SOROS / ADESSO SI GENUFLETTE ANCHE IL CORRIERE DELLA SERA

Condividi questo articolo

C’eravamo sbagliati. Non solo Repubblica stesa come un tappetino ai piedi di Sua Maestà George Soros, il filantropo arcimiliardario che fa affari sulla pelle dei migranti e divora le economie di interi Paesi: ma anche il Corriere della Sera. 

Che domenica 1 luglio allunga un bel ceffone – griffato Aldo Grasso – a uno dei pochi politici che hanno il coraggio di trattare Soros come merita: un trafficante di essere umani che viene addirittura ricevuto in pompa magna dei leader dei prinicipali paesi europei. Capitò un anno fa esatto con Paolo Gentiloni che gli spalancò i portoni di palazzo Chigi; è successo giorni fa con Pedro Sanchez, il fresco leader socialista spagnolo che lo ha ospitato nella sua Moncloa. 

A quale titolo mai? Come se il cerimoniale di palazzo Chigi, qualche anno fa, si fosse messo in moto per ricevere Totò Riina, o il ministro dell’Economia avesse convocato il mago dei Parioli Madoof. 

Ecco dunque intinta nel vetriolo la consumata penna di Aldo Grasso, l’eccellente corsivista tivvù che però, quando si inerpica lungo sentieri politici, perde colpi e mette a segno autogol. 

Cosa c’entra, adesso, la difesa d’ufficio del faccendiere MangiaPaesi Soros, addirittura in prima pagina del Corsera? Per esercitare la italica professione del lecchinaggio spinto o per attaccare uno dei pochi politici rimasti ancora in campo a denunciare fatti & misfatti di tutti gli esecutivi ? O forse, più astutamente, mister Grasso intende beccare due piccioni con una sola fava?

Per chi non lo ricordi, il fondatore dell’Adusbef, ossia Lannutti, è da oltre un quindicennio in prima linea nel denunciare lo strapotere mafioso del Potere Bancario; è autore anni fa del volume “Bankster”, capace di anticipare i dirompenti scenari che negli anni seguenti si sarebbero aperti portando nel baratro centinaia di migliaia di ignari risparmiatori e facendo tracollare l’economia del Paese; è fresco autore, con Paolo Fracassi, di “Morte dei Paschi di Siena”, non solo sul giallo di David Rossi catapultato dal quarto piano di palazzo Salimbeni, ma su tutto il marcio sistema proliferato all’interno dell’istituto, storico feudo della (sic) sinistra. 

Qualcuno ha osato muovere un solo dito in tale direzione? Dove si trovava allora mister Grasso?

Ed eccolo adesso a santificare Gangster Soros che specula sulla vita degli immigrati e gestisce i traffici con le “sue” Ong. 

E a finire nella trappola che anche una giovane marmotta avrebbe scoperto casca il corsivista Corsera: “affondare le Ong”. Possibile che una Mente così fulgida come quella di mister Grasso non sia in grado di cogliere il senso della frase (imbarcazioni senza migranti)? Boh. 

Basta con le Ong griffate e finanziate dal Bandito MangiaPaesi, variamo un vera politica per i migranti in carne ed ossa. E non facciamoci più prendere per il culo da speculatori e pennivendoli di tutte le risme. Tanto al pezzo. 

  

Condividi questo articolo

Lascia un commento