PROCURA DI ROMA / PERCHE’ CONTINUA IL SILENZIO SUL DEPISTAGGIO ALPI – HROVATIN ?

Condividi questo articolo

Misteri di casa nostra, è buio profondo. Un buio che acquista sempre più il sapore di tragica beffa per le vittime, per i familiari, per i cittadini e per quel senso di giustizia ogni volta di più oltraggiato e calpestato.

Ed oggi, dopo le vergognose storie targate CSM e dintorni, quella luce diventa ancora più sinistra. E si fa strada una chiave di lettura che odora ancora più di depistaggi di Stato, di manovre decise a tavolino, di aggiustamenti e insabbiamenti, come del resto documentano oggi le notizie di inchieste e processi “manovrati”, “ritardati”, “dimenticati” e chi più ne ha più ne metta nel vocabolario di errori, orrori & omissioni d’ogni genere.

Partiamo, in questa ricognizione, proprio da Roma, lo storico porto delle nebbie che pare proprio rimasto tale, nonostante le “glasnost” sbandierate dai media del gruppo Espresso sulla radiosa era Pignatone. Ed ora siamo alle prese con le bagarre orchestrate dalla Palamara band.

 

QUEL PORTO RIMASTO SEMPRE NELLE NEBBIE

Il capo dello Stato Sergio Mattarella. Nel fotomontaggio di apertura Ilaria Alpi e, sullo sfondo, la Procura della capitale.

La storia più vergognosa riguarda il caso di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, sul quale la Voce ha scritto decine di inchieste. La vicenda del più clamoroso depistaggio di Stato, per la prima volta “certificato” addirittura da una sentenza pronunciata dal tribunale di Perugia e di cui però quello di Roma se ne fotte altamente. Un caso più unico che raro nelle storie non certo di malagiustizia, di cui è quotidianamente lastricato il nostro povero Paese, ma di giustizia massacrata, fatta a pezzi, nel più totale disinteresse generale e soprattutto delle forze politiche e delle istituzioni.

Perché sul caso Alpi-Hrovatin nessun partito ha pronunciato una sillaba? Tutti collusi, coperti e conniventi? E come mai il capo dello Stato, l’imbalsamato Sergio Mattarella, che ogni tanto parla di giustizia lenta, non sente il dovere morale e civile di pronunciare una parola, anche una sola, su questa tragica vergogna di Stato?

Partiamo dalle ultime notizie che “non arrivano” per ricostruire per sommi capi il giallo di Mogadiscio.

Siamo da mesi in attesa dell’ultima parola che verrà pronunciata dal gip incaricato del tribunale di Roma, il quale è chiamato a rispondere alla (ennesima) richiesta di archiviazione firmata dal pm Elisabetta Ceniccola e controfirmata dall’ex procuratore capo Giuseppe Pignatone.

In seguito alla clamorosa sentenza di Perugia che ha scagionato, dopo 16 anni di inferno e di galera, il somalo ingiustamente accusato e condannato, gli avvocati della famiglia Alpi hanno immediatamente chiesto di far luce sul caso, ora molto meno misterioso visto che nella stessa sentenza perugina vengono ricostruiti per filo e per segno non solo tutti i dettagli della tragedia, ma soprattutto i successivi, incredibili sviluppi.

Giuseppe Pignatone

Da brividi, in particolare, le fasi del taroccamento del super pentito Gelle, costruito letteralmente a tavolino. Proprio come è successo nell’altro maxi depistaggio di Stato, quello per il processo Borsellino, dove il teste fasullo Vincenzo Scarantino è stato fabbricato dagli stessi inquirenti: poliziotti e, di tutta evidenza, magistrati.

Gelle – documenta passo passo la sentenza di Perugia – fu sentito dal pm, ma non testimoniò mai in aula. Perché venne “protetto” dalla stessa polizia, fatto lavorare per alcuni mesi in un’officina meccanica romana dove veniva accompagnato la mattina e prelevato la sera, quindi fatto fuggire comodamente prima in Germania e poi in Inghilterra.

Dove nessuno l’ha mai cercato. Intanto – Gelle assente in aula – veniva pronunciata la prima condanna a carico del giovane somalo, poi confermata in appello e in Cassazione.

