I RE DEI FARMACI / IL TANDEM BARRA-PESSINA SBANCA IN CINA

Condividi questo articolo

L’irresistibile ascesa del gruppo “Walgreens Boots Alliance”, che fa capo alla coppia italiana Stefano Pessina e Stefania Barra: vent’anni fa due signor nessuno e oggi a capo del più potente gruppo internazionale sul fronte della distribuzione dei prodotti farmaceutici.

Il gruppo italo-statunitesne, infatti, ha portato a segno un altro colpo da novanta: ossia l’acquisto del 40 per cento del pacchetto azionario della più importante catena farmaceutica cinese, “Sinopharm Holding GouDa Drugstores”. La trattativa andava avanti da alcuni mesi ma ha subìto un’accelerazione nelle ultime settimane.

Un’espansione davvero senza confini. E partita – incredibile ma vero – da un piccolo deposito di farmaci nella sgarrupata periferia di Napoli, gestito dal pescarse Stefano Pessina, e da una farmacista di Lavagna, Stefania Barra.

Ornella Barra

Due vite che poi si congiungono sia sotto il profilo degli affari che degli affetti. Ed è recentissimo, solo un paio di settimane fa, l’ingresso nella super hit delle imprese a stelle e strisce della perla dell’impero Pessina, come ha dettagliato la Voce.

La scalata, riassunto molto sommariamente (ma potete trovare molte inchieste e articoli cliccando su “Pessina-Barra” nel cerca nomi del sito), comincia con alcune piccole acquisizioni in Francia. Poi si passa in altri paesi europei e infine in Inghiletrrra, dove ottengono il controllo della storica, principale catena di distribuzione dei farmaci. E’ quindi la volta dello sbarco negli Usa, dove arrivano addirittura a mettere le mani sul colosso a stelle e strisce Walgreen Boots, che unisce il suo nome a quello di casa Barra-Pessina (Alliance).

Ci siamo già chiesti altre volte. Come mai le star internazionali Pessina-Barra non spiegano non tanto al piccolo mercato italiano ma ai mercati internazionali il segreto del loro successo? Niente per svelare segreti industriali, brevetti o robe simili, ma solo per far conoscere ad una platea più vasta, che giudica ancora l’Italia un paese di fascia non certo alta sotto il profilo industriale, il segreto di tanto successo.

Quale la ricetta vincente? Siamo tutti curiosi di saperlo.

A cominciare dalle origini del gruppo e della liquidità necessarie, all’epoca, per il decollo. Si fa nelle migliori famiglie, come è capitato nel caso Berlusconi: è lesa maestà nei confronti dei neo monegaschi Barra-Pessina?

Condividi questo articolo

Lascia un commento