VACCINI / UNO STUDIO CHOC DALLA PUGLIA, FORTI ALLARMI IN ARRIVO DAGLI STATI UNITI

Condividi questo articolo

Dalla Puglia arriva un preciso e documentato allarme sul fronte dei vaccini. Una prassi di “farmacovigilanza attiva”, cioè lo studio diretto su un campione di 1.672 bambini, ha consentito di rilevare che la somministrazione del vaccino MPVR (morbillo, parotite, varicella, rosolia) ha prodotto risultati negativi su ben il 4 per cento dei piccoli pazienti, una percentuale da brividi.

La clamorosa notizia – perfettamente ignorata dai grossi media, tutti impegnati in continue campagne pro vax e a favore di Big Pharma – è filtrata dalle audizioni che si stanno tenendo in Senato per discutere il nuovo decreto legge sui vaccini, il numero 770.

Cosa è successo, in sostanza? Fino ad oggi tutte le statistiche venivano elaborate sulla base di segnalazioni provenienti dai genitori. Si otteneva, così, un dato del tutto aleatorio. Attraverso un rilevamento effettuato in modo scientifico, e per un anno, cioè attraverso il metodo della “farmacovigilanza attiva”, i dati che emergono sono di ben altro tenore, di gran lunga più preoccupanti degli altri, che finiscono per minimizzare il fenomeno.

DATI UFFICIALI TAROCCATI

“I casi gravi raccolti con questo studio – precisano alcuni ricercatori – superano di 339 volte le segnalazioni giunte spontaneamente”.

Ma vediamo alcune dichiarazioni di Antonio Affinita, direttore generale del MOIGE, ossia il Movimento italiano genitori, il quale è stato sentito nel corso delle audizioni a palazzo Madama.

“Mi faccio portavoce non di famiglie ideologicamente ostili alle vaccinazioni, ma di persone che, non comprendendo il senso di queste maniere forti (l’obbligo vaccinale, ndr), ora dubitano della bontà delle vaccinazioni”.

Antonio Affinita

“Chi firma un consenso informato accetta tutti i benefici, ma anche i rischi di una terapia. Senza questa decisione non si può procedere a nessun trattamento sanitario. Non si capisce perchè solo in questo caso si debbano ignorare le leggi dello Stato. Oltretutto il ruolo dei genitori nelle scelte di salute dei propri figli come in quelle educative è fondamentale”.

“Quanto agli eventi avversi ho richiamato l’attenzione sulla necessità di avviare una farmacovigilanza attiva, come quella che è stata fatta in Puglia. Quanto sono sicure le vaccinazioni plurime? Come facciamo a saperlo senza studi di farmacovigilanza attiva a campione e costanti nel tempo? E’ da irresponsabili obbligare ampie fasce di popolazione a 10/12 vaccinazioni senza preoccuparsi di osservarne gli effetti. Ho citato anche lo studio Signum sui militari che invita al principio di precauzione: non più di 5 vaccini per volta”.

“Lo studio della Puglia va in questa direzione. Finora ci siamo basati sul report di Aifa, effetto di segnalazioni passive che tuttavia non si possono ignorare. Attenzione però: il 70 per cento delle segnalazioni arriva da una sola regione, il Veneto: è evidente che non possiamo considerare affidabile questo sistema di raccolta dati”.

Alla domanda: “cosa ne pensa del fatto che i medici si vaccinano contro l’influenza solo al 15 per cento, come ha detto il ministro Grillo?”, così risponde Affinita: “Per un genitore sapere che circa 8 medici su 10 non si vaccinano rafforza perplessità e preoccupazioni”.

CONTAMINAZIONI KILLER

E andiamo proprio in Veneto, la regione maggiormente sensibile ad un uso “consapevole” dei vaccini, dove è super attivo da molti anni il Corvelva (Coordinamento regionale del Veneto per la libertà di vaccinazione), protagonista di tante battaglie in difesa della salute dei cittadini.

Di recente il Corvelva ha fornito ampi – e preoccupanti – ragguagli circa una ricerca promossa e condotta sulle impurità biologiche contenute nei vaccini. Ma soprattutto sulla composizione chimica di due lotti del vaccino tetravalente, Priorix Tetra, prodotto da un big di farmaci e vaccini, Glaxo Smithkline.

Scrive Marcello Pamio, che da anni ha puntato i riflettori sui danni prodotti da tanti farmaci e sul ruolo di Big Pharma nell’economia mondiale: “I risultati, anche se preliminari, squarciano uno scenario agghiacciante. In entrambi i lotti sono stati rilevati pepticidi associati a proteine potenzialmente provenienti dai processi di purificazione: ‘Sarcoplasmin calcium-binding protein‘, ‘Actina‘ e ‘Vimentina‘. La prima è notoriamente allergenica, mentre le altre due sono sostanze di origine animale: pollo la vimentina e bovino l’actina”.

