PER ABBONAMENTI SOSTENITORE E PER DONAZIONI ALLA VOCE IBAN IT88X0503803400000010024263

NAPOLI METROPOLITANA / AI RAGGI X LE CONSULENZE D’ORO DI ARMENA


4 novembre 2017 autore: PAOLO SPIGA



citta metropolitana napoli

Città metropolitana di Napoli, da quasi dieci anni è in vita una misteriosa società, di nome Armena Sviluppo spa, che occupa la bellezza di 415 dipendenti. Fino ad oggi nessuno ne ha mai saputo niente, anche perchè la sua attività è quanto mai nebulosa.

Ora il suo nome sale agli onori delle cronache per via di un’inchiesta della Corte dei Conti di Napoli, che ha deciso di vederci chiaro su bilanci, conti e spese, soprattutto sul fronte dei “consulenti esterni” a quanto pare pagati a peso d’oro, tra cui parecchi papaveri universitari.

In pratica, Armena è l’Agenzia di sviluppo dell’area metropolitana, nata sulle ceneri della “Liternum Sviluppo Napoli Nord”, una sigla che per anni si era occupata dello sviluppo dell’area di Giugliano, un popoloso comune a nord della città. Liternum è stata poi inglobata in Armena, la quale sulla carta dovrebbe occuparsi un po’ di tutto, un vero fritto misto alla napoletana: sviluppo sociale ed economico, salvaguardia ambientale, supporto alle attività produttive, viabilità, messa in sicurezza del patrimonio immobiliare.

Commenta un suo funzionario: “praticamente tutto e niente. Si tratta in buona parte delle vecchie competenze dell’ente Provincia, ora disaggregate e mescolate con altre. Cerchiamo di fare, nella confusione più totale, quel che possiamo. Ma la cosa incredibile è che con tanti che siamo, oltre 400, ci sia bisogno di pagare profumatamente dei consulenti esterni, per i quali spendiamo oltre 230 mila euro l’anno”.

Per la precisione 233 mila. Ed è su questa posta che ha appena puntato i riflettori la procura della Corte dei Conti di Napoli, che sta passando ai raggi x tutta la documentazione, per cercare di capire in che modo la partecipata della Città metropolitana spenda i suoi soldi e se siano giustificate quelle consulenze super pagate. Possibile mai – si chiedono le toghe contabili – che tra i 400 e passa dipendenti non ci siano energie e capacità per fare quei lavori?




Lascia una risposta

*