RULA JEBRAEL / AL SOLE DI MARRAKECH CON L’AMICA LIGRESTI

Condividi questo articolo

Ricordate le polemiche di un paio di settimane fa per la partecipazione di Rula Jebrael al Festival di Sanremo che rischiavano perfino di mandare in tilt il governo giallorosso?

Bene. Durante la bufera, la bella giornalista ha pensato di trovare un buen retiro, per scostarsi dai riflettori e riflettere lei stessa.

E quale rifugio ha scovato?

La faraonica villa a Marrakech, la perla del Marocco, dell’amica del cuore, Giulia Ligresti.

Sì, avete letto bene, la figlia del ras siciliano di mattoni & polizze assicurative, finito qualche anno fa nell’occhio del ciclone proprio con le figlie, Giulia e Jonella, per l’affare Fonsai.

Circa un anno fa, dopo lunghe tribolazioni, per Giulia quella bufera si è placata ed è uscita dal tunnel. Un periodo di fuoco, culminato in un mese e mezzo di custodia cautelare e poi il patteggiamento ad una pena di 2 anni e 8 mesi.

I capi d’accusa non erano da poco: falso in bilancio e aggiotaggio. Una vicenda nella quale era anche coinvolto il numero uno di Unipol, Carlo Cimbri: quell’Unipol che in modo acrobatico aveva acquisito il controllo della compagnia d’assicurazioni guidata da Salvatore Ligresti & Sons.

Le raggiungerà nella villa hollywoodiana un’altra amicona di famiglia, prima che la fascinosa Rula sbarchi in pompa magna a Sanremo?

Stiamo parlando di una ex ministra di gran peso, Anna Maria Cancellieri, che proprio per il giallo Ligresti perse la poltrona di titolare al dicastero della Giustizia di via Arenula.

Lady Cancellieri, infatti, venne indagata per le telefonate border line con Antonino Ligresti, fratello di Salvatore, arrestato dalla procura di Torino proprio per l’affare Fonsai insieme alle figlie Giulia e Jonella.

Il reato contestato al ministro Cancellieri era quello di false dichiarazioni al pm: non poco per un ministro della Giustizia!

Staranno prendendo la tintarella nella faraonica villa di Marrakech le tre signore?

 

In apertura Rula Jebrael e Giulia Ligresti nella villa di Marrakech (foto Dagospia)

Condividi questo articolo

Lascia un commento