Effetti collaterali del colpo di fulmine

Condividi questo articolo
Dal seme del flirt con Gattuso, coltivato a lungo da De Laurentiis, è sbocciato l’amore e la dichiarazione dei giorni scorsi è stato il prologo di un contratto triennale di matrimonio. Chi ama il Napoli lancia manciate augurali di riso agli sposi e spera che le intenzioni del presidente di assecondare la domanda di un paio di azzurri di elevata qualità questa volta siano soddisfatte. Troppe le delusioni del passato, all’indomani di allettanti promesse, specialmente in vista della campagna abbonamenti o per placare l’insoddisfazione della tifoseria. Dunque idillio in casa del Napoli e c’è da augurarsi che sia complottismo il sospetto sul macroscopico turn over del Ringhio, che offre visibilità ai ‘riservisti’ in quel di Bologna, dove per dirne una, a centrocampo non c’è Fabian Ruiz, ma Elmas, e in avanti agirà l’inedito triangolo Lozano, Milik, Politano. In difesa sosta riposo per Koulibaly e Mario Rui, Meret a difesa della rete. Vuoi vedere che anche il sergente di ferro temprato dagli anni difficili nella sua Calabria, intende assecondare gli interessi di mercato del datore di lavoro, perché faccia un salto in alto il ‘prezzo’ dei giocatori di cui disfarsi per far cassa? L’augurio è che l’ipotesi sia maldicenza, frutto di sospetti infondati. Così non fosse, si assottiglierebbe la stima che mister Gattuso ha meritatamente conquistato nel post Ancelotti.
Tenere in piedi l’ambaradan di un apparato regale è cosa consentita a piccole e ricche realtà qual è ad esempio l’opulento principato di Montecarlo, meno a grandi Paesi qual è il Regno Unito (e neanche tanto unito, considerati i mal di pancia di Scozia e Irlanda) in situazione di crisi da Brexit e Covid-19. Sicché l’‘immortale’ Elisabetta II, edotta dallo staff amministrativo del regno su mancati introiti da pandemia, esercita la sua ancor fresca creatività. Confortata da opinioni di autorevoli agronomi, ricava dagli ‘orti’ regali un’erba da trasformare in liquore. Avvantaggiata dal devoto idillio del popolo inglese, esagera nel valore di mercato del distillato, lo fissa in 45 sterline.  Il ricavato delle vendite probabilmente non compenserà per intero il buco dei mancati incassi di Buckingam Palace e allora? Elisabetta dovrà inventare altro, ma la fantasia sicuramente non le fa difetto.
Totalmente disinformati sui contenuti degli annunci commerciali pubblicati in apposite rubriche dei quotidiani, forse spariti per la maggiore visibilità dei messaggi via internet, ignoriamo l’orientamento della ‘prostituzione a domicilio del tipo ‘Bella formosa, tuttofare, Piazza Garibaldi numero…citofonare Carmela’. Sollecita analogie, molto alla lontana per carità, il manifesto elettorale di una candidata al consiglio comunale di Laterza con la lista ‘Puglia popolare’. L’immagine, come dire, notevolmente osè, i social la definiscono sexi, si avvale della creatività di chi ha elaborato la scritta di accompagnamento ‘Cerco te! Se hai voglia di cambiare, contattami, insieme si può’. Si intuiscono i commenti dei social e in particolare, ecco la sentenza di una donna che imputa a Caterina Zillo di presentarsi con un manifesto sessista, una sorta di auto ‘sputtanamento’, al fine di stuzzicare la fantasia erotica degli elettori maschi.
Condividi questo articolo

Lascia un commento