Crescere un figlio da 0 a 18 anni costa oltre 270 mila euro

Condividi questo articolo

Risparmiare è sempre utile per il futuro, ancor di più se si è genitori e si decide di investire a lungo termine per i propri figli. Gli investimenti per i figli rappresentano una sorta di protezione per il loro futuro: diverse sono le soluzioni finanziarie a lungo termine che garantiscono una protezione a livello educativo, per eventi speciali, esperienze, acquisti futuri ecc.

 

Crescere un figlio richiede un sforzo economico notevole. Secondo quanto emerge da uno studio pubblicato di recente da Metlife: “Crescere un figlio da 0 a 18 anni, fermandosi prima dell’ingresso all’Università, arriva a costare oltre 270 mila euro. A seconda del reddito familiare, nel primo anno di vita la spesa oscilla tra i 7 mila e 123 e i 15 mila e 348 euro. Tra i 3 e gli 8 anni si viaggia a un ritmo compreso tra circa 6 mila e quasi 15 mila annui e via a crescere.

Pertanto, garantire ai figli minorenni un patrimonio, piccolo o grande che sia, già cominciando dalla tenera età, è sicuramente una preoccupazione, ma rappresenta una scelta di responsabilità per i genitori, non solo utile sul piano economico, ma anche e soprattutto su quello propedeutico per la vita futura del giovane.

 

 

QUALI SONO GLI STRUMENTI PIÙ DIFFUSI?

Esistono diversi strumenti ai quali i genitori possono ricorrere per investire in maniera intelligente sul futuro dei propri figli: tra le soluzioni più classiche ci sono i Libretti di risparmio, che aiutano a parcheggiare la liquidità a fronte di costi di gestione assenti o tendenzialmente bassi, i Buoni fruttiferi postali emessi da Cassa Depositi e Prestiti e piazzati dalle Poste che permettono di recuperare il denaro risparmiato in qualsiasi momento.

Una differente possibilità per porre in essere un investimento a protezione dei nostri figli minorenni può essere invece rappresentata dal Piano di accumulo Capitale (PAC). Un PAC è uno strumento finanziario con un grado di rischio maggiore rispetto alle altre possibilità, ma in grado di soddisfare aspettative di un maggior rendimento del capitale accantonato nel corso del tempo. Il PAC funziona con versamenti periodici, generalmente mensili, a partire anche da soli 50 euro, creando nel corso del tempo un capitale crescente anche a fronte dal rendimento offerto dal Fondo. La scelta di partenza della tipologia del Fondo per un PAC è di estrema importanza per un investimento a favore dei nostri figli minorenni, ed in grado di costruire nel corso del tempo una somma che accresce il suo valore grazie alla gestione del Fondo.

Gli esperti consigliano il PAC di Moneyfarm, che presenta anche altri vantaggi oltre a quelli dei classici PAC: è innanzitutto lo strumento con i costi più bassi del mercato italiano perché aggiunge alla convenienza della Gestione Patrimoniale il vantaggio di non dover pagare un sovrapprezzo per ogni trasferimento. Inoltre, si caratterizza per la sua flessibilità: si possono ridurre, incrementare, mettere in pausa o fermare i versamenti in ogni momento senza vincoli o costi aggiuntivi, a seconda delle proprie necessità e si può disinvestire in ogni momento, senza alcuna penale.

Condividi questo articolo

Lascia un commento