul Volcker (Presidente della Fed).

 

Giusto per trasmettere il pedigree britannico di questo gruppo, Brzezinski e Blumenthal non erano solo membri del Bilderberg, ma 2 dei 9 direttori del Progetto per gli anni Ottanta del Council on Foreign Relations. 

 

Il CFR è il  Cecil Rhodes/Roundtable Group  che si è costituito in America nel 1921 per far avanzare il mandato di Rhodes di riconquistare l’America come colonia perduta e ristabilire un nuovo impero britannico.

 

 

«Siamo arrivati ​​a riconoscere che ci sono limiti potenzialmente desiderabili alla crescita economica. Ci sono anche limiti potenzialmente auspicabili all’estensione indefinita della democrazia… un governo privo di autorità avrà poca capacità di imporre al suo popolo i sacrifici che saranno necessari» Samuel Huntington

 

 

La crisi della democrazia                      

Nel 1975, l’assistente di Brzezinski Samuel P. Huntington ha scritto un libro intitolato Crisis of Democracy  come parte del Council on Foreign Relations 1980 Project che ha pubblicato 33 libri di 10 Task Force per inaugurare l’era tecnotronica.

 

Huntington ha affermato: «siamo arrivati ​​a riconoscere che ci sono limiti potenzialmente desiderabili alla crescita economica. Ci sono anche limiti potenzialmente auspicabili all’estensione indefinita della democrazia… un governo privo di autorità avrà poca capacità di imporre al suo popolo i sacrifici che saranno necessari».

 

Huntington e Brzezinski condussero una riforma degli affari esteri che iniziò a finanziare scuole e movimenti politici islamici radicali a  partire dal rovesciamento dello Scià d’Iran guidato dall’USAID e dall’insediamento dell’Ayatollah Khomeini nel 1979.

 

Il finanziamento statunitense di Al Qaeda e dei Mujahedeen era nominalmente fatto per la pragmatica ragione di contrastare i sovietici in Afghanistan, tuttavia la vera ragione era giustificare una tesi dello «Scontro di civiltà» che Huntington pubblicò in seguito con la presunzione che le principali religioni non avrebbero potuto avere pace a meno che non fosse stato creato un Leviatano globale da imporre dall’alto. Questo era un caso chiaro dell’effetto Pigmalione all’estremo.

Il finanziamento statunitense di Al Qaeda e dei Mujahedeen era nominalmente fatto per la pragmatica ragione di contrastare i sovietici in Afghanistan, tuttavia la vera ragione era giustificare una tesi dello «Scontro di civiltà» che Huntington pubblicò in seguito con la presunzione che le principali religioni non avrebbero potuto avere pace a meno che non fosse stato creato un Leviatano globale da imporre dall’alto

 

È qui degno di nota che lo Scià, insieme a molti leader del movimento dei non allineati, furono allora impegnati in una grande lotta per liberarsi dalla struttura neocoloniale della schiavitù del debito sotto il controllo anglo-americano usando i loro inalienabili poteri sovrani per cancellare i debiti inesigibili mentre si scatenano investimenti nel progresso scientifico e tecnologico utilizzando il «modello giapponese» del secondo dopoguerra.

 

Il salto di ispirazione del Giappone dopo la seconda guerra mondiale dal feudalesimo a un’economia scientifica-industriale avanzata ha reso la sua appartenenza alla Commissione Trilaterale molto più importante nella mente dei nuovi dei dell’Olimpo che temevano che altre nazioni in via di sviluppo avrebbero seguito l’esempio.

 

 

La disintegrazione controllata dell’Occidente

Due mesi dopo essere stato nominato presidente della Federal Reserve, Paul Volcker ha tenuto una conferenza alla Warwick University di Londra proclamando che «una disintegrazione controllata dell’economia mondiale è un obiettivo legittimo per gli anni ’80».

 

Volcker ha gestito questa disintegrazione controllata aumentando i tassi di interesse al 20-21,5% a partire dal 1979, lasciandoli lì fino al 1982, aumentando anche i requisiti di riserva per le banche commerciali.

 

L’effetto ha paralizzato per sempre l’economia americana con la produzione agricola che è crollata notevolmente, le macchine utensili per il taglio dei metalli è crollata del 45,5%, la produzione automobilistica è crollata del 44,3% e la produzione di acciaio è crollata del 49,4%.

 

«Una disintegrazione controllata dell’economia mondiale è un obiettivo legittimo per gli anni ’80» Paul Volcker

Durante questo periodo traumatico, le piccole e medie imprese sono state intenzionalmente fallite in tutti i settori dell’economia nordamericana ed europea, lasciando solo le multinazionali in grado di permettersi tali tassi di interesse.

