L’incubo della caduta di Saigon tornerà a Kabul?

Condividi questo articolo

Molti di noi hanno avuto un incubo ricorrente. Sai quello. In una nebbia tra il sonno e il risveglio, stai cercando disperatamente di fuggire da qualcosa di orribile, una minaccia incombente, ma ti senti paralizzato. Poi, con grande sollievo, ti svegli improvvisamente, coperto di sudore. La notte successiva, o la settimana successiva, però, ritorna lo stesso sogno.

Per i politici della generazione di Joe Biden quell’incubo ricorrente era Saigon, 1975. Carri armati comunisti che dilaniavano le strade mentre le forze amiche fuggivano. Migliaia di alleati vietnamiti terrorizzati martellano alle porte dell’ambasciata degli Stati Uniti. Elicotteri che strappano americani e vietnamiti dai tetti e li sboccano sulle navi della Marina. Marinai su quelle navi, ora piene di profughi, che spingono in mare quegli elicotteri da un milione di dollari. Il più grande potere sulla Terra mandato nella più lugubre delle sconfitte.

Allora tutti nella Washington ufficiale cercarono di evitare quell’incubo. La Casa Bianca aveva già negoziato un trattato di pace con i vietnamiti del Nord nel 1973 per fornire un “intervallo decente” tra il ritiro di Washington e la caduta della capitale sudvietnamita. Mentre la sconfitta incombeva nell’aprile 1975, il Congresso si rifiutò di finanziare altri combattimenti. Un senatore di primo mandato quindi, lo stesso Biden ha detto : “Gli Stati Uniti non hanno l’obbligo di evacuare uno, o 100.001, sud vietnamiti”. Eppure è successo comunque. In poche settimane Saigon cadde e circa 135.000 vietnamiti fuggirono, producendo scene di disperazione impresse nella coscienza di una generazione.

Ora, come presidente, ordinando un ritiro di cinque mesi di tutte le truppe statunitensi dall’Afghanistan entro l’11 settembre, Biden sembra desideroso di evitare il ritorno di una versione afghana di quello stesso incubo. Eppure quel “decente intervallo” tra la ritirata dell’America e il futuro trionfo dei talebani potrebbe benissimo dimostrarsi indecentemente breve.

I combattenti dei talebani hanno già conquistato gran parte delle campagne, il controllo del governo afghano sostenuto dagli americani a Kabul, la capitale, un meno di un terzo  di tutti i distretti rurali. Da febbraio, quei guerriglieri hanno minacciato i principali capoluoghi della provincia del paese – Kandahar, Kunduz, Helmand e Baghlan – stringendo sempre più il cappio attorno a quei bastioni governativi chiave. In molte province, come ha riportato di recente il New York Times , la presenza della polizia è già crollata e l’esercito afghano sembra a ridosso.

Se tali tendenze continueranno, i talebani saranno presto pronti per un attacco a Kabul, dove la potenza aerea statunitense si rivelerebbe quasi inutile nei combattimenti strada per strada. A meno che il governo afghano non si arrenda o in qualche modo persuada i talebani a share il potere, la lotta per Kabul, ogni volta che si verifica, potrebbe rivelarsi molto più sanguinosa della caduta di Saigon: un incubo del ventunesimo di fuga di massa , devastante. distruzione e orribili vittime.

Con lo sforzo di pacificazione di quasi 20 anni dell’America lì sull’orlo della sconfitta, non è il momento di porre la domanda che tutti nella Washington ufficiale cercano di evitare: come e perché Washington ha perso la sua guerra più lunga?

In primo luogo, dobbiamo sbarazzarci della risposta semplicistica, lasciata dalla guerra del Vietnam, che gli Stati Uniti in qualche modo non si sono impegnati abbastanza. Nel Vietnam del Sud, una guerra di 10 anni, 58.000 morti americani, 254.000 morti in combattimento sud vietnamita, milioni di morti civili vietnamiti, laotiani e cambogiani e un trilione di dollari di spese sembrano sufficienti per la categoria “abbiamo provato”. Allo stesso modo, in Afghanistan, quasi 20 anni di combattimenti, 2.442 morti in guerra americani, 69.000 perdite di truppe afghane e costi di oltre $ 2,2 trilioni dovrebbero risparmiare Washington da qualsiasi accusa di taglio e fuga.

