PER ABBONAMENTI SOSTENITORE E PER DONAZIONI ALLA VOCE IBAN IT88X0503803400000010024263

MAFIE / NON PIU’ PIZZINI, ORA MESSAGGI SU MICRO PEN DRIVE


15 ottobre 2017 autore: Redazione



Fuorni

E’ finita l’epoca dei pizzini. Adesso per comunicare dalle carceri i boss usano micro pen drive.

Lo stanno accertando gli agenti della polizia penitenziaria in Campania.

Un traffico che fino ad oggi non ha incontrato particolari resistenze per un sempice fatto: gli scanner nelle carceri sono molto vecchi, per cui non riescono ad individuare i minuscoli apparecchi elettronici in occasione delle visite dei parenti.

Le micro pen drive, quindi, riescono a passare, e i detenuti riescono a leggerne il contenuto durante i corsi scolastici previsti.

La stessa operazione avviene in uscita, durante i rituali colloqui. Un meccanismo, dunque, perfettamente oliato e tecnologicamente raffinato.

Pochi giorni fa, nel carcere di Fuorni, vicino Salerno (nella foto), nel corso di una perquisizione sono stati trovati due archivi digitali, con tanto di micro sim e cellulari.

Un altro carcere dal densissimo traffico telematico è quello di Airola, nel beneventano, dove si trova il carcere minorile in cui vengono ospitati parecchi baby boss. E anche qui l’ultima perquisizione ha portato a parecchie scoperte informatiche, informazioni digitali che sono tranquillamente passate per mesi, senza subire alcun controllo.




Lascia una risposta

*