 

Il programma di Volcker ha aperto la strada al Kemp-Roth Tax Act del 1981 che ha aperto la strada alla  speculazione immobiliare e al Garn-St. Germaine Act del  1982. che ha deregolamentato le banche statunitensi e ha promosso la creazione di banche universali/troppo grandi per fallire.

 

Nello stesso periodo, i debitori del terzo mondo che dovevano pagare il 20% di interessi hanno visto i loro debiti salire alle stelle del 40-70%. I leader che hanno resistito a questo programma come Zulfikar Ali Bhutto del Pakistan, Indira Gandhi dell’India, Thomas Sankara del Burkina Faso e Lopez Portillo del Messico et al. furono sistematicamente uccisi o rovesciati.

 

Dopo che il membro della CFR/Trilateral Commission George Bush è stato nominato vicepresidente di Reagan, John Hinckley, una prodotto psicologico del progetto MK Ultra  profondamente legato alla famiglia Bush, è stato schierato per svolgere l’assassinio di Reagan sparandogli al petto il 30 marzo 1981

Quando divenne evidente che un presidente entrante Ronald Reagan non era favorevole all’agenda della Commissione Trilaterale/CFR, spingendo per incontri bilaterali con Gandhi e il messicano Portillo nel 1981 al fine di aiutare le loro politiche di crescita industriale e minacciando di licenziare Volcker, la sua eliminazione fu rapidamente orchestrata.

 

Dopo che il membro della CFR/Trilateral Commission George Bush è stato nominato vicepresidente di Reagan (estromettendo l’amico di Reagan Sen. Paul Laxalt durante uno scandalo mediatico gestito dai Rockefeller), John Hinckley, una prodotto psicologico del progetto MK Ultra  profondamente legato alla famiglia Bush, è stato schierato per svolgere l’assassinio di Reagan sparandogli al petto il 30 marzo 1981.

 

Reagan non si è mai ripreso da questo tentativo e la star di Hollywood ben intenzionata ma altamente malleabile è stata sempre più plasmata dagli agenti della CFR-Trilateral Commission nonostante la sua tendenza a lasciarsi influenzare da figure di stato pro-nazione esemplificate dalla sua approvazione del Joint US -Piano sovietico per l’Iniziativa di Difesa Strategica nel 1983  (in seguito corrotto in una dottrina unilaterale da Bush Sr.)

 

 

Spopolamento verde

Non va ignorato che la trasformazione dell’economia americana da un modello di sistema aperto a crescita proindustriale in un modello malthusiano di sistema chiuso è stata anche un’iniziativa delle forze che controllano la Commissione Trilaterale.

 

«C’è bisogno di rivedere il concetto di crescita economica. Soprattutto negli ultimi anni, i limiti della crescita sono entrati nella nostra coscienza. L’esaurimento delle risorse, l’inquinamento e la crisi energetica hanno reso tutto molto chiaro. Il carattere e lo scopo della crescita devono essere cambiati» David Rockefeller III

Nel 1974, David Rockefeller III prese la parola chiave alla Conferenza della popolazione mondiale del Club di Roma/ONU a Bucarest affermando:  «C’è bisogno di rivedere il concetto di crescita economica. Soprattutto negli ultimi anni, i limiti della crescita sono entrati nella nostra coscienza. L’esaurimento delle risorse, l’inquinamento e la crisi energetica hanno reso tutto molto chiaro. Il carattere e lo scopo della crescita devono essere cambiati».

 

L’agenda per una «società post-industriale» guidata da una rivoluzione delle infrastrutture verdi è stata presentata nel Rapporto Global 2000 del 24 luglio 1980 che ha richiesto il risparmio energetico, il controllo della popolazione e l’ambientalismo come base per la nuova economia.

 

Nello stesso anno, la Strategia di conservazione globale del World Wildlife Fund  viene pubblicata parallelamente alla  tesi Global 2000.

 

Il WWF era guidato dal principe Filippo e dal principe Bernhardt durante questo periodo e i suoi vicepresidenti durante l’amministrazione di Carter includevano Louis Mortimer Bloomfield il cui  Permindex Bureau fu scoperto a coordinare l’assassinio di JFK  e il  membro della Commissione Trilaterale Maurice Strong che in un’intervista del 1990 chiedeva la distruzione della civiltà industriale.

 

(…)

 

 

 

FONTE

articolo di

Matthew Ehret

 

pubblicato da Renovatio 21

Condividi questo articolo

Lascia un commento