L’attacco aereo degli Stati Uniti sulla Siria: Biden incontra il nuovo capo

Condividi questo articolo

Nel suo primo atto militare pubblicamente riconosciuto come comandante in capo, il presidente Joe Biden ordina un assalto alla Siria e dimostra che quando si tratta di risolvere i numerosi problemi della regione, non è migliore di Trump o Obama.

Il presidente Biden ha ordinato agli aerei militari statunitensi di colpire obiettivi sul suolo siriano che secondo gli Stati Uniti erano affiliati a due milizie filo-iraniane, Kataib Hezbollah e Kataib Sayyid al-Shuhada. Gli Stati Uniti, lavorando a stretto contatto con i servizi di sicurezza iracheni, hanno implicato milizie sciite sostenute dall’Iran in un recente attacco missilistico contro una base aerea statunitense a Erbil, in Iraq, che ha ucciso un appaltatore straniero impiegato dagli Stati Uniti e ferito quattro appaltatori americani e un membro del servizio statunitense. .

Un portavoce del Pentagono, John Kirby , ha definito l’attacco , effettuato da aerei F-15E statunitensi e ucciso fino a 17 persone, una “risposta militare proporzionata ” progettata per inviare “un messaggio inequivocabile: il presidente Biden agirà per proteggere personale della coalizione. “

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha osservato che lo sciopero faceva parte di una risposta calcolata “utilizzando un mix di strumenti visibili e invisibili”. Psaki ha cercato di differenziare le azioni dell’amministrazione Biden dai precedenti attacchi aerei intrapresi durante l’amministrazione Trump contro lo stesso identico obiettivo, esattamente per le stesse ragioni, poco più di un anno fa. ” Quello che non faremo”, ha osservato Psaki, “e quello che abbiamo visto in passato, è scagliarsi e rischiare un’escalation che gioca nelle mani dell’Iran destabilizzando ulteriormente l’Iraq”.

Quindi è tutto chiaro e ok, allora … o no?

 

Attacchi aerei al tempo di Trump

Nel dicembre 2019, l’allora presidente Trump ha ordinato alle forze statunitensi di colpire obiettivisituati all’interno e intorno alla città di Abu Kamal, sul lato siriano del confine tra Siria e Iraq, di fronte alla città irachena di Al Qaim. La guarnigione siriana ad Abu Kamal era stata rinforzata da milizie iraniane filo-iraniane, in particolare Kataib Hezbollah, nel tentativo di tagliare le forze affiliate allo Stato Islamico (IS, ex ISIS) intrappolate in Siria dalla loro base di appoggio in Iraq. Abu Kamal era anche un importante hub di supporto logistico per i rifornimenti trasportati dall’Iran alle forze filo-iraniane che operavano all’interno della Siria.

L’attacco aereo statunitense del giorno di Natale 2019 è stato ordinato dal presidente Trump come rappresaglia per un attacco missilistico contro una base aerea statunitense al K-1, nell’Iraq controllato dai curdi, che ha ucciso un appaltatore civile statunitense.

Mentre gli Stati Uniti hanno incolpato l’Iran e Kataib Hezbollah per l’attacco, le forze di sicurezza irachene hanno creduto che i veri autori fossero ribelli iracheni simpatizzanti per l’IS. Secondo quanto riferito, gli attacchi aerei su Abu Kamal uccisero almeno 25 miliziani e ne ferirono altri 55, scatenando un’ondata di proteste all’interno dell’Iraq culminata in una folla che invadeva parti del complesso dell’ambasciata degli Stati Uniti a Baghdad.

Gli Stati Uniti hanno risposto all’assalto all’ambasciata inviando migliaia di truppe nella regione e ordinando l’assassinio di Qassem Soleimani, il capo della Forza Quds iraniana che sovrintende alla cooperazione tra l’Iran e le milizie filo-iraniane, e Abu Mahdi al-Muhandis, il capo del Comitato di mobilitazione popolare, un’organizzazione ombrello sotto la quale cadde Kataib Hezbollah.

