SIGONELLA / DOPO I DRONI, ECCO I MICIDIALI “CONVERTIPLANI”

Condividi questo articolo

Continua senza sosta il traffico di velivoli militari nei cieli di Sigonella.

Dopo l’atterraggio di quattro super droni e in attesa del quinto per fine agosto, è adesso la volta degli MV-22 B Osprey, metà elicotteri e metà aerei (per questo denominati “convertiplani”), considerati dagli esperti dei “micidiali strumenti di guerra”.

Ecco il festoso comunicato diramato dall’ufficio stampa della Marina militare statunitense: “Ogni giorno NAS Sigonella supporta le operazioni critiche dei nostri alleati a difesa della nostra nazione: il primo agosto 2020 dalle piste di Sigonella sono decollati gli MV-22 B Osprey del Marine Medium Toltrotor Squadron (VMM) 263”.

I convertiplani sono giunti in Sicilia dopo aver partecipato ad una esercitazione aeronavale nello Ionio e nel Mediterraneo centrale, coordinata dal Comando della VI Flotta Usa di stanza a Napoli.

Commenta il blogger antimilitarista Antonio Mazzeo: “Sono state presenti ai war games le unità schierate con il Bataan Amphibious Ready Group; il 26th Expeditionary Unit del Corpo dei Marines; la nave d’assalto FS Mistral e la fregata FS Guepratte della Marina militare francese; l’unità anfibia San Giorgio della Marina militare italiana. Tra i velivoli impiegati, oltre agli MV-22 B Osprey dello Squadrone 365 dei Marines, gli elicotteri d’attacco MH-60S Seahawks dell’Elicopter Sea Combat Squadron 28 di US Navy, gli elicotteri francesi Alouette e Gazelle e gli SH101 delle forze navali italiane”.

Un bell’assetto di guerra!

Prodotto dai colosso a stelle e strisce Bell e Boeing, il convertiplano (soprannominato “falco pescatore”) decolla come un elicottero e vola come un normale aereo. Può trasportare fino a 24 soldati ad una velocità massina di 509 chilometri orari ed ha un raggio d’azione di 448 chilometri; è equipaggiato con mitragliatrici e missili di precisione aria-terra.

Lo squadrone aereo del Corpo dei Marines ospitato a Sigonella è uno dei reparti d’elite dei Marines Usa. Noto come “Thunder Chicken” (“Pollo Tonante”), l’MMTS 263 è di base nella stazione aerea di New River, nel North Carolina, sotto il comando del Marine Aircraft Group 26.

Istituito a fine anni ’50, è stato impiegato in quasi tutti i principali scenari di guerra degli ultimi settanta anni.

Condividi questo articolo

Lascia un commento