SOROS GNAM GNAM / MANGIA IL 3% DELLA SVIZZERA GAM

Condividi questo articolo

George Soros, il magnate filantropo “MangiaPaesi”, sempre in pole position sul fronte dello shopping societario, tutto a base di ingredienti speculativi.

Ora è la volta della elvetica GAM Holding, una cui fetta pari al 3 per cento del capitale azionario è stata acquisita da SFM UK Management, uno dei bracci operativi del potente Soros Fund Management.

Una storia non poco travagliata, quella di GAM negli ultimi anni. Il suo valore nell’arco di un triennio è infatti diminuito addirittura del 69 per cento. Ma di tutta evidenza il fiuto speculativo di Soros ha annusato la preda giusta: anche se per adesso l’ingresso è dalla porta di servizio, con appena il 3 per cento, tanto per dare un’occhiata, rendersi conto della situazione e poi – se è il caso – fare un sol boccone della stessa preda.

Negative le performance di alcuni fondi gestiti da Gam negli ultimi tempi, tanto da affondare i conti economici. Il bilancio 2018 ha fatto segnare un rosso da 929 milioni di franchi svizzeri, pari a 829 milioni di euro.

Quasi un anno fa, a luglio 2018, uno dei pezzi da novanta di Gam, ossia il fund manager obbligazionario Tim Haywood, è stato allontanato dalla società all’esito di una indagine interna, dalla quale erano emerse grosse irregolarità nella valutazione e gestione dei rischi.

A novembre dello stesso anno il ceo Alexander Friedman e altri dirigenti di lungo corso si sono dimessi.

A nulla è valso il soccorso azionario di un investitore italo svizzero, Marco Gabelli, che aveva puntato un po’ di fiches sulla società

Niente. Fino ad oggi. Quando i denti affilati dello squalo di tutti i mari speculativi, George Soros, ne ha acquistato il 3 per cento.

Il primo risultato dell’operazione è largamente positivo: alla prima uscita in Borsa il titolo Gam è cresciuto del 9 per cento.

Sarà molto interessante, a questo punto, vedere i prossimi sviluppi e soprattutto osservare le mosse di Soros in terra elvetica: secondo non pochi osservatori, infatti, è l’inizio di una ‘strategia’ di ben più ampia portata.

Condividi questo articolo

Lascia un commento