Questi due omicidi hanno provocato un attacco di rappresaglia da parte dell’Iran contro una base aerea statunitense all’interno dell’Iraq che ha ferito più di 100 militari americani e ha portato l’Iran e gli Stati Uniti sull’orlo della guerra. Era questo ciclo di escalation a cui si riferiva Jen Psaki nella sua dichiarazione dopo l’attacco aereo ordinato da Biden del 25 febbraio.

 

È l’ora di Joe

Mentre Kirby e Psaki hanno entrambi sposato una posizione ufficiale dell’amministrazione Biden che cerca di differenziarsi dalle azioni e dalle politiche del suo predecessore, la realtà è che le azioni dell’amministrazione Biden, nel bombardare la Siria, sono altrettanto male informate e sbagliate. diretti come quelli che hanno portato gli Stati Uniti e l’Iran sull’orlo della guerra all’inizio del 2020.

Come l’amministrazione Trump prima di lui, Biden ei suoi consiglieri hanno dimostrato di essere altrettanto capaci di interpretare erroneamente i fatti sul campo in Medio Oriente, trarre conclusioni sbagliate e sviluppare soluzioni che non fanno che esacerbare una situazione già pericolosa. “Sappiamo cosa abbiamo colpito”, ha commentato il Segretario alla Difesa Lloyd Austin dopo l’attacco . “Siamo fiduciosi che l’obiettivo fosse utilizzato dalla stessa milizia sciita che ha condotto gli attacchi”.

La fiducia di Austin, tuttavia, non coincide con i fatti. Le milizie irachene di stanza ad Abu Kamal hanno negato qualsiasi coinvolgimento negli attacchi missilistici di Erbil (infatti, entrambe sono affiliate al governo iracheno, essendo state ufficialmente assorbite dai servizi di sicurezza iracheni).

La milizia che ha rivendicato la responsabilità, Awliya al-Dam, è stata formata all’indomani dell’assassinio di Soleimani e al-Muhandis, da membri della milizia appartenenti a Kaitab Hezbollah che si erano separati da quell’organizzazione per vendicarsi degli Stati Uniti una volta che fosse diventato chiaro che Kaitab Hezbollah avrebbe seguito le istruzioni del governo iracheno per non aggravare ulteriormente la situazione.

Mentre l’intelligence statunitense crede che Awliya al-Dam sia stato creato per dare a Kaitab Hezbollah e ad altre milizie filo-iraniane una plausibile negazione riguardo ai continui attacchi missilistici contro obiettivi statunitensi all’interno dell’Iraq, gli esperti regionali ritengono che la divisione sia genuina e che le azioni di Awliya al- La diga non può essere fusa con Kaitab Hezbollah o qualsiasi altra milizia filo-iraniana che opera come parte dei servizi di sicurezza iracheni.

Ad aggravare la preoccupazione che gli Stati Uniti, bombardando le milizie irachene con sede in Siria la cui missione è impedire la rinascita dello Stato Islamico, stiano ancora una volta cercando una soluzione a un problema che ha definito in modo incompetente, è il fatto che l’amministrazione Biden ha cercato di colorare l’attacco aereo del 25 febbraio come “messaggio” all’Iran riguardo ad altri eventi regionali che non hanno nulla a che fare né con l’attacco a Erbil, né con le forze con base ad Abu Kamal che sono state bombardate dagli Stati Uniti per rappresaglia.

Il governo siriano ha condannato l’attacco aereo statunitense, rilevando che l’attacco è avvenuto nello stesso momento in cui l’esercito siriano e le milizie irachene con sede ad Abu Kamal erano impegnate in operazioni in corso contro lo Stato islamico.

