L’idillio Lega-5Stelle, parola per parola

Condividi questo articolo

E’ meritevole di fraterna simpatia e riconoscenza chi con pazienza e abilità informatica ha frugato nelle teche del sistema televisivo per assemblare un mosaico rivelatore sulle marionette che pretendono di governare il nostro grande e difficile Paese.

Ieri ho postato il video così realizzato sul mio e sui profili di amici e non di Facebook, ma la visione e l’ascolto di un filmato sono “volatili”, mentre come recita un noto detto, verba volant, scripta manent. Perciò ho “sbobinato” il video, così da fissare l’indecenza degli insulti reciproci 5Stelle-Lega, che hanno preceduto il successivo contratto di governo, vera, …inqualificabile presa per i fondelli degli italiani. Di seguito la trascrizione, con mini flash di commento.

Fico – Non faremo nessuna alleanza con la Lega. Sono geneticamente e culturalmente diversi da noi. Non è possibile.

(che dire: “perentorio”)

Salvini – Alleanza con i 5 Stelle? impossibile.

(che dire: “perentorio”)

Di Maio – Non serve togliere la parola “nord” per dimenticare decenni di insulti verso i cittadini del Sud.

(Ma non una parola sul Mezzogiorno nel Contratto di governo)

Salvini – Sai, qual è il problema? Alla prova di governo fanno pena.

(anche nel governo gialloverde?)

Di Maio- La Lega Nord che parlava di “Roma ladrona” deve decine di milioni di euro agli italiani e urla al complotto.

(pareggio: uno a uno)

Salvini – Ad oggi i 5Stelle sono più a sinistra di Rifondazione comunista e quindi in questo è ben difficile ragionare di governo insieme.

(ragionare: ce l’ha con se stesso?)

Di Battista- Oggi Salvini dovunque sta in televisione. La faccia…ma nuova di che? Nel ’93 è stato eletto per la prima volta e chissà quanti soldi ci è costato

(gli chiediamo il rimborso?)

Salvini – Quei chiacchieroni, incapaci che si dimostrano i 5Stelle. Niente da fare con questa gente

(replay di volontà perentoria)

Di Maio – Salvini fa politica da quando avevo quattro anni. Non si sa cosa ha fatto per questo Paese

(e tu Giggino, cosa hai fatto?)

Salvini – Soprattutto governano Roma il cui simbolo, ahimé, è lo spelacchio (albero di Natale, ndr). Quindi io, onestamente, non sono in grado di sostenere un governo spelacchio.

(capito l’antifona?)

Di Battista – Allora, per essere ancor più chiaro: il giorno in cui il movimento 5Stelle (ma non succederà mai) si dovesse alleare con i partiti responsabili della distruzione dell’Italia, io lascerei 5Stelle.

(e mica ha lasciato…)

Salvini – Di Battista era uno dei più simpatici dei 5Stelle. Purtroppo quando dalle parole si passa ai fatti sono disastri.

(una carezza, uno schiaffo)

Di Maio – Abbiamo visto come Salvini si sia venduto per qualche poltrona.

(Senti chi parla: e l’assalto grillino alle poltrone istituzionali?)

Salvini – Detto questo, alla prova dei fatti i 5Stelle mi sembrano veramente una bufala.

(e mica ha torto, ma ora, dimenticato tutto?)

Toninelli – Salvini è un ipocrita e un falso.

(crescendo rossiniano)

Salvini – Uno che pensa che un terrorista islamico debba essere reinserito nella società, va ricoverato.

(fuochi d’artificio)

Toninelli – Il livello del dibattito che tu porti avanti, io solitamente lo tengo al bar, non lo so, dopo un paio di birre.

(“eravamo due nemici al bar”)

Salvini – Io chiesi un confronto a Grillo, lui disse no, chi se ne frega, io sono bello e tuti gli altri brutti.

(tra l’uno e l’altro sceglier non saprei)

Grillo- Volevo dire che la Lega è stata da anni al governo. Hanno rubato, le sono mancati dei soldi. Sono andati anche a questo signore qua.

(missile terra-terra)

Salvini – Grillo è alla canna del gas, è un poverino. E’ un poverino in evidente difficoltà.

(bazooka ad altezza uomo)

Grillo – Decide il popolo italiano, non dei cazzoni di partito

(eureka, finalmente una parola vietata ai minori di anni 18)

Salvini – E’ un cazzone di partito lui

(chi di spada ferisce, di spada perisce)

Grillo – Salvini è stato messo lì per togliere noi dal contesto del dialogo politico.

(Caro amico ti scrivo…)

Salvini – Grillo piglia per il culo (la parola attesa, finalmente, ndr) gli italiani.

(approvato dall’Accademia della Crusca)

Fico – Quando sento parlare di alleanza con la Lega è fantascienza allo stato puro.

(fantascienza? Ma Fico, cosa dici mai? È la realtà)

Giannini (La Repubblica) – Mai governo con 5Stelle?

(domanda profetica)

Salvini – No, esatto

(Pinocchio? Un dilettante)

Giannini – E’ un impegno solenne che lei prende?

(scatta la trappola)

Salvini – Esatto

(il topo ci è finito con le zampe)

Grillo –Salvini è uno che quando dice una cosa la mantiene.

(e come no? Al governo c’è andato mio zio Casimiro).

Per chiudere in “bellezza”: incarico conferito a Conte, cattolicamente perdonato per le bugie del curriculum? Absit iniuria verbis.

Condividi questo articolo

Lascia un commento