TORRI GEMELLE / BIN LADEN E MOHAMED ATTA UNITI NELLA LOTTA PER LA CIA

Condividi questo articolo

Arieccolo. Era scomparso da un bel po’ di tempo il volto del capo commando per l’assalto alle Twin Towers che ha cambiato i destini del mondo e provocato l’assalto degli Usa all’Iraq, la preda da sbranare per interessi petroliferi, di potere e logistici: il volto di Mohamed Atta.

Il Corriere della Sera pubblica un ampio reportage sul “Matrimonio tra gli eredi del terrore”, ossia le nozze tra Bin Laden junior (il rampollo di Osama) e la figlia di Mohamed Atta, la figura strategica in tutta la vicenda dell’11 settembre.

La notizia, a sua volta, arriva fresca fresca dall’autorevole Guardian, che fornisce alcuni dettagli da non poco. Nel resoconto del quotidiano londinese, ad esempio, viene  sfornata un’altra new, sempre in tema nuziale: “un altro figlio di Osama bin Laden, Mohamed, ha avuto in sposa la figlia di Afef al Marsi, a lungo uno dei principali esponenti militari della fazione e poi ucciso da un drone statunitense nel 2001. Cerimonia tramandata da un celebre video”.

IL TIMIDO MOHAMED TUTTO CASA & CIA

Così scrive l’inviato del Corsera Guido Olimpio: “Sulla vita privata di Mohamed Atta, figura introversa e timida, però capace di guidare i suoi uomini nella fase finale del grande attentato, non sono mancate le supposizioni, le speculazioni, i racconti a metà. Si era ipotizzato di una sua possibile relazione con un cittadino mediorentale detenuto in Spagna mentre alcuni anni fa una donna, spuntata in Florida, aveva sostenuto di essere stata la sua compagna. Voci perse nel tempo”.

Contina Olimpio: “Nel 2010 la madre, Boziana, aveva dichiarato al quotidiano spagnolo El Mundo che il figlio in realtà non era morto nella strage del 2001: gli americani lo hanno catturato e portato a Guantanamo. A suo dire l’intelligence avrebbe organizzato una manovra per accusare i musulmani di ‘terrrorismo’. Teorie cospirative condivise a lungo anche dal padre, convinto che Mohamed fosse rimasto vittima di una manipolazione, salvo poi cambiare idea”.

Ferdinando Imposimato. In apertura Mohammed Atta e, sullo sfondo, Osama bin Laden

Molto più chiara ci pare la ricostruzione fornita sei anni fa, nel 2012, da Ferdinando Imposimato, che venne ufficialmente incaricato dal Tribunale dell’Aja per i crimini di guerra di redigere un dossier proprio su tutti i lati oscuri & le connection della tragedia delle Torri Gemelle. E, guarda caso, Mohamed Atta era il protagonista di quel lungo e minuzioso documento che il giudice antimafia e antiterrorismo preparò (e poi consegnò) alle autorità dell’Aja. In basso riproduciamo per intero l’articolo che Imposimato firmò proprio per la Voce a marzo 2012 (emblematico il titolo: “Atta secondo”) su quella tragica vicenda.

La realtà è più semplice di quanto possa sembrare. Atta era un uomo al servizio dei servizi americani. Forse a loro insaputa? Macchè, era un infiltrato di lusso, di superlusso. Si era addestrato per volare negli Usa in tutta tranquillità, aveva conseguito i relativi brevetti, aveva ogni tipo di documento in regola, e l’ultimo anno prima della strage, ossia tra la fine del 2000 a tutto agosto del 2001, aveva viaggiato in lungo e in largo per gli Usa, e tra gli Usa e l’Europa.

Possibile mai che un “sospetto” di quel calibro (il suo nome era infatti nella black list di Cia ed Fbi) fosse libero come un normale commesso viaggiatore di saltare da una costa all’alta, dall’Atlantico al Pacifico? Libero come un fringuello e senza lo straccio di un controllo?

LA GRANDE AMICIZIA TRA LE FAMIGLIE BUSH E BIN LADEN

Atto secondo, è il caso di dirlo. Ossia la storia dei legami d’affari tra la famiglia Bush (senior e junior) e Osama bin Laden. La Voce una decina d’anni fa ha pubblicato un’intervista all’avvocato Carlo Taormina, all’epoca legale di Loredana Bertè, in cui raccontava di un pranzo a casa Bush in compagnia dell’allora marito, il campione di tennis Bjorn Borg. Tra aragoste & racchette spunta un vip. Ebbene, sapete chi era l’altro invitato eccellente alla tavola di casa Bush? Osama bin Laden. Voleva anche lui lezioni di tennis o qualcos’altro?

Loredana Bertè con Bjorn Borg

Sta di fatto che gli affari tra le due famiglie sono volati sempre a gonfie vele, sigillati da un’altra amicizia da novanta: quella di Bush senior con il fratellastro di Osama bin Laden, perchè entrambi soci del potentissimo gruppo finanziario a stelle e strisce Carlyle.

E circola una “leggenda metropolitana” (ma non troppo): che i due amiconi abbiamo assistito all’esplosione delle Twin Towers in diretta, proprio dalle ampie terrazze griffate Carlyle, superpanoramiche e soprattutto con vista diretta sulle Torri Gemelle. 

Sorgono a questo punto spontanee alcune domande. Ma cosa ha poi fatto il tribunale dell’Aja del dossier Imposimato? Di tutti gli esplosivi elementi che conteneva? Di tutta quella minuziosa ricostruzione che aveva effettuato?

E cosa ha fatto la Casa Bianca del lavoro investigativo iniziato ovviamente subito dopo la tragedia, per svelare gli scenari che c’erano dietro la tragedia delle Torri Gemelle? Già nell’autunno 2001, infatti, venne ordinata un’inchiesta top secret. Solo pochi mesi prima della scadenza del suo secondo mandato presidenziale Barack Obama l’ha desecretata.

Come mai non se ne è più saputo niente? Come mai non s’è mossa una sola foglia? Perchè s’è alzata la solita cortina fumogena? Perchè s’è invece alzato, alto come le Torri Gemelle, un muro di gomma, anche disinformativo?

Sono ancora in troppi a temere che quelle tragiche verità prima o poi possano venire a galla.

Vergogna per la ‘democratica’ (sic) America.

L’ARTICOLO DI FERDINANDO IMPOSIMATO DI MARZO 2012

http://www.lavocedellevoci.it/wp-content/uploads/2016/05/articolo-Voce-Imposimato-marzo-2012.pdf

LEGGI ANCHE

11 SETTEMBRE / OBAMA DESECRETA LE COMPLICITA’ DI CIA E FBI ?

Condividi questo articolo

Lascia un commento