MATTEO SALVINI / A GERUSALEMME MINISTRO UNO E TRINO

Condividi questo articolo

In Italia, si sa, i ministri sono inutili. Al massimo dei soprammobili. Stanno lì solo per prendere un lauto stipendio girandosi i pollici tutto il giorno.

La prova del 9 arriva in diretta da un ministro che, caso più unico che raro, è preso da iperattivismo e – osservati i colleghi dormienti – decide di lavorare al posto loro. Da perfetto Stakanov, una medaglia al valor civile per il mai-fermo, il giramondo Matteo Salvini.

Il quale in un sol colpo ha dimostrato come il lavoro del ministro della Difesa Elisabetta Trenta e quello del titolare della Farnesina Enzo Maoavero Milanesi sia del tutto inutile. Soldi buttati dalla finestra, quando c’è un ministro che fa per tre e per puro amor di patria prende per uno.

La sceneggiata che più napoletana non si può – interprete top Totò, che in una mitica pellicola faceva il generale, il capitano e il caporale – ha come palcoscenico nientemeno che Gerusalemme, dove il nostro Eroe dei due Mondi, l’onnipresente Salvini, è volato per far visita al premier israeliano Benjamin Netanyahu, che (non avendo visto il film di Totò) l’ha accolto a braccia aperte. I suoi consiglieri gli avranno consigliato di andar cauto, perchè la sua foto segnaletica era ben diversa da quella della ministra Trenta ed anche da quella di Moavero…

Il prode Salvini aveva tanta voglia di dimostrare la sua grinta e il suo coraggio contro “i terroristi islamici” che seminano il panico in mezza Europa, contro quei terroristi Hezbolah, dolce musica per le orecchie di Netanyahu, che subito lo definisce “grande amico di Israele”.

Non basta. Visto che ci siamo, parliamo anche di Economia, alla faccia di quel cretino di Giovanni Tria, che già è andato nel pallone con i numeri per la manovra. Ecco così magicamente sul piatto della conversazione il progetto di un gasdotto che da Israele possa raggiungere le regioni del nostro Mezzogiorno. Ma non c’era già il tanto contestato TAP, fatto ingoiare dallo stesso Salvini come un indigestissimo rospo a Luigi Di Maio & C.?

Condividi questo articolo

Lascia un commento