ALTA VELOCITA’ / LEZIONI CINESI A 600 L’ORA

Condividi questo articolo

Lezioni cinesi sul fronte dell’alta velocità. Anzi altissima.

Da noi il dibattito è incentrato sul risparmio di una ventina di minuti per un fantomatico trasporto merci sulla Torino-Lione.

Mentre in Cina il progresso tecnologico procede un po’ più in fretta, tanto che Pechino ha appena mostrato al mondo un prototipo di treno veloce, a lievitazione magnetica, in grado di raggiungere i 600 chilometri orari. Da un mondo all’altro.

China Railway Rolling Stock Corporation (CRRC)ha infatti tenuto a battesimo il prototipo di un nuovo treno a levitazione magnetica che ridurrà in modo sostanziale i tempi per percorrenza sulla Pechino-Shangai, superando appunto i 60 chilometri l’ora.

Il segreto tecnologico è tutto nei magneti che vengono utilizzati per “volare” al di sopra dei binari, in pratica “levitando”, senza in questo modo produrre alcuno attrito.

Ancora un anno e mezzo di prove, collaudi e miglioramenti e l’entrata in attività ufficiale del super treno è prevista per la metà del 2021.

Anche in Giappone funziona un treno superveloce che sfiora i 600 chilometri, mentre la stessa Cina aveva messo in moto una vettura, quindici anni fa, che viaggiava a 430 chilometri.

Secondo i vertici di CRRC,l’obiettivo base è quello di incentivare l’uso del treno superveloce per collegare Pechino con Shangai, invece di ricorrere all’areo, che a questo punto tra raggiungimento degli aeroporti, attese e voli impiega certo di più.

A tutt’oggi la Cina può contare su quasi 30 mila chilometri di ferrovie ad alta velocita: ben due terzi del totale mondiale.

Noi giungiamo quindi largamente ultimi, per trasportare merci a velocità non trascendentali. Massacrando l’ambiente, buttando montagne di soldi dalla finestra e finanziando le mafie. Ottimo e abbondante.

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento