Biden Bomb – Torna negli USA l’era militarista

Condividi questo articolo

Uno dei principali think tank sulla sicurezza nazionale che sostiene l’amministrazione Biden, il Center for a New American Security, ha preso soldi da tutti i principali appaltatori della difesa mentre pompava un flusso costante di ricerche a sostegno degli interessi di quelle società. È l’ennesimo segnale che il promesso “ritorno alla normalità” di Biden è purtroppo arrivato.

La promessa di un “ritorno alla normalità” sotto Joe Biden significava sempre due possibilità. Potrebbe significare una rottura dura dall’oscena, in faccia la corruzione e l’autodisciplina che hanno definito la presidenza di Donald Trump. Oppure potrebbe significare tornare al tipo di corruzione ordinaria e girevole di Washington che Trump si era impegnato a ripulire, ma che ha finito per crogiolarsi.

Secondo un  nuovo rapporto del Revolving Door Project, intitolato “The Military-Industrial-Think Tank Complex: Conflict of Interest at the Center for a New American Security”, sembra essere l’ultima opzione che è finora prevalente nel Biden anni. Pubblicato ieri, il rapporto accusa il principale think tank di politica estera democratica del Center for a New American Security (CNAS) di “nella migliore delle ipotesi, una grave carenza di responsabilità” e, nel peggiore dei casi, “un accordo sistematicamente corrotto” che lo vede promuovere gli interessi degli sponsor facendolo passare per un bene pubblico.

Il rapporto racconta diversi esempi di questa disposizione. Nel 2009, ad esempio, il CNAS ha pubblicato un rapporto sostenendo che il controverso uso di appaltatori militari privati ​​era essenziale e “qui per restare” in guerre come l’Afghanistan, il tutto prendendo denaro da diverse aziende che forniscono quegli stessi servizi. Una di queste aziende, DynCorp, ha ricevuto 2,8 miliardi di dollari di finanziamenti per le operazioni in Afghanistan del dipartimento di stato dal 2002 al 2013, ovvero il 69% della somma totale.

In un altro caso, un rapporto CNAS del 2018 ha affermato che i piani dell’Air Force di acquistare un centinaio di bombardieri B-21 “non sono andati abbastanza lontano”, spingendo i militari ad aggiungere da cinquanta a settantacinque altri jet a un costo aggiuntivo di $ 32,8-49,2 miliardi. Quei profitti sarebbero andati al produttore dell’attentatore, Northrop Grumman, un produttore di armi che ha anche diretto più della metà delle sue donazioni totali di think tank durante il periodo 2014-19 al CNAS.

Un anno prima, il CNAS aveva addebitato all’ambasciata degli Emirati Arabi Uniti negli Stati Uniti $ 250.000 per un rapporto che sosteneva regole più flessibili per l’esportazione di droni statunitensi (“Penso che contribuirà a spingere il dibattito nella giusta direzione”, ha scritto l’ambasciatore in un ringraziamento e -mail), prima di pubblicare un documento separato che invita Trump ad allentare queste restrizioni. Gli Emirati Arabi Uniti hanno finito per firmare un accordo di quasi 200 milioni di dollari per i droni con General Atomics, il cui presidente e CEO miliardario, Neal Blue, è sia un generoso donatore del CNAS che fa parte del consiglio di amministrazione.

Joe Biden. In apertura l’industria bellica statunitense

In questi e in altri esempi, afferma il rapporto, il centro non è riuscito a rivelare i conflitti di interesse nelle proprie relazioni, nonostante abbia notato l’esistenza di una politica su tali conflitti nei propri documenti fiscali. Ha anche ripetutamente violato la “linea molto chiara” del cofondatore del CNAS Kurt Campbell – allora in procinto di prestare servizio nel dipartimento di stato di Barack Obama, e ora nel consiglio di sicurezza nazionale di Biden – ha testimoniato nella sua audizione di conferma del 2009: che il CNAS non scrive di prodotti specifici realizzati dai suoi donatori, ma rimane piuttosto limitato alle idee di politica estera del quadro generale.

La dipendenza del centro dal settore aziendale, in particolare dagli appaltatori militari, è ampia, avendo ricevuto donazioni da tutte le “cinque grandi” ditte di questo tipo nell’ultimo decennio, insieme ad altre ventiquattro. Secondo un Centro per la politica internazionale rapporto pubblicato lo scorso anno, CNAS ha più difesa contractor soldi di qualsiasi delle prime cinquanta Stati Uniti think tank è analizzato. Questo in aggiunta ai contributi della NATO, dei governi degli Stati Uniti e di altri undici paesi alleati e titani aziendali che spaziano dai combustibili fossili, alla finanza, alla tecnologia e ad altri settori, che hanno tutti generosamente donato al CNAS nel corso degli anni.

Come sottolinea il rapporto, la stessa cofondatrice del CNAS – Michèle Flournoy , ha suggerito di essere la segretaria alla difesa di Biden prima che i suoi vasti conflitti di interesse la facessero deragliare – ha sottolineato i problemi con un modello di finanziamento aziendale in un discorso del 2014.

“Ogni finanziatore ha intenzione. Ti stanno dando soldi per un motivo “, ha detto. “Ci sono alcune organizzazioni che si definiscono ‘think tank’ che in realtà accettano denaro dalle società per svolgere un lavoro molto specifico che tende a sostenere i programmi che tali società producono, e penso che questo tipo di … renda le acque più torbide.”

“La portata e la portata dei conflitti di interesse che appaiono nel lavoro del CNAS e l’influenza che i suoi donatori possono esercitare sulla politica evidenzia ulteriormente gravi preoccupazioni sulla corruzione politica”, ha scritto Brett Heinz, coautore del rapporto.

Naturalmente, il CNAS è tutt’altro che unico. Un’intera  schiera di think tank , compresi quelli nella sfera della politica estera come il Centro per gli studi strategici e internazionali e il Consiglio Atlantico, sovrappongono regolarmente il loro lavoro di difesa agli interessi dei loro benestanti benefattori. Ma pochi hanno la stessa influenza sul funzionamento del governo degli Stati Uniti, con almeno tredici alunni del centro che finiscono nell’amministrazione Biden fino ad oggi. Essendo l’equivalente in politica estera del Center for American Progress, questo è, dopo tutto, il motivo per cui esiste il CNAS: servire come squadra di politica estera della futura amministrazione democratica in attesa .

Washington, a quanto pare, è finalmente tornata nelle mani degli esperti che avrebbero sempre dovuto dirigere lo spettacolo. Ciò significa anche che, fedele alla promessa di Biden, la città è tornata allo stesso stato, insignificantemente guidato dal denaro, che Trump ha usato per prendere il potere per la prima volta quattro anni fa.

 

 

 

ARTICOLO PER GLOBAL RESEARCH DI 

Branko Marcetic, autore di Yesterday’s Man: The Case Against Joe Biden . Vive a Toronto, in Canada.

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento