COVID – LANCET ELOGIA LA SANITA’ CUBANA

Condividi questo articolo

La prestigiosa rivista scientifica The Lancet dedica un interessante ed approfondito articolo al sistema sanitario cubano che ha limitato la propagazione del Covid 19 e agli sforzi dello stato nello sviluppare un proprio vaccino per essere indipendente dai capricci degli Stati Uniti che, nonostante le difficoltà che la pandemia causa, badano bene di alleggerire il sessantennale blocco economico verso l’isola.

 

 

Di seguito la traduzione dell’articolo:

 

L’impegno di lunga data di Cuba per la salute ha portato a una risposta pandemica contro il covid-19 di successo, ma è minacciato da problemi finanziari e dei fornitori. Lo riferisce Talha Burki.

Mentre The Lancet Infectious Diseases andava in stampa, Cuba stava iniziando uno studio di fase 3 del suo vaccino contro il covid-19 denominato Sovrana 02.

Sovrana 02 uno dei quattro vaccini COVID-19 candidati in fase di sviluppo a Cuba. È prodotto dall’Istituto Finlay a L’Avana. Sulla base dei risultati ancora inediti degli studi clinici in fase iniziale, Vicente Verez-Bencomo, direttore generale del Finlay Institute, si aspetta che il vaccino mostri un’efficacia nell’area dell’80-95%. “Siamo molto ottimisti”, ha detto. Se tutto andrà secondo i piani, Cuba potrebbe avviare un programma di vaccinazione di massa per i suoi 11,2 milioni di cittadini in estate.

Dopo aver tenuto a bada la SARS-CoV-2 per la maggior parte del 2020, Cuba ha subito un’ondata di infezioni nel 2021. All’8 marzo, il paese aveva segnalato 55 693 casi di COVID-19 e 348 decessi. Solo a febbraio si sono verificati 23 093 nuovi casi, quasi il doppio rispetto all’intero 2020.

Cuba sta ancora andando molto meglio della maggior parte degli altri paesi della regione, ma è urgente mente necessario un vaccino.

Una seconda fase 3 di sperimentazione di Sovrana 02 è prevista con la partecipazione dell’Iran, nell’ambito di una partnership tra l’Istituto Finlay e l’Istituto Pasteur dell’Iran. Per soberana-1 è prevista una sperimentazione di fase 2/3, sviluppata anche  questodal Finlay Institute. Il Center for Genetic Engineering and Biotechnology (L’Avana, Cuba) sta invece dietro gli altri candidati al vaccino. Abdala e Mambisa, uno spray nasale, sono entrambi entrati nelle prove di fase 1/2 alla fine dello scorso anno.

Soverana significa sovrano in spagnolo. Abdala è il titolo di un poema di un rivoluzionario cubano, e Mambisa prende il nome dai guerriglieri che combatterono contro i colonialisti spagnoli nel XIX secolo. Tutto ciò indica che la spinta vaccinale è una questione di orgoglio nazionale. Il presidente Miguel Díaz-Canel ha visitato l’Istituto Finlay tre volte nel corso della pandemia di COVID-19. In patria e all’estero, l’identità cubana post-rivoluzionaria è sempre stata legata alla salute. Nel 1960, Cuba si unì allo sforzo di soccorso dopo il terremoto cileno. Nel 1963 inviò operatori sanitari ad assistere il nuovo Stato indipendente dell’Algeria.

La Brigata Henry Reeve di Cuba è stata fondata nel 2005. Ha spedito quadri e operatori sanitari in tutto il mondo per combattere disastri ed epidemie. I medici cubani erano sulla scena ad Haiti durante l’epidemia di colera seguita al terremoto del 2010; sono arrivati in Africa occidentale durante la crisi dell’Ebola del 2013 e del 2016. Quando il COVID-19 si diffuse in Europa, due team della brigata  henry reeve sbarcarono in Italia. Alla fine di aprile 2020, più di 1000 operatori sanitari cubani stavano aiutando i paesi stranieri a rispondere al COVID-19.

“Il programma sanitario internazionale riguarda la solidarietà; Cuba crede che le popolazioni sane siano il fondamento della società globale e sostengono in questo modo i paesi sottosviluppati”, ha dichiarato Clare Wenham, assistente professore di politica sanitaria globale alla London School of Economics and Political Science (Londra, Regno Unito). Malaria, poliomielite, tetano e morbillo sono stati debellati a Cuba. La risposta di successo dell’isola al COVID-19 è stata in gran parte il risultato di anni di investimenti nell’assistenza primaria e di un’attenzione assidua alla salute della popolazione. Il paese ha un’assistenza sanitaria universale completa e uno dei più alti rapporti tra medico e paziente al mondo.

