WALL STREET / IL BOOM DEL PALLADIO

Condividi questo articolo

Tutti lo vogliono, tutti lo cercano. Si tratta del palladio, un metallo prezioso e fondamentale per le industrie automobilistiche.

Negli ultimi 16 giorni consecutivi il suo valore è costantemente cresciuto a Wall Street, sfiorando i 2.000 dollari l’oncia, attestandosi per la precisione a quota 1.982.

Secondo Citigroup, la più grande società di servizi finanziari al mondo, il suo valore potrebbe presto raggiungere i 2.500 dollari. I prezzi del palladio non hanno mai superato un livello così elevato nel mercato azionario internazionale.

Il motivo base dell’incremento – secondo gli analisti – è da ricercarsi nell’avanzamento dei negoziati tra Stati Uniti e Cina, il che fa sperare che l’industria automobilistica possa recuperare le sue vendite.

La paralisi nell’estrazione dalle miniere del Sudafrica – il secondo maggior produttore al mondo dopo la Russia – è stata un’altra causa che ha fatto salire i prezzi, minacciando di stringere ulteriormente il mercato di questo metallo prezioso che già era stato danneggiato da un deficit persistente.

Le scarse forniture implicano che i produttori di catalizzatori per auto dovrebbero ingaggiare una vera e proprio singolar tenzone per accaparrarsi il palladio, nel tentativo di rispettare i sempre più severi standard di inquinamento.

“Siamo già entrati in un territorio inesplorato”, osserva Daniel Briesemann, esperto del consorzio bancario tedesco Commerzbank. Che aggiunge: “Duemila dollari l’oncia sembrano essere un tetto molto attraente da superare. Riteniamo che diversi speculatori finanziari potrebbero spingere i prezzi a crescere di più”.

Un analista della danese SaxoBank, Oleg Hansen, ritiene che il livello psicologico dei duemila dollari funzioni già come una sorta di calamita sul mercato.

L’olandese Georgette Boele della banca arancione ABN Love sostiene, invece, che i prezzi del palladio non possano che crollare bruscamente. “Ciò che cresce in modo esponenziale – fa rilevare – alla fine collassa nello stesso modo. E anche il palladio non continuerà a sfidare la gravità”.

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento