BIG DEL MATTONE IN CRISI / ARRIVA UNA MAXI FUSIONE O INTERVIENE LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI ?

Condividi questo articolo

E’ partito il gioco del mattone. Mesi fa è scoppiata la crisi di Condotte, poi entrata in amministrazione straordinaria. Sta scoppiando la crisi di Astaldi, che ha portato i libri in tribunale (di Roma) e spera nel concordato preventivo. E’ in fortissima crisi Trevi che ha urgente bisogno di  una sostanziosa ricapitalizzazione (almeno 400 milioni).

Il copione è quasi sempre lo stesso: i vecchi colossi sono indebitati con le banche (le solite Intesa Sanpaolo e Unicredit in pole position) e non riescono a rientrare nei crediti, soprattutto per opere eseguite all’estero. Nel caso di Astaldi, ad esempio, per via delle turbolenze del governo e dell’economia turca, non riesce a sbloccare la situazione del terzo ponte sul Bosforo, così come ha grossi problemi per riscuotere gli importi di lavori eseguiti dell’ancor più turbolento Venezuela.

E pensare che vent’anni fa erano le star dell’edilizia pubblica (Condotte) e privata (Astaldi). Per un certo periodo si parlò, ad inizio anni ’90, di una possibile fusione con l’Icla, l’impresa emergente per via dei mega appalti del dopo terremoto in Campania e i lavori per l’Alta Velocità, una società molto cara all’ex ministro del Bilancio Paolo Cirino Pomicino. Poi non se ne fece niente e ognuno ha continuato per la sua strada.

Qual è il cavaliere bianco all’orizzonte? Quali le soluzioni possibili? Ci sono varie piste. Una porta al numero uno del mattone oggi, il gruppo Salini-Impregilo, il quale, però, a sua volta ha sul groppone un debito da 1 miliardo con le banche. Potrebbe rilevare una fetta del ramo costruzioni di Astaldi, quello con parecchi lavori in portafoglio. La parte ‘estera’ di Astaldi, invece, verrebbe messa sul mercato, in attesa di offerte non troppo penalizzanti.

Ma c’è un’altra pista che porta alla sempre più attiva Cassa Depositi e Prestiti, che ormai molti etichettano come la nuova Iri, vista la sempre più massiccia presenza nei capitali azionari anche di grandi aziende.

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento