DE MAGISTRIS / IL MIRACOLO DEL BASTIMENTO DA 140.000 EURO

Condividi questo articolo

Finalmente, dopo tanti anni, Noè ha trovato il suo sosia. Si trova a Napoli ed è il sindaco arancione Luigi de Magistris.

Nel corso di una manifesatazione partenopea, circondato dai discepoli, ha infatti incitato il suo popolo estasiato come nemmeno durante le celebrazioni per il sangue di San Gennaro.

Ecco il Vate: “Simmo ggente ‘e core. Andremo a prendere i migranti con 300, 400 barche e ci saremo tutti, il sindaco con la fascia tricolore, i parroci, le maestre, i pescatori e San Gennaro. Sarà la guache del terzo millennio”. Attenzione: non siamo su “Scherzi a parte”.

A dare i numeri dei freschi miracoli ci pensa il vicesindaco Enrico Panini: dai cuori napoletani sono arrivate 1743 offerte per un totale da 140 mila euro, cifra che San Luigi sa già bene come utilizzare: “Con il fondo raccolto è ora che ci facciamo una nave napoletana – arringa la folla in delirio come neanche dopo una rovesciata di Maradona – andiamo lì in mezzo al mare, con questa e con altre 300 imbarcazioni. E dobbiamo essere tutti a bordo”.

L’apostolo Panini, nel corso del primo caso Sea Watch, era volato a Malta per farsi dare in regalo i migranti. Mentre Lui reiterava la richiesta, dichiarando ogni tre giorni che il porto di Napoli è aperto, aspetta i migranti a braccia aperte. Bisogna farli arrivare a tutti i costi. Costi quel che costi.

Il Profeta ora chiede di essere processato, come lo sceriffo Salvini di cui si dichiara il vero rivale, l’unico in grado di sfidarlo all’Ok Corral. Così proclama: “Si stanno macchiando di crimini contro l’umanità. E Napoli si costituirà parte civile quando ci sarà un processo. Non mi ci vedo in un’aula bunker a rispondere di favoreggiamento dell’immigrazione, ma se serve affronto un processo”.

E pronto – petto nudo – ad affrontare le baionette.

Salendo sul Golgota aggiunge: “Il porto di Napoli è aperto. Non riesco a farlo capire a Toninelli. Almeno emanasse l’ordinanza di chiusura… Ma se poi arriva questa ordinanza, ne faccio una anche io: come responsabile della salute in città faccio un’ordinanza per assistere coloro che altri vorrebbero far morire. Così andiamo in tribunale”.

Voglia di processi, smania di aule giudiziarie nelle quali si trova a suo perfetto agio.

Ma si possono processare santi e beati? Al termine delle celebrazioni ha provveduto a moltiplicare pani e pesci, tre chili a famiglia.

Condividi questo articolo

Lascia un commento