La risposta a questa domanda critica si trova invece nel punto di congiunzione tra strategia globale e cruda realtà locale sul campo nei campi di oppio dell’Afghanistan. Durante i primi due decenni di quello che sarebbe stato un coinvolgimento di 40 anni con quel paese, un preciso allineamento del globale e del locale diede agli Stati Uniti due grandi vittorie: la prima, sull’Unione Sovietica nel 1989; poi, sui talebani, che hanno governato gran parte del paese nel 2001.

Durante i quasi 20 anni di occupazione statunitense che seguirono, tuttavia, Washington gestì male la politica globale, regionale e locale in modi che condannarono il suo sforzo di pacificazione a una sconfitta certa. Quando la campagna è sfuggita al controllo e la guerriglia talebana si è moltiplicata dopo il 2004, Washington ha provato di tutto – un programma di aiuti da trilioni di dollari, un “aumento” di 100.000 truppe, una guerra alla droga multimiliardaria – ma niente di tutto ciò ha funzionato. Anche ora, nel mezzo di una ritirata nella sconfitta, Washington ufficiale non ha un’idea chiara del perché alla fine abbia perso questo conflitto di 40 anni.

Secret War (Guerra alla droga)

Solo quattro anni dopo che l’esercito del Vietnam del Nord era entrato a Saigon alla guida di carri armati e camion di fabbricazione sovietica, Washington decise di pareggiare i conti dando a Mosca il proprio Vietnam in Afghanistan. Quando l’Armata Rossa occupò Kabul nel dicembre 1979, il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Jimmy Carter, Zbigniew Brzezinski, elaborò una grande strategia per una guerra segreta della CIA che avrebbe inflitto un’umiliante sconfitta all’Unione Sovietica.

Basandosi su una vecchia alleanza degli Stati Uniti con il Pakistan, la CIA ha lavorato attraverso l’agenzia Inter Service Intelligence (ISI) di quel paese per consegnare milioni, poi miliardi di dollari in armi ai guerriglieri antisovietici dell’Afghanistan, noti come i mujaheddin , la cui fede islamica li ha resi formidabili. combattenti. In qualità di maestro della geopolitica, Brzezinski ha forgiato un allineamento strategico quasi perfetto tra Stati Uniti, Pakistan e Cina per un conflitto surrogato contro i sovietici. Bloccato in un’aspra rivalità con la sua vicina India che scoppiò in periodiche guerre di confine, il Pakistan desiderava disperatamente compiacere Washington, soprattutto perché, abbastanza minacciosamente, l’India aveva testato solo di recente la sua prima bomba nucleare.

Durante i lunghi anni della Guerra Fredda, Washington è stata il principale alleato del Pakistan, ha fornito aiuti militari e inclinando la sua diplomazia a favore di quel paese rispetto all’India. Per ripararsi sotto l’ombrello degli Stati Uniti, i pakistani erano, una loro volta nucleare, disposti a rischiare l’ira di Mosca servendo da trampolino di lancio per la guerra segreta della CIA contro l’Armata Rossa in Afghanistan.

Sotto quella grande strategia, c’era una realtà più cruda che prendeva forma sul terreno in quel paese. Mentre i comandanti mujaheddin accolsero con favore le spedizioni di armi della CIA, avevano anche bisogno di fondi per sostenere i loro combattenti e presto si dedicarono alla coltivazione del papavero e al traffico di oppio per questo. Quando la guerra segreta di Washington entrava nel suo sesto anno, un corrispondente del New York Times in viaggio attraverso l’Afghanistan meridionale ha scoperto una proliferazione di campi di papaveri che stava trasformando quel terreno arido nella principale fonte mondiale di narcotici illeciti. “Dobbiamo coltivare e vendere oppio per combattere la nostra guerra santa contro i non credenti russi”, ha detto al giornalista un leader ribelle.

In effetti, le carovane che trasportavano armi della CIA in Afghanistan spesso tornavano in Pakistan cariche di oppio – a volte, ha letto il New York Times, “con il consenso degli ufficiali dell’intelligence pakistana o americana che hanno sostenuto la resistenza”. Durante il decennio della guerra segreta della CIA in quel paese, il raccolto annuale di oppio dell’Afghanistan è salito da un modesto 100 tonnellate a un enorme 2.000 tonnellate. Per trasformare l’oppio grezzo in eroina, nei confini afghano-pakistani si aprirono laboratori illeciti che, nel 1984, rifornivano lo sbalorditivo 60% del mercato statunitense e l’80% di quello europeo. In Pakistan, il numero di eroinomani è passato da quasi nessuno nel 1979 a quasi 1,5 milioni nel 1985.