 

 

 

 

Un incubo dell’ottica

Il totale mancato riconoscimento da parte dell’amministrazione Biden dell’ottica di essere visto dare supporto aereo a IS sfugge a chi si è articolato a favore dell’assalto.

Lo stesso vale per l’apparente disconnessione tra coloro che vedono l’attacco aereo ordinato da Biden come una misura progettata per frenare il malfunzionamento regionale iraniano, pur mantenendo aperta la porta per un impegno diplomatico sul programma nucleare iraniano.

L’Iran è stato critico in passato della volontà degli Stati Uniti di violare il diritto interno sia internazionale che statunitense quando si tratta di perseguire politiche volte a mantenere l’Iran al suo posto. Se i colloqui sul nucleare con l’Iran vogliono avere qualche possibilità di successo, l’amministrazione Biden dovrà convincere le autorità iraniane che, a differenza dell’amministrazione Trump, ci si può aspettare che l’attuale iterazione del governo degli Stati Uniti obbedisca alla legge e mantenga la sua parola.

L’attacco aereo degli Stati Uniti su Abu Kamal, tuttavia, si fa beffe di tale idea. Non solo l’amministrazione Biden ha rispecchiato l’incompetenza dell’amministrazione Trump quando si tratta di articolare una ragione convincente per colpire gli obiettivi che ha fatto, ma le sue azioni sono in contrasto con gli standard morali e legali dichiarati che avevano i membri senior dell’amministrazione Biden. precedentemente sposato quando criticava le azioni dell’amministrazione Trump.

Nel 2017, Jen Psaki ha messo in dubbio l ‘” autorità legale” per gli attacchi aerei sulla Siria ordinati da Trump come rappresaglia per accuse di scarsa provenienza di uso di armi chimiche da parte del governo siriano. “Assad è un brutale dittatore”, ha twittato Psaki , “ma la Siria è un paese sovrano”. E nel 2018, l’allora senatrice Kamala Harris, commentando un secondo round di attacchi aerei contro la Siria ordinati dall’amministrazione Trump, ha twittato di essere “profondamente preoccupata per la logica giuridica” dietro l’uso della forza militare da parte degli Stati Uniti.

Ogni tweet potrebbe essere risentito oggi.

E non torniamo nemmeno al presidente rimosso due volte, il vecchio capo di Biden Barack Obama, l’uomo che è arrivato in carica promettendo di porre fine alle guerre di George W. Bush, ma il cui ultimo anno in carica ha visto l’America sganciare 26.171 bombe , molte delle quali su Siria.

 

 

Silenzio assordante

Il silenzio che esiste a Washington, DC, sulla legalità dei nuovi attacchi aerei statunitensi contro obiettivi all’interno della Siria (una “nazione sovrana” , come Jen Psaki una volta astutamente osservò) è assordante.

È troppo presto per dire quale impatto, se del caso, l’attacco illegale degli Stati Uniti alla Siria avrà sui negoziati nucleari tra Stati Uniti e Iran, o se questo attacco innescherà un altro ciclo di crescente violenza di ritorsione che potrebbe spingere quelle due nazioni alla guerra.

Una cosa è certa, tuttavia: l’amministrazione Biden non è diversa dal suo predecessore quando si tratta di eseguire in modo incompetente politiche che vanno contro il diritto internazionale e statunitense. Per citare Roger Daltry degli Who , “Incontra il nuovo capo, come il vecchio capo”.

 

 

FONTE

ARTICOLO di Scott Ritter

per Global Research 

 

Scott Ritter è un ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti e autore di ” SCORPION KING : America’s Suicidal Embrace of Nuclear Weapons from FDR to Trump”. Ha prestato servizio nell’Unione Sovietica come ispettore per l’attuazione del Trattato INF, nello staff del generale Schwarzkopf durante la Guerra del Golfo e dal 1991-1998 come ispettore delle armi delle Nazioni Unite. Seguitelo su Twitter  @RealScottRitter

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento