VACCINI – ANTICORPI COME BOMBA A OROLOGERIA?

Condividi questo articolo

Il professore associato di scienze della salute Adam MacNeil alla Brock University, in Canada e il suo dottorando Jeremia Coish sono stati tra i primi ad avvertire, lo scorso giugno, dei pericoli di non guardare con molta attenzione alla possibilità che i vaccini potessero innescare il potenziamento dipendente dagli anticorpi (ADE) di malattia. Ciò potrebbe significare che le persone vaccinate potrebbero, paradossalmente, soffrire di malattie più gravi se esposte al virus selvaggio rispetto a se non fossero state vaccinate.

Nel loro articolo giustamente intitolato, “ Fuori dalla padella e nel fuoco? Due diligence garantite per l’ADE in COVID-19 “, pubblicato sulla rivista Microbes and Infection nel giugno 2020, sostengono che l’ADE è ben noto per essere un rischio per le infezioni mediate dal coronavirus, così come per la dengue . Per coloro che non hanno già familiarità con l’ADE, è la risposta immunitaria paradossale che rende una persona che è stata precedentemente esposta alla malattia, o un vaccino che la prende di mira, più – non meno – suscettibile nel caso in cui venga successivamente infettata.

 

Procedi con cautela

Apparentemente a contrastare questo punto di vista, nell’agosto 2020, era l’epidemiologa virale Leah Katzelnick PhD , specialista in dengue e zika ora alle dipendenze dell’Istituto nazionale per le malattie allergiche e infettive (NIAID) guidato dal dott.Tony Fauci. Insieme al coautore Scott Halstead, il dottor Katzelnick ha sostenuto che l’ ADE non dovrebbe essere qualcosa di cui aver paura . Katzelnick e Halstead hanno proposto che le differenze fondamentali tra l’infezione da SARS-CoV-2 che può causare covid-19 e altre malattie, per le quali è stato dimostrato l’ADE, significano che l’ADE sarebbe altamente improbabile. Hanno supportato le loro argomentazioni con prove da casi di ADE classico, intrinseco, in particolare peritonite infettiva (FIP), un’infezione da coronavirus nei gatti, nonché da virus respiratorio sinciziale (RSV), dengue e SARS – suggerendo differenze significative nella patologia, epidemiologia e risposte immunitarie coinvolte in queste malattie rispetto all’infezione da covid e SARS-CoV-2.

Anthony Fauci

I lettori attenti dell’articolo di Halstead e Katzelnick noteranno che mentre gli autori ignorano in gran parte il rischio di ADE, identificano molto chiaramente un rischio di ipersensibilità al vaccino (o VAH), un’iper-reazione immunologica strettamente correlata che è stata identificata per la prima volta alla fine degli anni ’60 quando i bambini sviluppato morbillo atipico in seguito alla vaccinazione contro il morbillo. Molti di coloro che hanno utilizzato il documento per ignorare i rischi di ADE potrebbero aver letto solo il titolo e l’abstract e non aver capito che Katzelnick e Halstead escludono solo l’ADE intrinseco o iADE (ovvero il rischio di miglioramento della malattia in caso di reinfezione in assenza di vaccinazione) . Potrebbero anche non aver letto il cupo avviso nell’ultima frase del documento: ” Data l’ampiezza del repertorio dei problemi di COVID-19 e la necessità di un vaccino efficace, l’intera forza delle risorse investigative mondiali dovrebbe essere diretta a svelare la patogenesi del VAH . ”

 

Non c’è molto da suggerire che questo avviso sia stato ascoltato, a parte il fatto che migliaia di volontari sono stati sottoposti a studi di Fase 3 e non ci sono state prove di picchi di reazioni più gravi tra coloro vaccinati con la cosa reale, al contrario al placebo.

Herbert Virgin, Ann Arvin e colleghi, scrivendo su Nature , una delle riviste più influenti al mondo, hanno lanciato un appello non dissimile alla cautela a luglio. Questi autori discutono le grandi difficoltà nell’identificare l’incidenza e la frequenza di ADE (e VAH) e suggeriscono che “… sarà essenziale dipendere da un’attenta analisi della sicurezza negli esseri umani mentre gli interventi immunitari per COVID-19 vanno avanti “.

 

La trasparenza è fondamentale

Ciò richiede la piena trasparenza dei dati di sorveglianza in modo che i casi di infezione e reinfezione post-vaccinazione possano essere correlati con reazioni gravi a seguito di infezione o vaccinazione. Richiede anche tempo, molto più tempo di quello che abbiamo avuto finora.

Al momento, i dati rilasciati da VAERS negli Stati Uniti e MHRA nel Regno Unito non si avvicinano a dirci nulla sul rischio di ADE o VAH. In effetti, ci dovrà essere molta più reinfezione prima di sapere definitivamente in un modo o nell’altro. E saremo in grado di scoprire se ci sono problemi reali con ADE o VAH, o le autorità riusciranno a tenerlo sotto controllo semplicemente non comunicandole dato che molte reazioni saranno sostanzialmente ritardate dopo la vaccinazione?