Nel 1988, c’erano circa 100-200 raffinerie di eroina nell’area intorno al Passo Khyber all’interno del Pakistan che operavano sotto il controllo dell’ISI. Più a sud, un signore della guerra islamista di nome Gulbuddin Hekmatyar, il “bene” afghano preferito dalla CIA, controllava diverse raffinerie di eroina che trattavano gran parte del raccolto di oppio dalle province meridionali del paese. Nel maggio 1990, mentre quella guerra segreta stava finendo, il Washington Post riferì che i funzionari americani non avevano indagato sullo spaccio di droga da parte di Hekmatyar e dei suoi protettori nell’ISI pakistana, in gran parte “perché la politica dei narcotici degli Stati Uniti in Afghanistan è stata subordinata alla guerra contro l’influenza sovietica “.

Charles Cogan, direttore dell’operazione afghana della CIA, ha successivamente parlato confranchezza delle priorità dell’agenzia. “Non abbiamo davvero le risorse o il tempo da dedicare a un’indagine sul traffico di droga”, ha detto a un intervistatore. “Non penso che dobbiamo scusarci per questo … Ci sono state ricadute in termini di farmaci, sì. Ma l’obiettivo principale è stato raggiunto. I sovietici hanno lasciato l’Afghanistan “.

C’era anche un altro tipo di vera ricaduta da quella guerra segreta, anche se Cogan non ne ha parlato. Mentre ospitava l’operazione segreta della CIA, il Pakistan ha giocato sulla dipendenza di Washington e il suo assorbimento nella sua battaglia della Guerra Fredda contro i sovietici per sviluppare un ampio materiale fissile entro il 1987 per la propria bomba nucleare e, un decennio dopo, per condurre con successo un test nucleare. che ha sbalordito l’ India e inviato onde d’urto strategiche in tutta l’Asia meridionale.

Allo stesso tempo, anche il Pakistan stava trasformando l’Afghanistan in uno stato cliente virtuale. Per tre anni dopo la ritirata sovietica nel 1989, la CIA e l’ISI pakistana hanno continuato a collaborare nel sostenere un’offerta di Hekmatyar per catturare Kabul, fornendogli abbastanza potenza di fuoco per bombardare la capitale e massacrare circa 50.000 residenti. Quando ciò fallì, dai milioni di rifugiati afgani all’interno dei loro confini, i soli pakistani formarono una nuova forza che venne chiamata talebani – suona familiare? – e li ha armati per impadronirsi di Kabul con successo nel 1996.

L’invasione dell’Afghanistan

All’indomani degli attacchi terroristici del settembre 2001, quando Washington decise di invadere l’Afghanistan, lo stesso allineamento di strategia globale e cruda realtà locali gli assicurò un’altra straordinaria vittoria, questa volta sui talebani che allora governavano la maggior parte del paese. Sebbene le sue armi nucleari ora diminuissero la sua dipendenza da Washington, il Pakistan era ancora disposto a fungere da trampolino di lancio per la mobilitazione della CIA dei signori della guerra regionali regionali afgani che, in combinazione con i massicci bombardamenti utilizzatiensi, presto spazzarono via talebani dal potere.

Anche la potenza aerea americana abbia prontamente distrutto le sue forze armate – apparentemente, quindi, irreparabilmente – la vera debolezza del regime teocratico risiedeva nella sua tomba cattiva gestione del raccolto di oppio del paese. Dopo aver preso il potere nel 1996, i talebani avevano prima raddoppiato il raccolto di oppio del paese portandolo a 4.600 tonnellatesenza precedenti , sostenendo l’economia e il 75% dell’eroina mondiale. Quattro anni dopo, tuttavia, i mullah al potere del regime hanno usato i loro formidabili poteri coercitivi per la tariffa offerta per il riconoscimento internazionale alle Nazioni Unite il raccolto di oppio del paese a sole 185 tonnellate . Quella decisione farebbe precipitare milioni di agricoltori nella miseria e, nel processo, ridurrebbe il regime a un guscio vuoto che è andato in frantumi con le prime bombe americane.

