LONDRA / DOPO LITVINENKO, UN’ALTRA SPIA RUSSA AVVELENATA

Condividi questo articolo

Altro giallo a Londra. Un’altra ex spia russa avvelenata, come nel celebre caso di Alexander Litvinenko, ucciso con un tè al polonio bevuto in un ristorante sushi della capitale inglese quando si trovava in compagnia del faccendiere di casa nostra Mario Scaramella.

Stavolta il bersaglio si chiama Sergei Skripal (nella foto), trovato boccheggiante sulla panchina di un centro commerciale in compagnia di una ragazza altrettanto priva di sensi: ora ricoverati in fin di vita al Salisbury hospital. La prima pista: avvelenati con una sostanza misteriosa. A conferma, la circostanza che in tutta l’area sono stati visti molti addetti alle anticontaminazioni, con maschere e tute apposite. E’ stata anche perquisita l’abitazione dell’ex 007 russo.

Alexander Litvinenko

Litvinenko morì per un’overdose di polonio nel 2006. E proprio in quell’anno – guarda caso – venne condannato a Mosca Skripal, 13 anni di galera con l’accusa di alto tradimento: secondo il tribunale militare, infatti, aveva venduto per 100 mila dollari informazioni segrete all’M16, i servizi segreti di sua maestà britannica. Quattro anni dopo, comunque, arriva la grazia, firmata dall’allora presidente russo Dmitry Medvedev. Quindi riesce a tornare nella ormai sua Londra, dopo lo scambio con dieci agenti russi che l’Fbi aveva arrestato, tra cui la fascinosa spia ‘rossa’ (per i capelli) Anna Chapman.

L’avvelenamento di oggi – secondo non pochi esperti di intelligence – sarebbe frutto di un regolamento di conti tra gli stessi servizi segreti.

Il giallo Litvinenko, comunque, non ha mai trovato una soluzione finale. Il sospettato numero uno, Andrej Lugovoi, è attualmente un parlamentare a Mosca. E’ stato accusato, dai britannici, di agire per conto di Vladimir Putin, nell’operazione tesa ad eliminare gli ex agenti o comunque ‘oppositori’ trasferitisi in Inghilterra. I russi, dal canto loro, hanno negato con decisione ogni addebito: come nel caso del ‘suicidio’ di Boris Berezovskij, amico di Litvinenko.

Nè il ruolo giocato da Mario Scaramella è stato mai chiarito da alcun tribunale.

Condividi questo articolo

Un commento su “LONDRA / DOPO LITVINENKO, UN’ALTRA SPIA RUSSA AVVELENATA”

  1. Pingback: La voce Delle Voci

Lascia un commento