L’Emilia “non  si l…(L)…ega”

Condividi questo articolo
Mantengono le promesse le ”sardine” e in un Paese dove non lo fa nessuno è già una gran bella notizia. Per arginare la deriva populista, sovranista, razzista, neofascista di Salvini e dei suoi accoliti, tornano in piazza gli antagonisti che a Bologna hanno risposto con dodicimila presenze in piazza Maggiore  agli scarsi cinquemila leghisti raccattati dall’ex ministro in Lombardia e Veneto. A Modena le ‘sardine’ rispondono “ci siamo” e in tanti al punto di dover traslocare da piazza Mazzini a piazza Grande. È la risposta alle sortite in Emilia dell’ex, ex, ex della valpadana, che per la tappa modenese del tour emiliano si rifugia nella cena in un ristorante.
Il flash mob di Modena è organizzato da Samar Zaoui, e Jamal Hussein universitari. Hanno lanciato su Facebook l’invito “Seimila sardine, Modena non silega”
Grazie Lega per le opportunità che concedi per ricordare agli italiani chi è Salvini  e le sue truppe. Ecco le parole testuali  di Luca Zanda, governatore del Veneto:È una vergogna pensare di spendere 250 milioni per quei quattro sassi di Pompei”. 
Luca-Luca… Vaffa…
Scherza con i fanti, lascia stare i santi come San Marco, iconae mondiale di Venezia, che dalla Russia ‘con amore’ ha già ricevuto un milione di euro, in segno di solidarietà. Di alto tenore è la macabra ironia di Giggino Di Maio che sui social, in piena tragedia della città aggredita dall’acqua, alta come mai era avvenuto, ha accusato esponenti del centro destra (Lega e compagni)  di aver bocciato gli emendamenti presentati dal centro sinistra e dai 5Stelle sul cambiamento climatico. Il “no” ha conciso il 12 novembre con il primo giorno della grande alluvione che ha sommerso Venezia e anche la stessa aula consiliare. Di Maio, con inequivocabile, beffardo e contestato sorriso: “Venezia è in una regione il cui consiglio ha bocciato una nostra proposta sui cambiamenti climatici. Ora, per effetto di quei cambiamenti climatici, si sta allagando la sala consiliare della Regione Veneto”.
Condividi questo articolo

Lascia un commento