Mentre la campagna di bombardamenti degli Stati Uniti infuriava fino all’ottobre 2001, la CIA ha spedito $ 70 milioni in fatture in bundle in Afghanistan per mobilitare la sua vecchia coalizione di signori della guerra tribali per la lotta contro i talebani. Il presidente George W. Bush avrebbe poi celebrato quella spesa come uno dei più grandi “affari” della storia.

Quasi dall’inizio di quella che divenne un’occupazione americana di 20 anni, tuttavia, l’allineamento un tempo perfetto di fattori globali e locali iniziò a rompersi per Washington. Anche mentre i talebani si ritiravano nel caos e nella costernazione, quei signori della guerra da scantinati conquistarono la campagna e prontamente presiedevano a un raccolto di oppio rianimato che salì a 3.600 tonnellate entro il 2003, o uno straordinario 62% del prodotto interno lordo (PIL ) del paese. Quattro anni dopo, il raccolto di droga avrebbe raggiunto l’ incredibile cifra di 8.200 tonnellate, generando il 53% del PIL del paese, il 93% dell’eroina illegale mondiale e, soprattutto, ampi fondi per una rinascita di … sì, avete indovinato, i talebani esercito di guerriglia.

Stordita dalla consapevolezza che il suo regime clientelare a Kabul stava perdendo il controllo della campagna a causa dei talebani finanziati dall’oppio, la Casa Bianca di Bush lanciò una guerra alla droga da 7 miliardi di dollari che presto sprofondò in una fogna di corruzione e grandi politiche tribali. Nel 2009, i guerriglieri stavano espandendo rapidamente la nuova amministrazione Obama ha optato per un “aumento” di 100.000 soldati statunitensi.

Attaccando i guerriglieri ma non riuscendo a sradicare il raccolto di oppio che finanziava il loro dispiegamento ogni primavera, l’impennata di Obama ha subito una sconfitta annunciata. In mezzo a un rapido ritiro di quelle truppe per rispettare i dati di scadenza dell’impennata del dicembre 2014 (come aveva promesso Obama), i talebani hanno lanciato la prima delle loro offensive annuali per la stagione dei combattimenti che hanno lentamente strappato il controllo di parti significative della campagna all’Afghanistan. militari e polizia.

Nel 2017, il raccolto di oppio aveva raggiunto un nuovo record di 9.000 tonnellate, circa il 60% dei finanziamenti per l’inesorabile avanzato dei talebani. Riconoscendo la centralità del traffico di droga nel sostenere l’insurrezione, il comando statunitense ha inviato combattenti F-22 e bombardieri B-52 per attaccare i laboratori dei talebani nel cuore dell’eroina del paese. In effetti, stava schierando aerei da miliardi di dollari per distruggere quelle che si rivelarono essere 10 capanne di fango, privando i talebani di appena 2.800 dollari di entrate fiscali. A chiunque prestasse attenzione, l’assurda asimmetria di quell’operazione rivelò che l’esercito americano era stato decisamente superato e sconfitto dalla più grintosa realtà afghana locale.

Allo stesso tempo, il lato geopolitico dell’equazione afghana si rivolgeva decisamente contro lo sforzo bellico americano. Con il Pakistan che si avvicina sempre di più alla Cina come contrappeso al suo rivale India e le relazioni USA-Cina che diventano ostili, Washington è diventata sempre più irritata con Islamabad. In un vertice alla fine del 2017, il presidente Trump e il primo ministro indiano Modi si sono uniti ai loro controparti australiane e giapponesi per formare “il Quad” (noto più formalmente come il dialogo quadrilatero sulla sicurezza), un’alleanza incipiente volta a controllare l’espansione della Cina che ha presto guadagnato la sostanza attraverso la manovre navali congiunte nell’Oceano Indiano.

Entro poche settimane da quell’incontro, Trump avrebbe distrutto l’alleanza di 60 anni di Washington con il Pakistan con un singolo tweet di Capodanno affermando che il paese aveva ripagato anni di generosi aiuti statunitensi con “nient’altro che bugie e inganni”. Quasi immediatamente, Washington ha annunciato la sospensione dei suoi aiuti militari al Pakistan fino a quando Islamabad non ha intrapreso “un’azione decisiva” contro i talebani ei suoi alleati militanti.