Continua Pamio: “il punto nodale è che queste ‘contaminazioni’ non dovrebbero essere presenti all’interno di un vaccino che verrà inoculato nel corpicino in crescita di un neonato. Se verranno confermate dalle ulteriori analisi in atto, queste sostanze sono associabili ad antibiotici, farmaci, diserbanti, erbicidi, acaricidi, metaboliti della morfina. Qualche nome? Stiamo parlando di robetta chimica come: Morfamquat, un erbicida, Cyflumetofen, un acaricida, Amoxicillina, un antibiotico, 3-Methyleneoxindole, un antivirale, quindi metaboliti batterici, umani e di piante. Ma poi risulterebbero farmaci come Tamsulosin, un alfabloccante, Sildenafil più noto come Viagra, Gabapentin, un antiepilettico, Atovaquone, per la malaria, AMD-070, un farmaco sperimentale per l’HIV, Fluchloralin, un erbicida, Vigabatrin, un antiepilettico. Mi fermo qua, ma penso sia più che sufficiente per comprendere che più ci si addentra tra le molecole e gli atomi di questi farmaci, più il quadro si tinge di colori molto foschi. Ma ormai il vaso di pandora, grazie alle analisi eseguite dal Corvelva, è stato scoperchiato”.

QUEI VIRUS TUMORIGENICI CONTENUTI NEI VACCINI

Passiamo alle ultime novità dagli States. Da diversi mesi sono cresciute le preoccupazioni sul fronte della produzione dei vaccini, fino ad oggi considerati intoccabili.

Per questo è da inizio anno al lavoro nientemeno che la Food and Drug Administration (FDA), l’ente governativo americano che ha disposto approfondite analisi sui ‘virus tumorigenici‘ presenti nelle lineee cellulari utilizzate per produrre vaccini ad uso umano. Un tema bollente.

Sostengono alcuni ricercatori a stelle e strisce: “E’ noto ormai da tempo che nei substrati cellulari usati nella filiera di produzione vaccinale siano contenuti alcuni virus cancerogeni. Finora però nessun dipartimento per la salute umana aveva mai avviato indagini adeguate per stabilire procedure ufficiali. La speranza è che si faccia chiarezza sulla pericolosità di tali virus, si rivedano le modalità di produzione e regolamentazione di questa categoria di farmaci e vengano fissati controlli rigorosi prima e dopo l’immissione in commercio”.
La FDA ha diramato a febbraio 2018 un comunicato che esprime le varie perplessità sugli attuali vaccini e impone regole nuove. Ecco qualche passaggio.

“I vaccini a base di virus sono prodotti su cellule viventi (substrati cellulari). Alcuni produttori stanno studiando l’uso di nuove linee cellulari per produrre vaccini. Talvolta, però, le linee cellulari utilizzate possono essere tumorigeniche, vale a dire che formano tumori quando iniettate nei roditori. Alcune di queste lineee cellulari che formano tumori possono contenere virus cancerogeni che non si riproducono attivamente. Tali virus sono difficili da rilevare con metodi standard. Questi virus latenti o ‘dormienti’ rappresentano una potenziale minaccia, poiché potrebbero attivarsi in fase di produzione del vaccino.

Continua la nota FDA: “Pertanto, per garantire la sicurezza dei vaccini, il nostro laboratorio sta studiando le modalità di attivazione dei virus latenti nelle linee cellulari e come individuare i virus attivati, nonché altri virus sconosciuti, mediante l’uso di nuove tecnologie. Adatteremo quindi le nuove scoperte per rilevare i virus presenti negli stessi tipi di substrati cellulari adoperati per produrre i vaccini. Stiamo anche cercando di identificare specifici processi biologici che riflettano l’attività del virus”.

Luc Montagnier

In sintesi, “questi metodi permetteranno agli scienziati della FDA di aiutare i produttori a determinare se il loro substrato cellulare specifico è sicuro da usare per la produzione di vaccini”.

Sorge a questo punto spontanea la domanda: ma fino ad oggi come hanno lavorato i produttori? Quali ‘schifezze” super pericolose hanno immesso sul mercato? Quanti milioni di bombe ad orologeria ci sono in giro per il mondo? Ma non erano i farmaci più sicuri, controllati, efficaci e salubri mai realizzati su questa terra, i vaccini?

Torniamo sempre ai maxi interessi di Big Pharma, perchè – come sostiene ad ogni suo intervento il più noto virologo al mondo, Luc Montagnier, “prima di tutto per Big Pharma vengono i soldi e i profitti: la salute dei cittadini è del tutto ignorata”.

Condividi questo articolo

Lascia un commento