MORTE DI PABLO NERUDA / TROVATE TRACCE DI UNA TOSSINA

Condividi questo articolo

Pablo Neruda venne assassinato. E’ la notizia bomba che sta rimbalzando in Cile a proposito della morte del grande poeta, fino ad oggi addebitata ad un cancro, come recitava il certificato ufficiale relativo al decesso.

A quanto pare, un gruppo di esperti ha individuato – analizzando i resti del cadavere – tracce di “una tossina mai scoperta prima”, segno di un possibile avvelenamento.

Sulla fine del poeta c’è stata sempre una cortina di mistero. La sua fine avvenne nel 1973, ad appena 12 giorni dal golpe che portò al massacro del presidente comunista Salvador Allende e all’ascesa del golpista e fascista Augusto Pinochet. E al massacro (e alla sparizione) di migliaia e migliaia di cileni.

Sarà ora in grado la magistratura cilena – prove del Dna comprese – di proseguire su questa importante traccia e di accertare quella verità e quei tragici fatti di 44 anni fa?

Condividi questo articolo

Lascia un commento