GLIFOSATO / UNA SENTENZA A SAN FRANCISCO DA BRIVIDI

Condividi questo articolo

Sembra il copione di uno dei migliori film interpretati da Julia Roberts, “Erich Borovich”, l’avvocato in minigonna e tacchi a spillo animata da un coraggio leonino per vincere una causa contro un colosso che ha inquinato mezzo territorio e causato morti a catena per tumore.

Peccato che stavolta il giudice non sia di quella tempra e non abbia un grammo del coraggio di Erich. Per il giudice della Corte superiore di San Francisco, Suzanne Ramos Bolanos, infatti il glifosato non fa male, anzi è consigliabile in tutte le diete e produce effetti miracolosi.

Scherzi a parte, il giudice Bolanos ha rimesso in discussione il risarcimento che un ammalato di cancro era riuscito ad ottenere in un precedente giudizio (280 milioni di dollari) sostenendo che non c’è conessione tra glifosato e insorgenza della patologia tumorale. L’uomo, infatti, aveva fatto uso di erbicidi prodotti dalla Monsanto, il colosso a stelle e strisce appena inglobalo da un altro colosso, quello farmaceutico tedesco Bayer, i quali, evidentemente, adesso fanno salti di gioia e sparano i tric trac, dopo l’incredibile sentenza.

Ma non basta. In vena di prodigalità verso i due colossi, il giudice Ramos Bolanos cerca di fare ancora di più. E cioè intende chiedere la riapertura per “insufficienza di prove” per quanto riguarda la parte della sentenza che prevede una sanzione da 250 milioni per ‘danni punitivi’. A quel punto il neogruppo che domina in modo monopolitico il mercato dei prodotti per l’agricoltura (compresi glifosati e pesticidi d’ogni sorta) si troverebbe la strada spianata nel futuro per l’uso più sfrenato del glifosato, sostanza che invece la gran parte degli studi scientifici “non di parte” considera altamente tossico.

E sempre a questo punto non resta, per il giudice Bolanos, che un’ultimo provvedimento: il Nobel  “per legge” a Monsanto e Bayer, così il quadro è completo.

Tornando con i piedi per terra, è possibile lasciar in mano a un toga che probabilmente non capisce neanche la differenza fra un seme e un fiore una sentenza di tale peso? Non andrebbe quanto meno affiancata da un collegio giudicante con tanto di team di esperti “super partes”, cioè non “mazzettabili” dal colosso tedesco fresco di matrimonio? O non andrebbe affidato a un Corte Suprema? In ballo ci sono la salute dei cittadini, in primo luogo, ma anche miliardi di dollari per il commercio di glifosato.

Condividi questo articolo

Lascia un commento