Campania – Il programma del nuovo difensore civico Giuseppe Fortunato

Condividi questo articolo

Giuseppe Fortunato è il nuovo Difensore Civico della Regione Campania.

Questo il tema intorno al quale ruota la conferenza stampa indetta per lunedì 23 luglio 2018 alle ore 12 nella sala stampa “Marco Suraci” della sede del Consiglio Regionale della Campania, Centro Direzionale sola F13.

Una querelle che si trascina da almeno 6 anni, e riguarda una carica strategica negli assetti di un ente pubblico. La figura del Difensore Civico, infatti, ricalca quella ‘storica’ dell’Ombudsman, conosciutissima nel mondo anglosassone da molti anni ma da noi praticamente ignorata.

Dopo anni ricorsi giudiziari fra Tar e Consiglio di Stato, l’ultima sentenza di quest’ultimo ha fatto chiarezza: la nomina del Consiglio regionale deve tener conto in modo assoluto dei criteri di “competenza”, “merito”, “professionalità” dei candidati e, soprattutto, deve utilizzare un “criterio comparativo” dei curricula per la scelta e poi la nomina del candidato.

Quindi basta criteri familistici, clientelari, “latamente politici”, ma valutazione unicamente delle esperienze e dei titoli messi in campo.

Dopo una battaglia durata sei anni, quindi all’avvocato Giuseppe Fortunato – fra l’altro alle spalle una esperienza unica nel suo genere, ossia quella di aver gareggiato per la prestigiosa carica di Ombudsman a livello europeo, giungendo secondo nel 2005 – quella carica è stata assegnata allo stesso Fortunato, dopo una triplice valutazione da parte del Consiglio di Stato: che alla fine dell’iter ha incaricato la Prefettura di Napoli di procedere all’insediamento del nominato.

Il quale non solo vanta un curriculum professionale di gran lunga superiore a quello dei suoi competitor – come attesta il Consiglio do Stato – ma non presenta alcun profilo di ineleggibilità e incompatibilità (al contrario di quelli dei concorrenti).

In occasione della Conferenza stampa, Fortunato illustrerà il suo programma articolato in vari punti e soprattutto rimarcherà il totale taglio con il passato: il Difensore civico tutela gli interessi dei cittadini contro abusi e soprusi di tutte le pubbliche amministrazioni. Una figura di garante a 360 gradi, non condizionabile da alcun ‘potere’. Anche ‘latamente politico’.

Condividi questo articolo

Lascia un commento