ARTICO / E’ PARTITA LA SUPERPIATTAFORMA NUCLEARE RUSSA

Condividi questo articolo

Mentre Donald Trump recita la sceneggiata per comprare la Groenlandia dalla Danimarca, la Russia di Vladimir Putin pensa al presente e al futuro delle sue estreme regioni artiche.

E’ infatti appena cominciato il lungo viaggio della prima piattaforma nucleare galleggiante concepita, progettata e costruita al mondo, la “Akademik Lomonosov”, salpata da Murmansk e destinata a raggiungere per fine settembre, dopo una traversata da migliaia di chilometri, il piccolo porto di Pevek, situato nella regione della estremità orientale russa di Chukotka.

Lo scopo è preciso. Fornire l’energia sufficiente per tutta quell’area, visto che non è possibile realizzare impianti tradizionali.

“Non ci sono esperienze similari al mondo”, osserva il direttore di Rosenergertoam, la società che ha realizzato la gigantesca piattaforma galleggiante.

Una piattaforma lunga 140 metri e con bordo due reattori KLT-4OS, dotati di uno speciale sistema di sicurezza. Così sofisticato da non prevedere conseguenze o danni, per i due reattori, anche in caso di incidente, impatto, disastro naturale e via di questo passo.

I due reattori sono in grado di produrre 70 megawatt di elettricità e 50 giga calorie all’ora.

L’entrata in funzione della piattaforma è prevista per la fine di questo anno.

Condividi questo articolo

Lascia un commento