EMANUELA ORLANDI / COME MAI TACCIONO I PALAZZI ?

Condividi questo articolo

Come mai non si ha più lo straccio di una notizia sul caso di Emanuela Orlandi? Cosa fa la procura di Roma, che sembra tornata quel porto delle nebbie d’un tempo, dopo i clamorosi flop – per fare un solo esempio – sull’omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin?

Eppure ad inizio anno sembrava che finalmente si fosse ad un passo dalla verità. Quando emerge dalle casseforti degli archivi vaticani un documentazione che attesta la presenza di Emanuela Orlandi (quindi ben viva e vegeta) in un collegio femminile a Londra. Si tratta di alcuni fogli che dettagliano le spese sostenute dal Vaticano per la permanenza, a metà anni ’90, della giovane a Londra.

La Voce ne scrive per prima, un lungo resoconto delle novità e soprattutto la clamorosa notizia di quel documento. Il Vaticano cerca di minimizzare, nega, sostiene che con c’è alcuna documentazione. Quel documento invece esiste, ne scrive – e lo mostra – anche l’Espresso.

La famiglia di Emanuela chiede l’immediata riapertura delle indagini, ma dalla procura il solito muro di gomma, quelle nebbie che tornano ad infittirsi.

Come mai la Procura non riapre il fascicolo? Ha paura dei misteri vaticani? Teme di scoperte dirompenti? E’ preoccupata di turbare gli equilibri interni alle sante mura?

Anche papa Francesco ha più volte ricordato il caso di Emanuela e auspicato finalmente la Verità.

Ma forse si tratta di un muro invalicabile anche per lui, già preso nella battaglia nei confronti delle gerarchie interne che non vogliono rinunciare ai loro privilegi milionari.

Quanto tempo dovrà ancora trascorrere prima che Francesco riesca a trovare la forza per abbattere gli ultimi, più resistenti e robusti muri?

Condividi questo articolo

Lascia un commento