PANTANI / 100 ANOMALIE E ORA LE IENE, SI RIAPRE IL CASO SEPOLTO DALLA NOSTRA “GIUSTIZIA”? 

Condividi questo articolo

Riusciranno le Iene a far riaprire il caso Pantani per la giustizia di casa nostra morto e sepolto?

Gli verrà restituito quel Giro d’Italia 1999 vinto sulle montagne e poi scippato dalla camorra sotto gli occhi della “giustizia”?

Verranno trovati killer e mandanti che quella notte di San Valentino di 15 anni fa esatti lo riempirono di coca fino a fargli scoppiare il cuore e con una “giustizia” capace solo di archiviare la “pratica”?

Potrà aver Giustizia, quella vera, la mamma del Pirata, Tonina, l’unica a non arrendersi e ad invocarla con tutte le forze che le restano?

Sarà molto difficile abbattere quel muro di gomma che ha sempre caratterizzato il caso.

Un muro costruito alla procura di Forlì e fortificato da una sentenza definitiva pronunciata dalla Cassazione due anni e mezzo fa, sul fronte del “suicidio” di Marco Pantani nel residence “Le Rose” di Rimini.

SE 100 ANOMALIE VI SEMBRAN POCHE

Il giallo dalle 100 anomalie, lo ha sempre definito l’avvocato della famiglia Pantani, Antonio De Rensis, una più sbalorditiva dell’altra, ma tutte fino ad oggi inutili per smontare la tesi del suicidio, che nonostante tutte quelle contraddizioni grosse come una casa hanno portato le toghe di primo, secondo e terzo grado a ottenere l’archiviazione perchè si tratta – secondo loro – appunto di un suicidio.

L’avvocato Antonio De Rensis

Una scena del crimine che somiglia non poco a quella di un altro “suicidio” che non sta in piedi, quello di David Rossi, il responsabile della comunicazione per il Monte dei Paschi di Siena cinque anni fa volato dal quarto piano di palazzo Salimbeni. E anche lui fino ad oggi “archiviato”.

Sangue dappertutto, un corpo devastato dalle ferite, segni di trascinamento: tutti elementi incompatibili con il suicidio e invece classici di una lite furibonda, con ogni probabilità per far ingurgitare al Pirata la pozione killer, acqua & coca.

E poi cento altri elementi, appunto: dal giubbotto rosso che non gli apparteneva e ritrovato nella stanza del residence, all’involucro del cornetto Algida nel cestino dei rifiuti; dalle telefonate alla recption per chiamare i carabinieri alla possibilità che i suoi killer siano tranquillamenti passati dall’entrata posteriore del residence; dalle primissime indagini che con hanno cavato un ragno dal buco e solo inquinato la scena del crimine fino alle perizie che fanno a pungni una con l’altra.

Nella puntata delle Iene lo spacciatore di droga che solitamente forniva a Marco la coca, Fabio Carlino, conferma quanto ha sempre detto: il campione non mostrava assolutamente volontà suicidiarie, l’aveva visto un paio di giorni prima ed era su di tono, e poi la quantità di polvere bianca trovatagli nel sangue (una quarantina di grammi) era del tutto incompatibile con quanto usava sempre, segno di una coazione, della messinscena di un suicidio.

Poi alcuni elementi nuovi. L’intervista con una prostituta russa, Elena, che pare lo abbia incontrato il giorno precedente a quello di San Valentino: anche lei conferma che non gli era sembrato diverso dal solito. Quella di un barista che lo aveva visto passare davanti al suo esercizio uno o due giorni prima. E quella di un giovane dipendente di un residence, qualche giorno prima di un esame che era in procinto di affrontare all’università: sostiene che Marco ha dormito per una notte in quel residence (che, appunto, non è il “Le Rose”). Tutte circostanze in netto contrasto con la sentenza firmata dalla Cassazione, secondo la quale Marco non è uscito per giorni dal Le Rose, perchè era ultradepresso.

Basteranno, questi elementi raccolti dalle Iene, per far riaprire il caso? Staremo a vedere. Fatto sta che quella mole di “anomalie” sarebbe già dovuta abbondantemente bastare per documentare, per filo e per segno, che non si è trattato di suicidio, ma di omicidio in piena regola. Con ogni probabilità un delitto di camorra.

QUEL GIRO D’ITALIA COMPRATO DALLA CAMORRA

E passiamo all’altro filone di indagine: quello sul Giro del 1999 comprato, appunto, dalla malavita napoletana che aveva scommesso palate di miliardi di lire sulla sconfitta del Pirata. Una pista però mai battuta con determinazione a Forlì, che pure ha raccolto una significativa quantità di prove.

Tutto comincia con una lettera di Renato Vallanzasca alla madre del grande ciclista, in cui le scrive di aver saputo da un detenuto di camorra recluso nel suo stesso carcere come la malavita organizzata aveva puntato forte sulla sconfitta di Marco a quel Giro: “’‘O pelato non arriva a Milano”, era il tam tam tra gli uomini dei clan.

La madre di Marco consegna la lettere alla procura di Forlì che apre un fascicolo. Dopo alcune non ardue ricerche viene inviduato il camorrista detenuto. Dal suo interrogatario arrivano conferme, parecchi dettagli e perfino i nomi di altri camorristi che conoscono la story. Vengono interrogati alcuni di questi, che confermano la combine, pur se quasi tutti “de relato”: sono venuti cioè a loro volta a conoscenza della vicenda da altri camorristi.

