GIALLO PALME / IL LEADER DEL CAMBIAMENTO “DOVEVA MORIRE”

Condividi questo articolo

Olof Palme, un giallo mai risolto. L’assassinio del premier più ‘innovativo’ d’Europa resta ancora oggi un incredibile buco nero, nonostante i 32 anni trascorsi. E restano in piedi quelle piste massoniche legate ai “poteri forti” mai battute a sufficienza, nonostante la sterminata mole di lavoro – inutile – degli 007 svedesi.

Ecco cosa ha dichiarato, qualche mese fa, un criminologo di Stoccolma, Leif Gustav Willy Persson: “Probabilmente l’assassino di Olof Palme è ancora in vita e nel delitto potrebbero essere coinvolti la polizia o qualche esponente dell’esercito”. Non ha mai creduto, Persson, nella colpevolezza del presunto assassino, un piccolo criminale di strada, quello che oggi definiremmo un ‘balordo’, Christer Pettersson.

E proprio Pettersson voleva incontrare il figlio del premeir ammazzato, Marten Palme, nel 2004, per “raccontare alcuni particolari del delitto”. Ma l’incontro non potè mai avvenire, perchè due giorni dopo la conversazione telefonica il presunto assassino venne trovato con il cranio fracassato. I destini della vita.

E’ invece conservato negli ormai strapolverosi faldoni giudiziari il testo di un messaggio, inviato tre giorni prima dell’assassinio del premier (28 febbraio 1986). A spedirlo nientemeno che il Venerabile Licio Gelli, il quale ragguagliava il confratello Philip Guarino su una novità: “Informa il nostro amico che la palma svedese verrà abbattuta”. Più chiari di così, è il caso di dirlo, si muore.

Ma chi era mai Guarino? Un fedelissimo dell’entourage di George Bush senior e stretto collaboratore di Michael Leeden, l’eminenza grigia di tutti i servizi a stelle e strisce, negli ultimi anni anche ottimo amico di Marco Carrai, il braccio destro di Matteo Renzi.

Sul giallo Palme ha a lungo indagato il super giornalista d’inchiesta e scrittore svedese Stieg Larson, il quale aveva raccolto una montagna di documenti e con ogni probabilità si accingeva a scrivere un libro bomba: consegnò un voluminoso dossier alla polizia in grado di documentare i rapporti tra i servizi segreti e i presunti killer. Ma forse sbagliò indirizzo, visto che fu poi trovato morto, ovviamente per arresto cardiaco, in circostanze – come si suol dire – ‘misteriose’.

Tutta la vicenda Palme è stata inquadrata in un contesto di conflitti tra massonerie internazionali da un esperto del tema, l’avvocato Gianfranco Carpeoro: si tratta di un cosiddetto “massone progressista”, alla stregua di Gioele Magaldi, che un paio d’anni fa ha scritto una sorta di enciclopedia delle “Ur Lodges” che dominano nel mondo, espressione di quella “massoneria conservatrice” impersonata da Mario Draghi, Mario Monti & C. Tornata oggi di grande attualità, alla luce degli scontri per la nomina di Paolo Savona al ministero dell’Economia nell’esecutivo gialloverde.

Ricostruisce Carpeoro: “Olof Palme era il padre spirituale del welfare europeo, il sistema di diritti estesi su cui la sinistra moderna e riformista ha costruito il benessere dell’Unione europea nel dopoguerra: cioè quel sistema contro cui si batte strenuamente l’Unione europea del rigore e dell’austerithy”.

Già impegnato nel movimento socialista europeo, Carpeoro ha partecipato in modo diretto a non pochi congressi del partito di Palme, il quale più di ogni altro rappresentava il volto del cambiamento possibile e per questo “doveva morire”. Proprio come, in Italia, Aldo Moro.

Condividi questo articolo

Lascia un commento