PUBBLICITA’ / QUEL PARTO TRA VERSI E SCAFFALI CONAD 

Condividi questo articolo

Top dei top, per la pubblicità più inguardabile, alle coop un tempo rosse. Oggi forse rosse solo dalla vergogna.

Non bastava la sempre più stucchevole sceneggiata tra mogliettina e maritino sulla bontà dei prodotti griffati coop, con lui che di notte si alza dal letto e va tra banconi e frigoriferi per controllare la qualità dei suoi prodotti.

Adesso è arrivato il parto. Pensi di essere in clinica, tra cure amorevoli e mille attenzioni, invece la poveretta si trova a gambe aperte tra cento clienti guardanti e festanti. E la solita voce di fondo che sussurra carezzevole: “nessun uomo è un’isola”, scomodando quel grande poeta, John Donn, che ora si rivolta come una trottola, in un frastuono di detersivi, scatolette e spaghetti.

C’era una volta Ernesto Calindri con il suo Cynar in mezzo al traffico…

Condividi questo articolo

Lascia un commento