Ed emerge un quadro allucinante. Quel prelievo di sangue di Marco a Madonna di Campiglio venne taroccato grazie alla complicità dei sanitari incaricati di esaminare il sangue: furono “convinti” con metodi non proprio inglesi ad alterare la provetta, sottraendone del plasma, in modo tale da modificare l’ematocrito, che “magicamente” salì a 53 rispetto al valore 48 dell’autoanalisi effettuata la sera precedente e al valore accertato dal laboratorio di Imola solo sei ore dopo il prelievo manipolato.

Tre i sanitari coinvolti, e un capo equipe: Wim Jeremiasse, medico olandese e grande esperto di gare internazionali fra Tour, Vuelta e Giro, che alla fine dell’esame sbottò: “oggi è morto il ciclismo”.

“E proprio quel giorno anche Marco è morto, lo hanno ucciso”, disse all’epoca – e ha confermato ai microfoni delle Iene – il suo amico e massaggiatore Primo Pergolato, che fornisce altri dettagli: “La sera prima Marco era tranquillissimo, soprattutto dopo aver effettuato l’autoanalisi che aveva riscontrato il valore di 48. Quindi nessun problema. La mattina dopo, il dramma e Marco che s’infuria, sbatte i pugni sul muro, urla la sua disperazione. Capisce che lo hanno incastrato. Mancavano ormai due tappe facili e poi c’era la vittoria: che senso mai avrebbe avuto prendere qualcosa quando tutti sapevamo che la mattina dopo c’era il controllo?”.

Il dottor Jeremiasse, sconvolto dopo quell’esame, non ha mai potuto verbalizzare davanti ai giudici: perchè dopo appena otto mesi con la sua auto è finito in un lago semighiacciato sulle montagne austriache.

E una montagna di elementi, anche stavolta, per battere la pista del Giro d’Italia taroccato e la combine che anche un cieco può vedere. Ma cosa scrivono i pm di Forlì? Ci sono moltissimi elementi che lo documentano, ma non sono sufficienti per proseguire nelle indagini, quindi l’inchiesta va archiviata. Ai confini della realtà.

DA FORLI’ A NAPOLI

Nel frattempo finisce in naftalina la solita sceneggiata che va in onda alla Commissione Antimafia. Tutti stupiti, tutti orripilati per quanto è successo. Avete mai letto lo straccio di un qualcosa partorito dall’Antimafia? Neanche uno starnuto.

La procura della repubblica di Napoli

L’avvocato De Renzis, comunque, non si arrende. Archiviata l’inchiesta di Forlì, ne chiede la riapertura, due anni e mezzo fa, alla procura di Napoli. Nella domanda, infatti, pone in risalto tutti gli elementi circa la combine di camorra per quel Giro maledetto. Rammenta che parecchi collaboratori di giustizia sono già ben noti alla procura partenopea per altre vicende malavitose. Quindi la procura di Napoli è la più adatta – anche per ‘memoria‘ storica – a riaprire il caso.

Il fascicolo passa alla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea ed è affidato al pm Antonella Serio. La Voce le chiese ragguagli sulla situazione un paio di mesi dopo l’assegnazione di quel fascicolo bollente. Così rispose: “Il procuratore facente funzione tiene molto al caso che è ora alla mia attenzione. Comincerò presto le indagini”.

Il procuratore facente funzione era all’epoca Nunzio Fragliasso, al quale è poi subentrato l’attuale procuratore capo, Giovanni Melillo.

In questi due anni e mezzo non si è avuta alcuna notizia sul giallo Pantani. Sono state fatte indagini oppure no? Che esito hanno mai avuto?

All’avvocato De Renzis è subentrato, a novembre 2017, un legale del foro di Catanzaro, Sabrina Rondinelli, che subito interpellata della Voce non ha mai voluto parlare del caso.

Due giorni fa, il 12 febbraio, colpo di scena. Rondinelli vola via, sparita nel nulla senza lasciar traccia. Solo un laconico messaggio via internet in cui dice: “mi devo assentare nei prossimi mesi e non posso più seguire il caso come merita. Invito la famiglia a continuare con la convinzione che Marco è stato ucciso”. Un giorno dopo il servizio delle Iene.

Cosa ha fatto l’avvocato calabrese in questo anno e mezzo? In cosa è consistita la sua attività? Ha cercato di capire cosa succedeva alla procura di Napoli?

Ai microfoni delle Iene, per illustrare la situazione e ricostruire le cento anomalie, ci ha pensato Antonio De Renzis.

 

LEGGI ANCHE

CASO PANTANI / GIALLO ALGIDA: E’ FIRMA DI CAMORRA?

 di PAOLO SPIGA

Caso Pantani. Tra un’incredibile archiviazione e l’altra spunta il giallo del gelato. Una delle più macroscopiche anomalie denunciate dell’avvocato Antonio De Rensis, legale della famiglia Pantani, riguarda proprio una carta gelato rinvenuta nel contenitore dei rifiuti della stanza dove Marco è stato “suicidato”. Il gup, Vinicio Candolini, nel suo provvedimento di archiviazione di giugno scorso, …read more → 

  

Condividi questo articolo

Lascia un commento