 

TRA DEPISTAGGI & ARCHIVIAZIONI

Se non fosse stato per la tenacia di Chiara Cazzaniga, inviata di Chi l’ha visto, che dopo alcune ricerche ha facilmente trovato Gelle a Londra, tutto sarebbe morto e sepolto. E invece la giornalista l’ha intervistato e si è fatta raccontare tutto il taroccamento momento per momento.

La testimonianza di Gelle è la chiave per ribaltare a Perugia la sentenza di condanna a carico del giovane somalo. A questo punto la procura di Roma non ha altro da fare che riprendere quel filone, portarlo avanti, e andare a processo: proprio perché nella sentenza di Perugia ci sono nomi, cognomi e piste che più chiare non si può su killer e mandanti del duplice omicidio di Mogadiscio.

Chiara Cazzaniga

Ma c’è di più. Nel frattempo la procura di Firenze viene a conoscenza di conversazioni telefoniche tra somali, risalenti al 2012, in cui si parla anche del caso Alpi. Una pista su cui Firenze lavora, poi smista tutto a Roma. Solo che il fascicolo, per arrivare alla capitale, ci impiega circa quattro anni. Come mai? Per le nebbie incontrate lungo il percorso? Misteri nei misteri.

Fatto sta che il pm Ceniccola ha la strada spianata per procedere, sulla scorta della sentenza perugina, appunto, e degli elementi arrivati, se pur in clamoroso ritardo, da Firenze.

Ma Ceniccola se ne frega. In poche pagine smonta pezzo pezzo le richieste dei legali della famiglia Alpi, appallottola la sentenza di Perugia, prende a calci i materiali fiorentini. E chiede l’archiviazione, controfirmata da Pignatone.

La richiesta viene esaminata dal gip Andrea Fanelli che la respinge. Ceniccola è un pezzo duro, non demorde e torna per la seconda volta alla carica ad inizio anno, ri-chiedendo l’archiviazione. Anche stavolta, of course, Pignatone controfirma, sarà uno degli ultimi atti della sua gestione. Ora si è in attesa del secondo gip chiamato a pronunciarsi.

Vengono alla memoria le parole pronunciate dalla madre di Ilaria, Luciana Riccardi, morta circa un anno fa dopo aver atteso invano giustizia, l’unico scopo che le rimaneva: ‘ricordo quando il procuratore Pignatone mi ha ricevuta a Roma dopo Perugia. E mi disse: beh, signora, adesso chi vuole che le faccia interrogare?’”.

 

E I GIALLI ORLANDI E PASOLINI

Da un eterno giallo all’altro eccoci ad Emanuela Orlandi. Stavolta il Vaticano apre due vecchie tombe in cui potrebbe spuntare qualcosa.

Ma sorge spontanea la domanda: come mai in tutti questi anni la procura capitolina è stata con le mani in mano? Soprattutto dopo i documenti top secret venuti alla luce circa un anno e mezzo fa e custoditi per anni nella super cassaforte vaticana. In quelle carte c’erano le tracce della permanenza, a metà anni ’90, di Emanuela in una casa di suore a Londra: perché il Vaticano allora ha coperto e non ha rivelato il soggiorno londinese di Emanuela, né tantomeno ha ritenuto opportuno rimpatriarla? Perchè la procura non ha mai bussato alle stanze vaticane?

E poi l’altro giallo sull’omicidio di Pierpaolo Pasolini. Due anni fa i legali del grande regista scoprono tracce di un altro Dna sulla scena del crimine, oltre a quello di Pino Pelosi, guarda caso morto proprio nei mesi della riapertura del caso. Ma in questi due anni il pm Francesco Minisci, incaricato delle indagini, a quanto pare non ha mosso un dito, troppo preso dagli impegni all’Associazione Nazionale Magistrati. E quindi quella pista che porta al delitto di Stato e individua nel bollente “Petrolio” (l’ultima grande opera) il movente, va a farsi benedire. Almeno per ora.

Giustizia, per l’ennesima volta, calpestata.

Condividi questo articolo

Lascia un commento