PER ABBONAMENTI SOSTENITORE E PER DONAZIONI ALLA VOCE IBAN IT88X0503803400000010024263

EATALY, FICO, FONDI & C. / AMICI MIEI, TUTTI A TAVOLA


30 novembre 2017 autore: Andrea Cinquegrani



mont farinetti2

Il business alimentare. Una triangolazione tra alcuni big del settore e il mondo finanziario. E i soliti ‘Fondi’ a far da burattinai. E’ questo lo scenario in cui si svolge la storia che un lettore ci ha raccontato, prendendo spunto dall’inchiesta della Voce di qualche giorno fa sul FICO delle meraviglie appena piantato a Bologna da mister Eataly, Oscar Farinetti.

Un affare da 140 milioni di euro, per ora, che potrebbe gonfiarsi fino a 400 in un breve lasso di tempo. Potete leggere l’inchiesta cliccando sul link in basso.

Protagonista della ‘raccolta’ sarà il fondo Prelios, appena passato sotto il controllo di una sigla americana, ma con una fetta di oltre il 20 per cento che fa capo a un tris d’assi: il re dei fondi di casa nostra Massimo Caputi, il finanziere storicamente legato a Caputi Daniel Buaròn e Fulvio Conti, l’ex amministratore delegato di Enel. Prelios è il fondo che dovrebbe interessarsi anche del futuro finanziario dell’operazione stadio della Roma calcio a Tor di Valle.

CARA VOCE TI SCRIVO

Ecco cosa ci scrive il lettore. “L’operazione FICO serve a promuovere solo i grandi marchi, i brand già noti. Quello della promozione contadina è solo fumo negli occhi”.

Massimo Caputi. In apertura Oscar Farinetti e sullo sfondo Eataly all'Ostiense

Massimo Caputi. In apertura Oscar Farinetti e sullo sfondo Eataly all’Ostiense

“Nell’operazione è entrato Prelios, e ha lottato fino sul filo di lana con Fimit, altro grande fondo creato da Massimo Caputi poi passato alla DEA del gruppo De Agostini che ha il 70 per cento e all’Inps che detiene le restanti quote. Fimit comunque si può accontentare perchè ha in corso altre grosse operazioni, oltre ad essere primattore per la gestione dei fondi della casse previdenziali di molte categorie professionali, uno dei business oggi maggiori in campo”.

“Una delle più grosse operazioni di Eataly negli ultimi anni è stata quella che riguarda uno dei suoi quartieri generali più accorsati, piazzale Ostiense a Roma, il mega edificio delle Ferrovie dello Stato prima passato a un reuccio della distribuzione, Antonino Faranda, e poi da questi girato ad Eataly”.

FONDI DELLE MIE BRAME

“Molto interessanti i rapporti di Faranda e delle società del suo arcipelago della distribuzione, oggi alle prese con svariati problemi anche di carattere giudiziario oltre che sindacale, con Fimit e con lo stesso Massimo Caputi. Ad esempio l’affare di un grosso immobile romano, a Tor Cervara, un’operazione da 30 milioni di euro. Faranda ha venduto al fondo Alpha, controllato da Fimit, per poi riaffittare la stessa struttura ad Alpha. Un grosso affare per Faranda, molto meno per i sottoscrittori di Alpha”.

“Per quanto riguarda Caputi, i rapporti con Faranda sono documentati attraverso la società Imma, dove Faranda  è presente con ‘Tuo‘ e Caputi con ‘P.I.S.A.’ Tuo è una delle tante società di Faranda che fanno capo al Gruppo Tuo e a Tuodì, che da luglio 2017 sono in concordato preventivo. Prima nel carrello di Faranda c’era anche il marchio Despar”.

Fulvio Conti

Fulvio Conti

“La società Imma, che si è occupata anche della gestione dei fondi pensione del San Paolo, ha avuto rapporti d’affari con un altro finanziere, Ofer Arbib, tra l’altro cugino di Buaròn. Arbib, infatti, è presente nella compagine della lussemburghese Emera Sicav in compagnia di altri personaggi dell’entourage Caputi-Buaron”.

Non è finita. “Una delle società di Faranda è stato uno degli investitori principali del fondo Omicron, costituito da Caputi con gli immobili che fanno capo a Unicredit. E anche il fondo Ippocrate riconducibile ad Empan, la ricca cassa previdenziale dei medici, può contare su grossi investimenti che hanno visto Faranda come conduttore di immobili appartenenti allo stesso fondo Ippocrate”.

Insomma, una autentica giungla. Tra le nebbie finanziarie che avvolgono i Fondi di casa nostra. Ormai diventati gli arbitri dei destini economici del Belpaese.

Grasso che cola per i finanzieri d’assalto, sulle spalle di sottoscrittori, cittadini, risparmiatori, pensionati: i soliti calpestati da una vita. E la magistratura, come sempre più spesso accade, sta a guardare.

 

leggi anche

OPERAZIONE FICO / COSA C’E’ NEL RICCO CILINDRO DEL SUPER RENZIANO OSCAR FARINETTI ?

20 novembre 2017




Lascia una risposta

*