GRUPPO ROCCA / INCHIESTE BOMBA, DAL BRASILE ALL’ARGENTINA, VIA LUSSEMBURGO

Condividi questo articolo

Non bastava la maxi inchiesta “Lava Jato” in Brasile per corruzione internazionale. E nemmeno quella in Lussemburgo alla ricerca del tesoro di “San Faustin”. Adesso scoppia in Argentina la più grossa “Mazzettopoli” del secolo.

Ad essere coinvolto il gruppo Rocca, con la sua corazzata Techint e la controllata Tenaris, che a fine novembre hanno fatto un autentico tonfo a piazza Affari, perdendo oltre il 7 per cento, mentre alla Borsa americana il crollo ha superato il 10 per cento.

A Paolo Rocca, amministratore delegato e presidente di Tenaris, le autorità argentine hanno confiscato 104 milioni di dollari, comunque una bazzecola rispetto ad un patrimonio personale valutato in circa 8 miliardi di dollari. Allo stesso Paolo Rocca è stato vietato di lasciare il Paese. L’accusa é da non poco: associazione illecita e pagamento di tangenti.

 

IL NOTEBOOK DI TUTTE LE TANGENTI MILIONARIE

Ma cosa è successo per scatenare un tale putiferio? Tutto parte dall’inchiesta soprannominata “Notebooks”, ossia “taccuini”, con riferimento ad una sorta di minuzioso diario tenuto da autista pentito che lavorava alle dipendenze del governo, in particolare al ministero per la Pianificazione. Quel memoriale bollente è stato consegnato, mesi fa, dalla moglie dell’autista “pentito”, Oscar Centero, agli inquirenti argentini, che hanno così potuto ricostruire tutta la montagna di tangenti versate da imprenditori d’ogni settore – in prima fila Paolo Rocca – per un decennio, tra il 2005 e il 2015. A quanto pare un “sistema” ideato dall’ex capo dello Stato Cristina Fernandez Kirchner, e continuato con il successivo presidente, Mauricio Macri.

Cristina Fernandez Kirchner. In apertura Paolo Rocca

Obiettivo dei Rocca non era solo un occhio di riguardo nei confronti di Tenaris, da anni il colosso dell’acciaio in Argentina, ma anche risolvere la controversia insorta con il Venezuela di Hugo Chavez, che aveva prima confiscato e poi nazionalizzato la Sidor, una divisione di Ternium, controllata dal colosso Techint che fa capo al fratello di Paolo, ossia Gianfelice Rocca, ai vertici della hit tra i Paperoni d’Italia e per anni numero uno di Assolombarda.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti coordinati dal magistrato Claudio Bonadio (di evidenti origini italiane), le ricche mazzette di versate da Tenaris – prima una grossa fetta, poi una serie di versamenti mensili – servivano sia per sbloccare la situazione venezuelana sia per alimentare quell’associazione a delinquere, quel sistema che coinvolgeva una serie di imprese, argentine ed estere. Grazie ai buoni uffici presidenziali, infatti, il gruppo Rocca ha ricevuto un indennizzo da 2 miliardi di dollari versati dal governo Chavez a fronte della nazionalizzazione di Sidor. Una bella cifra.

L’ammontare totale delle tangenti affluite nelle casse presidenziali, secondo i calcoli degli investigatori argentini, ammonta a circa 200 milioni di dollari.

LO TSUNAMI BRASILIANO

Di gran lunga superiore, comunque, il totale delle tangenti versate in Brasile per l’affare Petrobras: fino ad oggi gli inquirenti carioca ne hanno accertate per 5 miliardi di dollari, ma la cifra può essere molto, molto superiore (secondo alcune stime potrebbe sfiorare il tetto dei 20 miliardi, il più grosso giro di tangenti di sempre).

Tra le imprese coinvolte il nostro colosso Eni, la consorella per l’impiantistica Saipem (nel cui azionariato c’è al 30 per cento la Cassa Depositi e Prestiti) e, of course, Techint capitanata da Gianfelice Rocca.

L’inchiesta “Lava Jato”, pur essendo ancora in fase istruttoria (ma dura da quasi tre anni), ha già decapitato la classe politica verdeoro, portando all’impeachment del presidente Dilma Rousseff, alla condanna a 9 anni di galera per il suo amico e predecessore Ignacio Lula da Silva, e alle dimissioni di una sfilza di deputati di governo e opposizione. Un vero tsunami.

Ignacio Lula da Silva

Anche la procura di Milano indaga sull’affare Petrobras, e il capo d’imputazione è “corruzione internazionale”. E sempre Milano un anno e mezzo fa ha aperto un fascicolo sul “Tesoro di San Faustin”, la cassaforte di casa Rocca, a lungo acquartierata in Svizzera, poi trasferita in Lussemburgo. Ben protetta, quindi, da sguardi indiscreti: sia perché siamo in un classico paradiso fiscale, sia perché i veli delle fiduciarie sono stati ben allestiti. Nella cassaforte, comunque, non ci sono solo le ricchezze dei Rocca (ovviamene una parte), ma anche di parenti e amici eccellenti: una sorta di super salotto per vip.

Peccato che la procura meneghina abbia acceso i riflettori: c’è da sperare in qualche fortunata rogatoria internazionale?

 

L’AMICO DI UNA VITA, PAOLO SCARONI

Abbiamo più volte raccontato la Rocca story, lungo l’asse Italia-Argentina e anche Corno d’Africa. Trent’anni fa, infatti, la Somalia fu la vera palestra dove s’è fatta le ossa Techint, lavorando sia per progetti finanziati dal FAI, che per proprie iniziative, anche sul fronte dei rifiuti. Sul ponte di comando due pezzi da novanta del futuro: oltre a Gianfelice Rocca e ai suoi fratelli, anche Paolo Scaroni, allora rampante manager che negli anni successivi diventerà il re del parastato, occupando le poltrone di vertice all’Enel e all’Eni, oggi uomo strategico del colosso finanziario a stelle e strisce Elliot e presidente del Milan calcio.

Sui business somali di Techint, una quindicina d’anni fa realizzò un ottimo reportage Massimo Alberizzi del Corsera, centrata sulle rivelazioni di un ex dirigente Techint che fece causa alla sua azienda e in tribunale ne raccontò di cotte e di crude.

Sui traffici di rifiuti super tossici lungo l’asse Italia-Somalia e sui fondi della cooperazione stavano lavorando Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. Le ultime ricerche, a quanto pare, riguardavano i tantissimi fusti tossici seppelliti lungo la superstrada che porta da Bosaso a Mogadiscio.

E proprio entro dicembre si dovrà pronunciare il gip del tribunale di Roma, Andrea Fanelli, sulla richiesta di archiviazione tombale del caso Alpi-Hrovatin avanzata dal pm Elisabetta Ceniccola e controfirmata dal procuratore capo Giuseppe Pignatone. Resta solo da augurarsi che giustizia non sia sfatta.

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento