BILL GATES / AL VIA LA SUA CRIPTOVALUTA DIGITALE GLOBALE

Condividi questo articolo

Una criptovaluta globale e digitale, collegata al corpo della persona.

E’ il fantascientifico e inquietante progetto al quale sta lavorando Microsoft, la corazzata di Bill Gates che dal canto suo sta profondendo le sue energie, a bordo della Fondazione di famiglia, per dar l’assalto all’universo dei vaccini, a cominciare da quello per il Covid 19.

A quanto pare è stato appena stato depositato il brevetto della neo criptovaluta.

Così viene dettagliato dai ricercatori griffati Microsoft nella presentazione tecnica del progetto: “Un’onda cerebrale o il calore corporeo emesso da un utente quando questo esegue il compito assegnato da un fornitore di server, come guardare la pubblicità o utilizzare alcuni servizi di Internet, può essere usato nel processo di estrazione della criptovaluta”.

Capito?

Bill Gates, artefice della “diabolica” criptovaluta

Procede il profilo tecnico della scoperta: “Piuttosto che il massiccio lavoro computazionale richiesto da alcuni sistemi di criptovalutazione convenzionali, i dati generati basati sulla attività del corpo possono diventare una prova del lavoro svolto e, pertanto, un utente può risolvere inconsciamente il difficile problema di calcolo computazionale”.

Facile come bere un bicchier d’acqua. Chiaro e trasparente.

Ancora: “Un sensore legato comunicativamente o inserito nell’apparecchio dell’utente può rilevare l’attività corporea della persona. Un sistema di criptovaluta collegato all’apparecchio (telefoni, cellulari, computer o laptop) di una persona può verificare se l’attività corporea soddisfa le condizioni richieste dal sistema, e assegnare la criptovaluta alla persona la cui attività corporea è stata verificata”.

Ma chi era mai Isaac Asimov?

Secondo gli esperti, per essere collegati alla centrale occorre un cellulare o un computer; ovviamente meglio se si tratta di un modello ID2020, il progetto di “identità digitale” basato sul microchip e finanziato dal fondatore di Microsoft e dai Rockfeller. Il microchip sottocutaneo, a questo punto, può essere lo strumento ideale per collegare l’utente con questo sistema che produce valuta globale.

Parlavamo di un progetto “inquietante”.

E lo è fin dal numero del suo brevetto: 060606.666.

Non si tratta del prefisso di Roma, ma di qualcosa che ci riporta alla mente le parole dell’Apocalisse di Giovanni.

“Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d’uomo. E tal cifra è seicentosessantasei”.

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento