VOTANTONIO / PACCHI DI PASTA, STILE LAURO

Condividi questo articolo

“Pacchi di pasta e propaganda”, titola un’inchiestona il Corriere della Sera. Sommario: “Nelle periferie 2,7 milioni di persone chiedono aiuto per mangiare. Da Casa Pound al Pd il sistema di assistenza ‘politico-alimentare’”.

Nel corso del reportage viene comunque chiarito: “Intendiamoci: l’iniziativa del Pd non si può certo assimilare alle campagne di CasaPound a Casal Bertone, alla Magliana o in altre borgate romane. Lì la distribuzione dei pacchi di pasta ha per contorno messaggi di rabbia e slogan razzisti”.

Ricordate 50 anni fa cosa faceva il comandante Achille Lauro a Napoli, indossando la maglietta dei monarchici per diventare sindaco? Regalava pacchi di pasta nei quartieri e nelle periferie partenopee. Passavano i suoi camioncini e lanciavano alla folla vociante e votante pacchi blu di pasta.

Ma c’era un’alternativa che poi scalò nella classifica delle preferenze. La scarpa in regalo. Una sola, la destra di preferenza: perché l’altra, la sinistra, poteva essere ritirata solo all’esito del voto. Un sistema ottimo e abbondante.

C’è ancora tempo di organizzarsi – a scarpe – per i prossimi giorni…

Condividi questo articolo

Lascia un commento