STATO COLLUSO / CHISSENEFREGA DEI CITTADINI

Condividi questo articolo

Lo Stato se ne frega dei cittadini, della lotta alle mafie e alle grandi lobby di potere.

Negli ultimi giorni due casi emblematici: strage per il sangue infetto e caso Montante.

Sul primo fronte il ministero per la Salute ha pensato bene di non dire una sola parola e di non avanzare alcuna richiesta giudiziaria al processo che si è appena concluso a Napoli dopo tre anni di udienze.

Incredibile ma vero, uno Stato che ha letteralmente assordato l’aula della sesta sezione penale con il suo totale silenzio. In questo modo le istituzioni hanno palesemente confermato – se ce ne fosse ancora bisogno – di poter calpestare impunemente i cittadini nei loro più elementari diritti, come quello alla salute, sancito dalla Costituzione ma oltraggiato dagli organi ministeriali.

L’avvocatura dello Stato è stata presente solo alle prime udienze processuali, presentando una memoria. Poi il blackout.

Il ministro Giulia Grillo

Ma la ciliegina sulla torta è stata piazzata nella fase finale, cioè quando tutti hanno preso la parola, sia gli avvocati delle parti civili che quelli della difesa. E’ mancata la voce dello Stato, perché non è stato presente alcun legale dell’Avvocatura che rappresenta il ministero, né è stata avanzata alcuna richiesta finale, vuoi di condanna che di assoluzione oppure di prescrizione. Niente. Vergogna.

Ha qualcosa da dire la ministro grillina  Giulia Grillo?

Come è vergognoso il silenzio di un altro ministero, quello degli Interni retto da ‘O sceriffo Matteo Salvini, che ha pensato bene di non costituirsi parte civile nel processo contro l’ex numero uno della Confindustria in Sicilia, Antonello Montante. Il quale è accusato di reati da novanta: secondo i pm, infatti, quello di paladino antimafia era solo un abile travestimento, mentre in realtà era colluso con la stessa mafia che faceva finta di combattere.

Ma cosa combina Salvini, tutto preso dal fresco feeling con miss Verdini? Il suo ministero non si costituisce parte civile, dimostrando a tutti i cittadini che poi la mafia non è così brutta e cattiva, e si può anche chiudere un occhio, o forse tutti e due.

Tanto le telecamere sono subito pronte a riprendere ‘O sceriffo quando ruspa una villetta dei Casamonica…

Condividi questo articolo

Lascia un commento