FUNDRAISING / UNA NUOVA VIA PER IL TERZO SETTORE

Condividi questo articolo

Un mondo ancora tutto da scoprire ma già capace di fornire sensibili segnali di sviluppo.

E’ quello del fundraising, o se preferite del crowdfunding. Un ponte lanciato tra chi porta avanti iniziative di tipo soprattutto sociale e culturale nel cosiddetto “Terzo Settore” e chi intende appoggiarne la nascita e lo sviluppo.

Progetti che quindi nascono dal basso, senza padrini, padroni e santi in paradiso, partoriti dalle volontà di singoli, gruppi e associazioni che intendono mettersi in gioco.

Ma quale è stato fino ad oggi il limite che ha condizionato il decollo di simili iniziative? Il trovarsi spesso soli in un deserto, soprattutto a livello di ‘comunicazione’. Ed è proprio per questo che cominciano a svilupparsi e gemmare strumenti in grado di mettere in rete quei progetti, connettendoli con i tanti, potenziali ‘donatori’ che in questo modo possono prendere parte attiva ai progetti, far massa critica, in modo del tutto trasparente.

Una delle vie per utilizzare il web, internet, le nuove tecnologie, la rete in modo concreto, al servizio di iniziative e progetti che possono avere un significativo impatto sociale e che altrimenti resterebbero solo sulla carta, pure utopie. Un modo, anche, per rispondere alle ‘patologie’ della rete, come sta palesando oggi il caso Facebook.

Proprio per fornire strumenti utili di conoscenza su questo mondo per certi versi ancora inesplorato  Elena Zanella ha scritto un volume, “Digital Fundraiser”, che viene presentato alla Fondazione Banco di Napoli, in via Tribunali 213, il 6 aprile nel corso di un meeting sul tema “Modalità e tecniche per la raccolta di fondi on line”.

L’incontro è promosso da ASSIF, l’Associazione Italiana Fundraiser, in vita da settembre 2000, e da Meridonare, la piattaforma costituita meno di tre anni fa dalla stessa Fondazione Banco Napoli e che ha già mobilitato una ingente massa di risorse per la promozione – via crowdfunding – di iniziative nate nel Mezzogiorno.

Giorni prima Assif e Meridonare hanno organizzato una giornata di studi su “Le nuove opportunità per la raccolta fondi”, alla quale ha preso parte Carlo Mazzini, consigliere di Assif e consulente in materia di legislazione sociale per gli enti no profit.

Condividi questo articolo

Lascia un commento