CAMPANIA / IL QUOTIDIANO INFERNO DEI TRASPORTI

Condividi questo articolo

Inferno trasporti a Napoli e in Campania. Circumvesuviana – una delle arterie storiche nel trasporto pubblico – in tilt. Passeggeri costretti a scendere dai vagoni per un guasto tecnico, a vagolare come dannati tra i binari senza lo straccio di un aiuto o di una assistenza da parte del personale del sempre più scassato ente regionale.

Inferociti i viaggiatori, sventurati protagonisti, come sempre più spesso accade, di avventure da quarto o quinto mondo.

Un treno della Circumvesuviana. In alto scene di inferno quotidiano a Napoli.

Ecco l’inferno descritto da il Corriere del Mezzogiorno, costola partenopea del Corsera. “Fumo acre all’interno del treno e ruote bloccate. Mancano alcune decine di metri alla stazione di piazza Garibaldi quando il convoglio della Circumvesuviana proveniente da Baiano e diretto a Napoli inchioda sui binari per colpa di un anomalo surriscaldamento delle resistenze. I passeggeri – sono le 9 di mattina e i vagoni sono affollati da studenti e lavoratori – scendono e si avviano a piedi sui binari. EAV, la società regionale amministrata da Umberto De Gregorio, dirama a stretto giro un comunicato: ‘l’episodio è stato prontamente gestito dal personale di bordo che ha attivato le azioni necessarie per mettere in sicurezza i viaggiatori, i quali sono stati tutti accompagnati a piazza Garibaldi’”.

Il bla bla targato EAV continua. Subito smentito dalle immagini postate su Facebook da decine di viaggiatori, le quali documentano esattamente il contrario: passeggeri allo sbando, nessuna assistenza, il caos più totale.

Sembra che la procura di Napoli possa aprire un fascicolo e avviare un’inchiesta, vista anche la sequela di episodi del genere, evidente sintomo di totale inefficienza.

Cerca di mettere una pezza a colori De Gregorio, da anni al timone (sic) dell’ex Ente Autonomo Volturno, EAV appunto, con la maglietta del Pd. “Ho spiegato al presidente De Luca con dovizia di particolari la situazione che mi hanno rappresentato i dirigenti tecnici. Come sempre ho avuto il pieno appoggio di De Luca ad andare avanti nelle azioni in atto, investimenti e assunzioni”.

Colorito, come è nel suo stile, il commento del Governatore Vincenzo De Luca: “I pendolari avrebbero dovuto prendere il mitra per il disagio sopportato. Ma scontiamo ritardi di trent’anni, serve pazienza. Tra un po’ avremo i mezzi più avanzati”. Forse De Gregorio è un manager regionale a sua insaputa.

Quei mezzi & treni super avanzati che attende anche il sindaco Luigi de Magistris per il suo metrò partenopeo delle meraviglie. Il primo cittadino arancione inneggia: “Napoli è la più bella città del mondo e la più efficiente. Seconda solo a Tokyo, basta vedere la nuova linea metrò”.

Dio ci salvi.

Condividi questo articolo

Lascia un commento