I MOSTRI DEL RATING / DENTRO MOODY’S, CON UN SOROS NEL MOTORE

Condividi questo articolo

Aspettiamo il voto delle agenzie di rating come se dovessero parlare degli oracoli. Le definiscono “indipendenti”. Una bugia alta come le Twin Towers. Invece sono degli organismi del tutto parziali, perchè controllati da precisi gruppi economici, finanziari e spesso speculativi. I quali, cioè, hanno tutto l’interesse a dare questo o quel voto, per poter quindi declassare un Paese e “mangiarlo meglio” o farne un gustoso spezzatino.

Si è pronunciata, affibbiandoci un pessimo voto (da Baa2 a Baa3), Moody’s, in genere la più “perfida” delle tre sorelle.

Ma entriamo nelle sue segrete e ovattate stanze. Ecco a chi fa capo, non certo dei santi. Il primo tra i soci è Warren Buffet, l’arcimiliardario e super speculatore, attraverso il suo Fondo, of course, che si chiama Berkshire Hataway. Ha sponsorizzato le campagne presidenziali di Barack Obama e Hillary Clinton, tanto per darsi un tono ‘democratico’.

Nell’azionariato, poi, spicca la stella (nera) di Blackrock, il principe di tutti i Fondi: pensate che come ‘advisor’ eccellente può contare su un calibro come George Soros, il magnate umanitario MangiaPaesi, il numero uno degli speculatori internazionali che vuol tanto bene ad ong e migranti…..

Non è certo finita, perchè tra i soci da novanta fanno capolino gli altri due colossi dei Fondi, come Vanguard Groupe e State Street. Dei veri mostri sacri, capaci di avere in pancia (Blackrock, Vanguard e State) quasi la metà delle azioni di tutte le aziende a stelle e strisce, anche concorrenti tra loro. Quindi capaci, da sole, di controllare economie e finanze di mezza America.

Lorsignori hanno in mano i destini di Paesi, come l’Italia, che cercano di crescere. Non c’è un qualche conflitto d’interessi, visto appunto che poi possono fare un sol boccone di pezzi interi di questo o quel paese, attraverso la miriade di aziende che a loro volta controllano?

Una autentica forma di gangsterismo finanziario, nella tanto democratica America. Altro che Al Capone. Val la pena di ricordare il titolo di un libro scritto da Elio Lannutti sul sistema creditizio: “Bankster – Peggio di Al Capone i vampiri di Wall Street e piazza Affari”.

Meno complessi i contesti azionari delle altre due sorelle. Fitch fa capo al gruppo Hearst che controlla mezzo settore delle comunicazioni negli States (ricordate tanti anni fa il rapimento di una rampolla, Patricia?). Standard & Poor’s è riconducibile ad un altro colosso, il gruppo Mc Graw Hill, controllato dalla Capital Word Investment.

Condividi questo articolo

Lascia un commento