Con il delicato allineamento di Washington delle forze globali e locali ora fatalmente disallineato, sia la capitolazione di Trump ai colloqui di pace con i talebani nel 2020 che l’imminente ritirata sconfitta di Biden erano preordinate. Senza accesso all’Afghanistan senza sbocco sul mare dal Pakistan, i droni di sorveglianza degli Stati Uniti ei cacciabombardieri ora devono affrontare un volo di 2.400 miglia dalle basi più vicine nel Golfo Persico, troppo lontano per un uso efficace della potenza aerea per plasmare gli eventi sul terreno (sebbene i comandanti americani lo siano già alla disperata ricerca di basi aeree nei paesi molto più vicini all’Afghanistan da utilizzare).

Lezioni di sconfitta

A differenza di una semplice vittoria, questa sconfitta offre livelli di significato per coloro che hanno la pazienza di scandagliarne le lezioni. Durante un’indagine del governo su ciò che è andato storto nel 2015, Douglas Lute, un generale dell’esercito che ha diretto la politica di guerra afgana per le amministrazioni Bush e Obama, ha osservato : “Eravamo privi di una comprensione fondamentale dell ‘ Afghanistan – non sapevamo cosa avessimo stavano facendo. ” Con le truppe americane che stanno ora scuotendo la polvere del suolo arido dell’Afghanistan dai loro stivali, è probabile che le future operazioni militari statunitensi in quella parte del globo si spostino al largo mentre la Marina si unisce al resto della flottiglia del Quad nel tentativo di controllare l’avanzata della Cina nell’India Oceano.

Al di là dei circoli chiusi della Washington ufficiale, questo triste risultato ha lezioni più inquietanti. I molti afgani che credevano nelle promesse democratiche dell’America si uniranno a una linea crescente di alleati abbandonati, che risale all’era del Vietnam e che include, più recentemente, curdi, iracheni e somali, tra gli altri. Una volta che i costi completi del ritiro di Washington dall’Afghanistan diventeranno evidenti, la debacle potrebbe, non sorprendentemente, scoraggiare potenziali futuri alleati dal fidarsi della parola o del giudizio di Washington.

Proprio come la caduta di Saigon ha reso il popolo americano diffidente nei confronti di tali interventi per più di un decennio, così una possibile catastrofe a Kabul produrrà probabilmente (si potrebbe anche dire, si spera) un’avversione a lungo termine in questo paese per tali interventi futuri. Proprio come Saigon, 1975, divenne l’incubo che gli americani desideravano evitare per almeno un decennio, così Kabul, 2022, potrebbe diventare una ricorrenza inquietante che non fa che aggravare una crisi di fiducia americana in patria.

Quando gli ultimi carri armati dell’Armata Rossa attraversarono finalmente il Ponte dell’Amicizia e Lasciarono l’Afghanistan nel febbraio 1989, quella sconfitta contribuì a far precipitare il crollo completo dell’Unione Sovietica e la perdita del suo impero in soli tre anni. L’impatto della prossima ritirata dagli Stati Uniti in Afghanistan sarà senza dubbio molto drammatico. Tuttavia, sarà profondamente significativo. Una storia ritirata dopo così tanti anni, con il nemico se non alle porte, per poi avvicinarsi a loro, è un chiaro segno che la Washington imperiale ha raggiunto i limiti di ciò che anche l’esercito più potente della terra può fare.

O, in altre parole, non dovrebbero esserci errori dopo quei quasi 20 anni in Afghanistan. La vittoria non è più nel flusso sanguigno americano, sebbene lo siano le droghe. La perdita dell’ultima guerra alla droga è stata un tipo speciale di disastro imperiale, che ha dato al ritiro più di un significato nel 2021. Quindi, non sarà sorprendente se la partenza da quel paese in tali condizioni è un segnale per alleati e nemici allo stesso modo che Washington non ha più la speranza di ordinare il mondo come desidera e che la sua egemonia globale, un tempo formidabile, stia davvero svanendo.

 

 

FONTE

 

Articolo di Alfred McCoy

pubblicato da

Global Research

 

Alfred W. McCoy , un   regolare TomDispatch , è il professore di storia di Harrington presso l’Università del Wisconsin-Madison. È l’autore più recentemente di   In the Shadows of the American Century: The Rise and Decline of US Global Power (Dispatch Books). Il suo ultimo libro è To Govern the Globe: World Orders and Catastrophic Change .

 

https://www.globalresearch.ca/

Condividi questo articolo

Lascia un commento