TG1 / SBARCA L’ETERNO VICE GENNARO SANGIULIANO ?

Condividi questo articolo

Vertici Rai in fermento. Movimenti in vista soprattutto al Tg1. Al posto del renzian-orfeiano Andrea Montanari potrebbe sbarcare il vice di una vita, Genny Sangiuliano, fedele scudiero del mega direttore Mario Orfeo e in ottimi rapporti con il centrodestra.

Un tempo missino, amico da sempre di Maurizio Gasparri (quindi ben visto in Forza Italia), il Gennaro partenopeo ha coltivato ottimi rapporti con la Lega di Matteo Salvini e con Fratelli d’Italia. Lo stesso meloniano Ignazio La Russa gli aveva offerto un collegio ‘sicuro’ per il Senato, ma lui ha preferito rimanere da mamma Rai.

Ora potrebbe raccogliere i frutti di cotante amicizie. Le più antiche, comunque, risalgono ai tempi della prima Repubblica, quando era il maggiordomo di casa De Lorenzo. Racconta un medico del Pascale, il presidio oncologico più grande al Sud. “Era ancora un giovanotto di belle speranze quando i De Lorenzo gli affidarono il magazine ‘Notizie del Pascale‘. Ricordo, come tanti colleghi, la scena rituale di ogni giorno: il patriarca Ferruccio De Lorenzo che arrivava in pompa magna, due passi indietro il figlio Franco poi ministro della Sanità, a quattro passi e con due borse in mano, sempre a capo chino, Sangiuliano”.

Per Sua Sanità ha poi diretto L’Opinione del Mezzogiorno, tutta Pli, e s’è fatto le ossa a Canale 8, la tivvù del trio Pomicino-Di Donato-De Lorenzo, la PD2 come veniva etichettata nel pre Tangentopoli partenopeo.

Ottimo amico anche di Vittorio Feltri il Genny vesuviano (i timonieri di Libero hanno scritto a quattro mani una story del Quarto Reich), che da alcuni anni si è tuffato nelle burrascose vicende russe, da Lenin a Putin, per sbarcare poi negli States con gli imperdibili saggi su Hillary Clinton e Donald Trump.

Dal canto suo capo Orfeo deve sciogliere il dilemma: cedere alle sirene di Repubblica, ai cui lidi potrebbe riapprodare al posto dell’ectoplasma Mario Calabresi? Secondo i rumors la cosa è fattibile, a patto che dia una limatina alla sua ultima richiesta: stipendio triplicato rispetto a quanto becca in Rai. Da neuro.

C’è chi commenta: “Certo per lui l’aria si potrebbe far pesante, visto che i 5 Stelle lo hanno sempre visto come il fumo negli occhi, lo stesso la Lega. Per il resto andrebbe bene a tutti, soprattutto al Pd di Renzi, che lo ha voluto su quella poltrona, e a Forza Italia. Tutto dipende dalle intese che si faranno e dal governo che verrà. Ma lui, culo di pietra, una poltrona zeppa di soldi la trova sempre”.

 

nella foto Gennaro Sangiuliano

Condividi questo articolo

Lascia un commento