PITTURA / I COLORI DI DOMENICO SPINOSA IN MOSTRA A NAPOLI

Condividi questo articolo

Uno dei pittori più innovativi di fine ‘900 – primi 2000 al Sud e non solo, Domenico Spinosa, va in mostra a Napoli per un mese, dal 7 novembre al 7 dicembre. Titolo della rassegna – che si svolge alla galleria “l’Ariete” di via Manzoni – “I Colori della Natura”, in cui vengono esposte una ventina di opere realizzate tra gli anni ’60 e il duemila.

“Non ho mai fatto parte di alcun gruppo. Il Neorealismo mi piaceva al cinema, ma in pittura non ha mai significato niente, se si eccettua Guttuso. Il grande cambiamento nell’arte a Napoli venne con l’informale”.

Così raccontava quindici anni fa Domenico Spinosa, direttore e docente di pittura all’Accademia di Belle Arti di Napoli dal 1973 al 1986, dopo aver insegnato per un decennio alla “Scuola Libera del Nudo”, formando decine e decine di giovani artisti.

Così descrivono, in un articolo su Repubblica Napoli, Renata Caragliano e Stella Cervasio: “Amico delle contraddizioni Spinosa volle, tra l’altro, nobilitare gli animali meno considerati e spesso più a torto temuti: gli insetti. La figlia Aurora ricorda che a metà degli anni Settanta comprò dei libri ‘che conservo ancora macchiati di pittura con immagini di insetti, di libellule, di farfalle. Cominciò a studiare la loro vita, ad osservare i loro movimenti, a gioire della varietà dei colori delle loro ali e dei loro corpi. Si divertiva’. La natura, come i muri scrostati della sua città – continuano Carigliano e Cervasio – era un altro dei temi amati da Spinosa e trasposti sulla tela con una unicità che diventa per lui quasi cifra stilistica, lo caratterizza e lo rende immediatamente riconoscibile”.

E ancora: “Spinosa è in numerosi musei italiani, da nord a sud, e la sua forte contemporaneità oltrepassa i limiti del tempo e lo porta fino a noi intatto, a più di cento anni dalla nascita, lo rende con Salvatore Emblema uno degli artisti sicuramente più da tenere sotto osservazione”.

 

Nella foto un dipinto di Domenico Spinosa del 1979

Condividi questo articolo

Lascia un commento