VACCINI / UNA BAGARRE 5 STELLE MONTATA DAL CORSERA

Condividi questo articolo

Stavolta è il Corriere della Sera a montare la polemica tra i 5 Stelle sui vaccini. Una mezza pagina del 7 luglio titolata “La 5 Stelle: ‘E se mentono sui vaccini?”. Boh.

Al centro della querelle, nella ricostruzione effettuata dallo 007 di via Solferino Paolo Foschi, le dichiarazioni della senatrice pentastellata Elena Fattori, che con parole strappalacrime si rivolge alla collega e ministra della Salute Giulia Grillo.

Il nodo è nelle autocertificazioni che occorrerà presentare per le iscrizioni alle scuole in materia di vaccini.

Ecco le frasi griffate Fattori, da vero Libro Cuore: “Faccio i miei più sentiti auguri alla ministra che diventerà mamma, le auguro di poter vaccinare suo figlio come ha dichiarato. Perchè questa volontà non sempre si puo’ adempiere”.

E il finalone: “La prego di ricordarsi, quando darà i suoi pareri sulla legge che verrà, di tutti i bimbi fragili e delle mamme silenziose che li osservano senza fare clamore come foglie appese a un albero quando tira il vento forte”..

I DESIDERATA DI BIG PHARMA

Ottimo per una perfetta imitazione ungarettiana, il Fattori-Pensiero (“Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie”), meno per far chiarezza su un argomento tanto drammatico che coinvolge milioni di genitori e andrebbe trattato con competenza scientifica e senza ricorrere, appunto, al De Amicis.

Il Comitato per la libera scelta delle vaccinazioni

E’ il caso di ribadire ancora una volta, per chi non ha capito, non ha voluto capire o per chi è in malfade, che la società italiana non si divide tra NO VAX e PRO VAX, ma tra chi vuole senza se e senza ma i vaccini, senza alcuna discussione, perchè così ordina Big Pharma che – come più volte è stato dimostrato in modo documentale – fa affari a palate di miliardi sui vaccini e sulla pelle di bambini innocenti – e chi invece vuole semplicemente discutere, porre il problema, affrontare il tema in tutti i suoi aspetti.

Vogliamo vaccini di qualità oppure no? E’ questo il primo interrogativo base. Perchè oggi i livelli di  qualità, visti gli immensi profitti derivanti dalle quantità, lasciano molto a desiderare. Perchè il governo non si pone, ADESSO, il problema di un’azienda di Stato in grado di produrre vaccini ipercontrollati, ipertestati, ipergarantiti? C’è la Cassa Depositi e Prestiti che scoppia di salute, ha milioni da spendere: perchè non mette su oppure rileva – come anni fa fece l‘Eni con l’Anic – un’azienda, la rilancia, la controlla e produce vaccini super doc?

 

METODI NAZISTI

Secondo problema. I vaccini non sono acqua fresca, ma vanno somministrati con estrema cautela e precauzione, valutando caso per caso lo stato di salute dei bambi che li stanno per ricevere. Perchè di tutto ciò le autorità governative se ne strafottono, ordinando invece con metodi semplicemente nazisti vaccinazioni di massa senza alcun controllo, tanto per raggiungere gli auspicati livelli di ‘gregge’? Anche il solo sentire parlare di “greggi di bambini” fa venir la pelle d’oca.

Terza questione. Come mai su temi tanto controversi e delicati hanno diritto di parola sui grandi media cartacei e televisivi i soliti soloni neanche in grado di fornire dati scientifici attendibili, ma solo di taroccare le carte per il popolo bue?

Elena Cattaneo

Per fare qualche esempio concreto, perchè ha diritto di parola l’onnipresente Roberto Burioni, uno scienziato incapucciato (è iscritto al Grande Oriente d’Italia) e in palese conflitto d’interessi per i brevetti sui vaccini di cui non fa certo beneficenza ma vende a case farmaceutiche, e non il Nobel per la Medicina Luc Montagnier che la pensa in modo diametralmente opposto e forse ha qualche titolo accademico in più?

Perchè dar tribuna continua alla senatrice e farmacista Elena Cattaneo e non al due volte candidato al Nobel, sempre per la Medicina, Giulio Tarro, l’allievo di Albert Sabin che non ha scoperto un callifugo, ma il vaccino antipolio?

Un modo capovolto. Dove i ‘somari’ hanno pieno diritto di parola, perchè foraggiati dalle case farmaceutiche, da Big Pharma: mentre gli scienziati, quella con la S maiuscola, vengono letteralmente ridotti al più totale silenzio. Come neanche nei Gulag.

E’ questa una democrazia al servizio dei cittadini su un tema così bollente? E’ questo il livello di sotto informazione che il nostro Paese è costretto quotidianamente a subire? Non è arrivato forse il momento di ribellarsi?

Condividi questo articolo

Lascia un commento