Timothy Cardozo dalla New York University e Ronald Veazy da Tulane University ha preso un ulteriore passo avanti nel loro articolo nel Journal of Clinical Practice pubblicato nel mese di ottobre, quando fase 3 dei test per i vaccini capofila covid erano in pieno svolgimento. Hanno sostenuto non solo che i rischi di ADE (cioè VAH) mediati dal vaccino erano più che solo teorici, ma suggeriscono anche che i rischi potrebbero essere maggiori a seguito di particolari tipi di mutazioni nei virus circolanti.

Nella loro discussione su SARS-CoV-2, discutono di come cambiamenti molto piccoli, come i cambiamenti nella conformità (forma) della sua proteina spike sia prima che dopo la fusione con le cellule ospiti, tramite i recettori ACE2 potrebbero avere un impatto su coloro che sono stati vaccinati . Dopo diversi mesi dall’evidenza emergente che alcune varianti sono in grado di eludere la risposta immunitaria che è stata addestrata per offrire protezione contro le varianti originali di Wuhan, c’è motivo di preoccupazione ancora maggiore. Anche questo rischio non può essere eliminato sulla base dei risultati delle prove di Fase 3.

Ciò che suggeriscono anche i dottori Cardozo e Veazy è un altro punto di cui ci preoccupiamo da tempo. Ciò si riferisce al fatto che i soggetti dello studio – per non parlare dei membri del pubblico che ora si stanno mettendo in fila per i vaccini covid – semplicemente non vengono informati di questi potenziali rischi e della natura ritardata delle possibili reazioni ADE / VAH. Che dire dei vaccinati che si ammalano diversi mesi dopo essere stati vaccinati, soffrendo della classica gamma di sintomi associati a molte malattie respiratorie (compresa la covid), come febbre, brividi, tosse, mancanza di respiro, mal di testa, affaticamento e così via? Sapranno che questi sintomi potrebbero essere correlati a una malattia covid potenziata mediata dalla vaccinazione somministrata loro mesi prima, qualcosa che non è venuto in mente perché pensavano che il vaccino fornisse loro protezione dal covid?

Cardozo e Veazy mostrano quindi come i moduli di consenso informato per soggetti volontari negli studi sui vaccini non soddisfino gli standard etici richiesti per il consenso informato. Sebbene l’ADE sia menzionato, è generalmente aggiunto alla fine dell’elenco dei possibili rischi e le sue implicazioni e l’identificazione difficilmente saranno adeguatamente comprese dal pubblico profano.

Con un segno di spunta nella casella e la sensazione da parte delle autorità di regolamentazione e dei produttori di vaccini di aver negoziato con successo l’ostacolo dei rischi di ADE / VAH, non ci sono state ulteriori discussioni sulla questione. La stragrande maggioranza dei pre-vaccinati che si allineano come parte del lancio globale della vaccinazione di massa semplicemente non ha idea del rischio, perché non gli viene detto.

 

L’ADE potrebbe essere una bomba a orologeria?

La non divulgazione come parte del processo di consenso informato costituisce non solo una violazione dell’etica medica, ma anche una violazione della legge? A nostro avviso, è molto probabile e se in futuro dovessero accumularsi prove, questo sarà qualcosa con cui i tribunali dovranno confrontarsi.

Al momento non ci sono prove di alcun segnale ADE / VAH significativo, ma è troppo presto per dirlo e molti casi potrebbero non essere stati rilevati.

È possibile che alcuni casi di ” long covid ” possano essere una forma di ADE? Questa è una possibilità che abbiamo considerato. In genere le persone che ottengono un covid lungo non risultano positive ai test con tampone nasofaringeo. Ma nelle infezioni sistemiche profonde la mucosa può non mostrare segni di moltiplicazione virale, mentre l’infezione può diventare sistemica in alcuni tessuti ed essere potenziata. Questa possibilità non può essere facilmente ignorata.

Il problema potrebbe aumentare con nuove varianti di SARS-CoV-2? Sì, come spiegato sopra.

Cosa puoi fare

  1. Chi decide di sottoporsi al vaccino dovrebbe informarsi del rischio di ADE e VAH, dove potrebbe esserci un considerevole ritardo tra la vaccinazione e l’esperienza dei sintomi della malattia che possono essere più gravi di quelli che si verificherebbero senza il vaccino.
  2. Informa coloro che conosci che stanno prendendo in considerazione o stanno pianificando di avere il vaccino covid di questo rischio.Leggi e condividi il nostro articolo, “Consenso informato: questo diritto fondamentale viene rispettato?”

 

ARTICOLO DI:

dottor Rob Verkerk

Global Research, 14 febbraio 2021

Alliance for Natural Health 10 febbraio 2021

https://www.globalresearch.ca

Condividi questo articolo

Lascia un commento