I team di medici e infermieri sono integrati nella comunità locale. “Tutti hanno un controllo di routine ogni anno, e se non vai, il medico verrà a trovarti”, ha detto Wenham a The Lancet Infectious Diseases. “Significa che i medici identificano in modo proattivo i problemi; c’è una reale enfasi sulla prevenzione. I focolai di malattia possono essere rilevati più o meno immediatamente. Secondo un modello noto come CARE, i pazienti sono classificati in quattro categorie: apparentemente sani, a rischio di malattia, malati e in riabilitazione o recupero. Le persone a rischio di malattia includono individui in sovrappeso, con diabete o ipertensione. Quando Cuba ha registrato il suo primo caso di COVID-19 l’11 marzo 2020, sapeva già dove si trovassero i suoi cittadini più vulnerabili.

In un’intervista a MEDICC Review, il medico di famiglia Marta Gálvez ha delineato i vantaggi del sistema cubano: “La prima cosa che qualsiasi medico che si rispetti deve sapere è la situazione sanitaria della popolazione che segue”, ha spiegato. “L’obiettivo principale di un medico di base è la promozione della salute e la prevenzione delle malattie, quindi devi conoscere la tua comunità per progettare una strategia adatta alle loro esigenze. CARE è uno strumento vitale: è per questo che so di avere 658 adulti più anziani in una popolazione totale di 1093 persone e 42 anziani vivono da soli. Circa un cubano su cinque ha più di 60 anni.

“La rete di sanità pubblica è molto forte a Cuba, ma va a costo delle libertà civili”, ha detto Wenham. “Cuba è un contesto molto specifico; non molti paesi accetteranno questo tipo di stretta sorveglianza medica, e la maggior parte dei governi non ha un controllo così stretto sui loro cittadini. Dopo l’entrata nell’isola della SARS-CoV-2, più di 28 000 studenti di medicina hanno condotto un programma di screening attivo che nel giro di poche settimane aveva raggiunto 9 milioni di cubani. Cuba aveva iniziato a prepararsi con largo anticipo rispetto al suo primo caso di COVID-19. Chiuse rapidamente le frontiere e i suoi centri di isolamento e un efficiente sistema di test-and-trace. Ma poco dopo l’apertura di Cuba alla fine dell’anno scorso, i casi hanno iniziato a crescere.

La pandemia è stata estremamente costosa. Il prodotto interno lordo si è ridotto dell’11% nel 2020. Invece dei soliti 4 milioni di turisti, Cuba ha ospitato solo 80 000. L’annoso blocco economico imposto dagli Stati Uniti ha avuto un pesante tributo. “I centri sanitari e le cliniche affrontano regolarmente la mancanza di scorte di farmaci di base, come il paracetamolo, e altri presidi medici come le bende”, osserva Fiona Samuels, senior research fellow e professore associato onorario alla London School of Hygiene & Tropical Medicine (Londra, Regno Unito). “Il personale è molto ben addestrato, ma l’infrastruttura sanitaria è decaduta e spesso non hanno le attrezzature per consentire loro di fare il loro lavoro in modo efficace”.

L’industria biotecnologica cubana è nata in risposta al blocco degli Stati Uniti. È composto da oltre 30 istituti di ricerca e produttori, sotto l’egida del gruppo statale BioCubaFarma. Alla fine degli anni ’80, Cuba sviluppò il primo vaccino contro il meningococco B al mondo. Produce otto dei dieci vaccini usati abitualmente nel paese e invia centinaia di milioni di dosi all’estero. Ma ottenere materie prime è una lotta costante, soprattutto all’indomani dell’inasprimento delle sanzioni americane durante la presidenza di Donald Trump. “Ci sono situazioni in cui i fornitori di componenti importanti per il nostro settore da diversi decenni sono stati costretti a fermarsi improvvisamente; rende tutto più costoso e complicato, ed è una vera preoccupazione”, ha detto Verez-Bencomo. Il turismo porta un flusso di valuta tanto necessaria, soprattutto perché ai cubani-americani è stato impedito di inviare rimesse, ma con i turisti arriva il virus. Il governo cubano ritiene che oltre il 70% degli attuali casi di COVID-19 siano legati a nuovi arrivi nel paese.

Se Soverana-2 avrà successo, Cuba prevede di esportarlo a basso costo dopo che gli sforzi nazionali di vaccinazione saranno terminati. Il sistema sanitario centralizzato significa che è improbabile che l’implementazione domestica sia problematica, anche se le periferie dell’isola sono difficili da raggiungere. Verez-Bencomo ritiene che entro la fine dell’estate il paese avrà la capacità di produrre 10 milioni di dosi di vaccino al mese. I cubani sono entusiasti dell’impegno. “Quando chiediamo volontari per gli studi clinici, abbiamo sempre due o tre volte più persone di quante ne abbiamo bisogno”, ha detto Verez-Bencomo. “Per strada, ovunque vada, tutti chiedono del vaccino.”

Fonte: The Lancet

 

ARTICOLO DI

di Andrea Puccio

 

PUBBLICATO DA

L’ANTIDIPLOMATICO

Condividi questo articolo

Lascia un commento