RIFIUTI A SALERNO / L’ANAC INDAGA SULL’IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO

Condividi questo articolo

Impianto per il compostaggio dei rifiuti a Salerno. L’Autorità anticorruzione guidata da Raffaele Cantone accende i riflettori sull’opera inaugurata mesi fa in pompa magna del Governatore della Campania e per un decennio sindaco di Salerno Vincenzo De Luca.

L’indagine parte due anni e mezzo fa, aprile 2105, per la denuncia di un ex assessore regionale della precedente giunta Caldoro. Nel corso dei mesi l’Anac sente i protagonisti della vicenda, tra cui il Comune, la Regione e l’Arpac, ossia l’agenzia regionale per l’ambiente.

Ecco alcuni passaggi delle accuse mosse dall’Anac.

Innanzitutto si parla di “cattivo funzionamento dell’impianto” e di “onerosi extra costi nella gestione”.

Poi, “emerge l’assenza di una gestione adeguatamente coordinata del ciclo dei rifiuti”.

Ancora: “il digestore anaerobico non recupera materia, producendo composto, e non produce biogas”. Un fallimento totale. Il motivo base? “La cattiva qualità della frazione organica in ingresso”.

Durissima, l’Anac, anche sul fronte dei costi pubblici: “Un costo annuo di un milione per eliminare la plastica costituita dai contenitori è stato considerato esagerato, mentre non è apparso esagerato erogare al gestore dell’impianto annualmente una somma extra pari a 1,2 milioni di euro per lo smaltimento degli scarti di lavorazione e del percolato prodotti in quantità superiore a causa del cattivo funzionamento”.

Dal canto suo la Regione ha fatto sapere di aver revocato l’autorizzazione ambientale al gestore dell’impianto, la Daneco, esattamente un anno fa, ottobre 2016.

Condividi questo articolo

Lascia un commento